Sussidi didattici
Giacomo, fratello del Signore
precedente avanti

Giacomo, fratello del Signore

Nel Nuovo Testamento uno dei fratelli del Signore (Gal. 1:19) e di Giuseppe, Simone e Giuda e di alcune sorelle (Mat. 13:55–56; Mar. 6:3; Giuda 1:1). Egli era anche noto come Giacomo il Giusto e occupava un’importante posizione nella Chiesa a Gerusalemme (Atti 12:17; 15:13; 1 Cor. 15:7; Gal. 2:9–12). È probabilmente l’autore dell’epistola di Giacomo.

Epistola di Giacomo

Libro del Nuovo Testamento. In origine era una lettera indirizzata alle dodici tribù d’Israele sparse nel mondo e fu probabilmente scritta a Gerusalemme. L’epistola contiene alcune chiare dichiarazioni sulla religione pratica, inclusa l’importante esortazione del capitolo 1 che se una persona manca di saggezza, la chieda a Dio (Giacomo 1:5–6; JS – S 1:9–20). Il capitolo 2 parla della fede e delle opere. I capitoli 3–4 sottolineano la necessità di dominare la lingua e ammoniscono i santi a non parlar male gli uni degli altri. Il capitolo 5 esorta i santi ad aver pazienza e a chiedere agli anziani di benedire gli infermi; spiega anche di quali benedizioni godono coloro che si adoperano per convertire gli altri.