Nefi, figlio di Nefi, figlio di Helaman
    Note a piè di pagina

    Nefi, figlio di Nefi, figlio di Helaman

    Nel Libro di Mormon uno dei dodici discepoli nefiti scelti da Gesù Cristo risorto (3 Ne. 1:2–3; 19:4). Questo profeta pregò fervidamente il Signore in favore del suo popolo. Nefi udì la voce del Signore (3 Ne. 1:11–14). Nefi fu anche visitato dagli angeli, cacciò i demoni, risuscitò suo fratello da morte e portò una testimonianza che non poteva essere negata (3 Ne. 7:15–19; 19:4). Nefi tenne gli annali sacri (3 Ne. 1:2–3).

    Terzo libro di Nefi

    Libro del Libro di Mormon scritto da Nefi, figlio di Nefi. I capitoli 1–10 sottolineano l’adempimento delle profezie riguardanti la venuta del Signore. Fu dato il segno della nascita di Cristo; il popolo si pentì, ma poi tornò alla malvagità. Infine tempeste, terremoti, violenti uragani e grande distruzione segnarono la morte di Cristo. I capitoli 11–28 descrivono la venuta di Cristo nelle Americhe. Questa è la parte centrale del terzo libro di Nefi. Molte delle parole di Cristo sono simili a quelle dei Suoi sermoni riportati nella Bibbia (per esempio: Mat. 5–7 e 3 Ne. 12–14). I capitoli 29–30 contengono le parole che Mormon rivolge alle nazioni degli ultimi giorni.

    Quarto libro di Nefi

    Questo libro consiste di soli quarantanove versetti, tutti in un capitolo, tuttavia copre quasi 300 anni di storia nefita (34–321 d.C.). Numerose generazioni di scrittori, incluso Nefi, contribuirono a creare questo documento. I versetti 1–19 spiegano che, dopo la visita del Cristo risorto, tutti i Nefiti e i Lamaniti si convertirono al Vangelo. Regnarono pace, amore e armonia. I tre discepoli nefiti, ai quali Cristo aveva concesso di rimanere sulla terra sino alla Sua seconda venuta (3 Ne. 28:4–9), svolsero il loro ministero tra il popolo. Nefi trasmise gli annali a suo figlio Amos. I versetti 19–47 contengono la storia del ministero di Amos (ottantaquattro anni) e di quella di suo figlio Amos (centododici anni). Nel 201 d.C. l’orgoglio cominciò a creare delle difficoltà tra il popolo, che si divise in classi e fondò false chiese a scopo di lucro (4 Ne. 1:24–34).

    Gli ultimi versetti del quarto libro di Nefi spiegano che il popolo era tornato di nuovo alla malvagità (4 Ne. 1:35–49). Nel 305 d.C. Amos, figlio di Amos, morì e suo fratello Ammaron nascose tutti i sacri annali per salvaguardarli. Ammaron in seguito affidò gli annali a Mormon, il quale annotò molti avvenimenti del suo tempo e poi li riassunse (Morm. 1:2–4).