Legge di Mosè
    Note a piè di pagina

    Legge di Mosè

    Per mezzo di Mosè Dio dette le leggi al casato d’Israele per sostituire la legge superiore alla quale essi avevano mancato di obbedire (Es. 34; TJS, Es. 34:1–2; TJS, Deut. 10:2 [Appendice]). La legge di Mosè consisteva di molti principi, regole, cerimonie, riti e simboli per ricordare agli uomini i loro doveri e le loro responsabilità. Comprendeva una legge di comandamenti e prestazioni morali, etiche, religiose e fisiche — inclusi i sacrifici (Lev. 1–7) — che avevano lo scopo di rammentare loro il loro Dio e il loro dovere verso di Lui (Mos. 13:30). La fede, il pentimento, il battesimo nell’acqua e la remissione dei peccati facevano parte della legge, come i Dieci Comandamenti e molti altri comandamenti di elevato valore etico e morale. Una gran parte della legge cerimoniale fu adempiuta con la morte e la risurrezione di Gesù Cristo, avvenimenti che posero termine al sacrificio mediante il versamento di sangue (Alma 34:13–14). La legge era amministrata sotto il Sacerdozio di Aaronne ed era un Vangelo preparatorio per portare i suoi aderenti a Cristo.