Gioele
    Note a piè di pagina

    Gioele

    Nell’Antico Testamento profeta del paese di Giuda. La data in cui visse è incerta. Probabilmente è vissuto tra il regno di Joas, prima dell’850 a.C., e il ritorno della tribù di Giuda dalla schiavitù di Babilonia.

    Libro di Gioele

    Il libro riguarda soprattutto una profezia che Gioele fece dopo che il paese di Giuda fu colpito da una grande siccità e da stormi di locuste (Gioe. 1:4–20). Gioele assicura al popolo che mediante il pentimento essi potranno di nuovo ricevere le benedizioni di Dio (Gioe. 2:12–14).

    Il capitolo 1 contiene un invito a una solenne assemblea nella casa del Signore. Il capitolo 2 parla della guerra e della desolazione che precederà il Millennio. Il capitolo 3 descrive gli ultimi giorni e riafferma che tutte le nazioni saranno in guerra, ma alla fine il Signore dimorerà in Sion.

    Pietro cita la profezia di Gioele della discesa dello Spirito nel giorno della Pentecoste (Gioe. 2:28–32; Atti 2:16–21). Anche l’angelo Moroni citò questo passo a Joseph Smith (JS – S 1:41).