Sussidi didattici
Osanna
precedente avanti

Osanna

Parola ebraica che significa “deh, salvaci” e viene usata nelle lodi e nelle suppliche.

Alla festa delle Capanne, che celebrava l’arrivo del popolo d’Israele nella terra promessa dal Signore, il popolo cantava il Salmo 118 e agitava rami di palma. All’ingresso trionfale del Signore in Gerusalemme la moltitudine gridò “Osanna” e sparse rami di palma sopra i quali Gesù potesse cavalcare, dimostrando così di comprendere che Gesù era lo stesso Signore che aveva liberato Israele nell’antichità (Sal. 118:25–26; Mat. 21:9, 15; Mar. 11:9–10; Giov. 12:13). Quelle persone riconobbero in Cristo il lungamente atteso Messia. La parola Osanna è diventata una celebrazione del Messia in ogni epoca (1 Ne. 11:6; 3 Ne. 11:14–17). Il grido dell’osanna fu incluso nella dedicazione del Tempio di Kirtland (DeA 109:79) e ora fa parte della dedicazione dei templi moderni.