Sussidi didattici
Geremia
precedente avanti

Geremia

Profeta dell’Antico Testamento. Nato in una famiglia sacerdotale, che profetizzò in Giuda dal 626 al 586 a.C. Egli visse circa nello stesso periodo di altri grandi profeti: Lehi, Ezechiele, Osea e Daniele.

Geremia fu ordinato ad essere profeta nella vita preterrena (Ger. 1:4–5). Durante i suoi circa quarant’anni di ministero predicò contro l’idolatria e l’immoralità tra il popolo di Giuda (Ger. 3:1–5; 7:8–10). Egli dovette affrontare continua opposizione e insulti (Ger. 20:2; 36:18–19; 38:4). Dopo la caduta di Gerusalemme i Giudei che fuggirono in Egitto portarono con loro Geremia (Ger. 43:5–6); là, secondo la tradizione, lo misero a morte mediante lapidazione.

Libro di Geremia

I capitoli 1–6 contengono le profezie fatte durante il regno di Giosia. I capitoli 7–20 contengono le profezie fatte durante il tempo di Jehoiakim. I capitoli 21–38 riguardano il regno di Sedechia. I capitoli 39–44 contengono profezie e descrivono gli avvenimenti storici successivi alla caduta di Gerusalemme. Il capitolo 45 contiene la promessa fatta a Baruc, suo scriba, che gli sarebbe stata salvata la vita. Infine i capitoli 46–51 contengono profezie contro le nazioni straniere. Il capitolo 52 è la conclusione storica. Alcune delle profezie di Geremia erano incise sulle tavole di bronzo di Labano prese da Nefi (1 Ne. 5:10–13). Geremia è anche menzionato in due altre occasioni nel Libro di Mormon (1 Ne. 7:14; Hel. 8:20).

Il libro di Geremia sottolinea la realtà dell’esistenza preterrena dell’uomo e della preordinazione di questo profeta (Ger. 1:4–5). Contiene una profezia riguardante il ritorno di Israele dalle sue condizioni di dispersione, grazie a un raduno che avverrà, uno da una città e due da una famiglia, a Sion, terra piacevole in cui Israele e Giuda potranno dimorare in sicurezza e pace (Ger. 3:12–19). Contiene anche una profezia del Signore riguardo al raduno di Israele dai paesi del nord mediante l’invio di molti “pescatori” e “cacciatori” per trovarli (Ger. 16:14–21). Questo avvenimento degli ultimi giorni sarà in proporzione più grande ancora della liberazione degli Israeliti dalla schiavitù ad opera di Mosè (Ger. 16:13–15; 23:8).