Mosè
    Note a piè di pagina

    Mosè

    Profeta dell’Antico Testamento che guidò gli Israeliti fuori dalla schiavitù d’Egitto e dette loro una serie di leggi religiose, sociali e dietetiche rivelate da Dio.

    Il ministero di Mosè andò oltre i limiti della sua esistenza terrena. Joseph Smith spiegò che, in compagnia di Elia, egli venne al Monte della Trasfigurazione e conferì le chiavi del sacerdozio a Pietro, Giacomo e Giovanni (Mat. 17:3–4; Marco 9:4–9; Luca 9:30; DeA 63:21).

    Mosè apparve a Joseph Smith e Oliver Cowdery il 3 aprile 1836 nel Tempio di Kirtland, nell’Ohio, e conferì loro le chiavi del raduno di Israele (DeA 110:11).

    Le rivelazioni degli ultimi giorni spiegano molte cose riguardo a Mosè. Egli è menzionato spesso nel Libro di Mormon, e da Dottrina e Alleanze impariamo molto riguardo al suo ministero (DeA 84:20–26) e sappiamo che egli ricevette il sacerdozio da suo suocero Jethro (DeA 84:6).

    Le rivelazioni degli ultimi giorni confermano anche il resoconto biblico del suo ministero tra i figliuoli di Israele e ribadiscono che egli è l’autore dei primi cinque libri dell’Antico Testamento (1 Ne. 5:11; Mosè 1:40–41).

    Libro di Mosè

    Libro di Perla di Gran Prezzo che contiene la traduzione ispirata di Joseph Smith dei primi sette capitoli della Genesi.

    Il capitolo 1 contiene una visione in cui Mosè vide Dio, il quale gli rivelò l’intero piano di salvezza. I capitoli 2–5 contengono la storia della Creazione e della caduta dell’uomo. I capitoli 6 e 7 contengono una visione di Enoc e del suo ministero sulla terra. Il capitolo 8 contiene una visione riguardante Noè e il grande Diluvio.

    I cinque libri di Mosè

    I primi cinque libri dell’Antico Testamento sono noti come libri di Mosè. Le tavole di bronzo che Nefi prese da Labano contenevano i libri di Mosè (1 Ne. 5:11).