Lehi, padre di Nefi
    Note a piè di pagina

    Lehi, padre di Nefi

    Nel Libro di Mormon profeta ebraico che guidò la sua famiglia e i suoi seguaci da Gerusalemme a una terra promessa nell’emisfero occidentale nel 600 a.C. circa. Lehi fu il primo profeta tra il suo popolo secondo il racconto del Libro di Mormon.

    Lehi fuggì da Gerusalemme con la sua famiglia dietro comandamento del Signore (1 Ne. 2:1–4). Egli discendeva da Giuseppe che fu venduto in Egitto (1 Ne. 5:14). Il Signore gli dette una visione dell’albero della vita (1 Ne. 8:2–35). Lehi e i suoi figli costruirono una nave e raggiunsero l’emisfero occidentale (1 Ne. 17–18). Egli e i suoi discendenti si stabilirono in una nuova terra (1 Ne. 18:23–25). Prima di morire, Lehi benedisse i suoi figli e parlò loro di Cristo e della venuta alla luce del Libro di Mormon negli ultimi giorni (2 Ne. 1:1–4:12).

    Libro di Lehi

    Quando prese a tradurre il Libro di Mormon, Joseph Smith cominciò dal libro di Lehi. Erano annali che Mormon aveva riassunto dalle tavole di Lehi. Quando furono pronte centosedici pagine manoscritte della traduzione di questo libro, Joseph le consegnò a Martin Harris, che per breve tempo era stato scrivano di Joseph nella traduzione del Libro di Mormon. Le pagine andarono poi perdute. Joseph non ritradusse il libro di Lehi per sostituire il manoscritto andato perduto ma tradusse invece altre storie concomitanti dalle tavole d’oro (vedi le introduzioni a DeA 3 e 10). Queste e altre storie ora formano i primi sei libri del Libro di Mormon.