Restaurazione e storia della Chiesa
Winter Quarters
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Winter Quarters”, Argomenti di storia della Chiesa

“Winter Quarters”

Winter Quarters

Nel 1846, mesi dopo aver lasciato Nauvoo, nell’Illinois, durante una dolorosa e lenta marcia di quasi cinquecento chilometri attraverso il Territorio dell’Iowa, Brigham Young e il Quorum dei Dodici Apostoli sospesero la migrazione dei Santi degli Ultimi Giorni verso ovest per prepararsi all’inverno. Brigham Young aveva sperato di riuscire ad arrivare al Grande Bacino quell’estate, ma il fango e la malattia avevano afflitto i rifugiati.1 Dopo l’omicidio di Joseph Smith e la loro successiva espulsione da Nauvoo, molti santi credevano di non poter più contare sulla legislazione americana per avere protezione.

I dirigenti della Chiesa individuarono un sito sul Territorio indiano nella regione di Council Bluffs, vicino al fiume Missouri, e raggiunsero un accordo con le tribù degli Omaha (Umonhon) e dei Potawatomi (Bodéwadmik), nonché con gli agenti statunitensi per gli indiani, per poter costruire un insediamento temporaneo.2 Anche la riva occidentale del fiume, un luogo fondamentale per le traversate con il traghetto, era in territorio indiano. Nel 1846 arrivarono circa settemila santi, mentre quasi tremila rimasero negli accampamenti lungo la pista dell’Iowa.3 Mentre i santi stavano iniziando a costruire rifugi improvvisati e casette di legno, dovettero affrontare una carenza di cibo e di provviste per l’inverno a venire. La fame, la malnutrizione e le condizioni di sovraffollamento favorirono la diffusione delle malattie.4

Mentre i santi facevano i loro progetti per il viaggio imminente, giunse l’opportunità di migliorare le loro risorse grazie a un reclutamento nell’esercito degli Stati Uniti. Anche se i santi si sentivano delusi dal governo degli Stati Uniti ed erano riluttanti ad arruolarsi in una guerra contro il Messico, cinquecento uomini si unirono al Battaglione Mormone per farsi pagare uno stipendio e aiutare così la Chiesa.5 Gran parte delle paghe furono consegnate al vescovo Newel K. Whitney come donazioni. Egli quindi comprò cibo e altre cose necessarie a St. Louis, nel Missouri, per il magazzino di Winter Quarters.6

Brigham Young cercò la guida del Signore e ricevette una rivelazione che istruiva i santi riguardo a come organizzare il loro esodo.7 Anche diversi sogni ispirarono Brigham con la giusta visione di come avviare il casato d’Israele sul sentiero dell’alleanza. La sua mente era tranquilla quando il 7 aprile 1847 lasciò Winter Quarters per unirsi ad altri membri della compagnia d’avanguardia dei pionieri all’inizio del loro viaggio.8

I santi che rimasero a Winter Quarters concentrarono i loro sforzi per preparare un’emigrazione su vasta scala. Nel corso dell’estate e dell’autunno del 1847, arrivarono altri rifugiati dalla pista dell’Iowa. Furono chiamati altri vescovi perché si prendessero cura dei poveri e dei bisognosi, uno per ogni isolato della città.9 Le donne, che superavano di gran lunga gli uomini presenti in città, pregavano insieme e si benedicevano a vicenda.10 Col migliorare del clima, i santi costruirono case più solide e seminarono e recintarono i campi per i futuri migranti.

Quando arrivò a Winter Quarters nell’autunno del 1847 di ritorno dal Grande Bacino, Brigham Young trovò un insediamento fiorente. Egli si aspettava anche di abbandonarlo, poiché la concessione sul territorio della tribù Omaha sarebbe scaduta nel giro di qualche mese. I santi cominciarono a trasferirsi a est oltre il fiume, tornando in Iowa, e chiamarono il nuovo quartier generale della loro migrazione Kanesville, in onore di Thomas L. Kane, che era accorso in loro aiuto dopo l’espulsione da Nauvoo.11

Nel dicembre del 1847, a Kanesville, i Santi degli Ultimi Giorni si riunirono nel loro tabernacolo di tronchi per sostenere una nuova Prima Presidenza con Brigham Young come presidente. Orson Hyde divenne il nuovo presidente del Quorum dei Dodici.12 In primavera, Brigham e i suoi consiglieri condussero delle compagnie a ovest; Orson rimase a Kanesville per sovrintendere agli arrivi, ai preparativi e alle partenze dei santi che giungevano dagli Stati Uniti dell’est e dall’Europa.

A Winter Quarters i santi avevano faticato per equipaggiarsi per il viaggio verso ovest, ma a Kanesville la corsa all’oro del 1849 aveva favorito un nuovo apporto di contanti.13 Gli emigranti diretti in California che passavano da Kanesville erano disposti a pagare più del dovuto per procurarsi cibo e altri beni. Brigham Young e altri dirigenti esortarono nuovamente i santi a radunarsi a Sion e, nel 1852, ventuno carovane di circa diecimila santi partirono per lo Utah. Kanesville fu presto rinominata Council Bluffs, e Winter Quarters divenne Florence, nel Nebraska.14