Restaurazione e storia della Chiesa
Decima
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Decima”, Argomenti di storia della Chiesa

“Decima”

Decima

Nel 1838 l’apostolo Thomas B. Marsh informò Joseph Smith che i santi a Far West, nel Missouri, desideravano ulteriori istruzioni su come vivere pienamente la legge della consacrazione.1 L’8 luglio, i dirigenti della Chiesa a Far West si incontrarono e chiesero al Signore di mostrare ai Suoi servi quanto richiedesse come decima delle proprietà del Suo popolo.2 Joseph Smith ricevette due rivelazioni in merito a quanto sarebbe stato richiesto e a come i fondi sarebbero stati amministrati.

Prima di allora, il termine decima, come usato nella Chiesa, si riferiva a qualsiasi offerta volontaria, indipendentemente dal suo ammontare. In seguito a una rivelazione del 1831 ricevuta da Joseph Smith sulla consacrazione e sull’intendenza, i santi del Missouri e dell’Ohio donavano beni in abbondanza, appezzamenti di terra, attrezzi, mobilio e a volte contanti.3 Il sistema della Chiesa per amministrare le risorse ricevute in dono variava. A volte il vescovo usava i fondi per acquistare della terra o per provvedere ai poveri e ai bisognosi. Per progetti quali la costruzione di edifici e la stampa della letteratura della Chiesa, la Società Unita o il sommo consiglio gestiva i fondi donati.4

Nella rivelazione dell’8 luglio 1838, il Signore rispose alla domanda dei santi dando queste istruzioni: per prima cosa i santi avrebbero dovuto donare tutto ciò che possedevano in sovrappiù; e “dopo di ciò”, continuava la rivelazione, “coloro che hanno dato in tal modo la decima pagheranno annualmente un decimo di tutto il loro guadagno”.5 Un’altra rivelazione ricevuta quel giorno ordinava ai dirigenti della Chiesa di organizzare un consiglio che avrebbe avuto il compito di decidere come usare queste risorse consacrate. Questo consiglio originariamente era formato dai membri della Prima Presidenza, dal consiglio del vescovo e dal sommo consiglio di Far West. Oggi, il consiglio è composto dalla Prima Presidenza, dal Quorum dei Dodici Apostoli e dal Vescovato Presiedente e viene chiamato Consiglio per la disposizione delle decime. Il 26 luglio, il consiglio si incontrò per la prima volta, ma le persecuzioni nel Missouri impedirono ai santi di mettere in pratica completamente le direttive ricevute in queste rivelazioni a Far West.6

All’inizio del decennio del 1840, i dirigenti della Chiesa posero l’accento sul pagamento della decima per contribuire a costruire il Tempio di Nauvoo e fecero del pagamento della decima un requisito per poter entrare al tempio. Questo requisito fu riconfermato negli anni del decennio del 1880, quando furono dedicati dei templi nello Utah. Il debito della Chiesa crebbe verso la fine del diciannovesimo secolo, dopo che il governo degli Stati Uniti aveva confiscato i beni della Chiesa nel tentativo di fare pressioni sulla stessa perché cessasse la pratica del matrimonio plurimo. Inoltre, a causa di questo, alcuni membri erano divenuti riluttanti nel pagare la decima, per paura che le loro donazioni venissero confiscate.7 Nel 1899, quasi un decennio dopo l’accordo tra i dirigenti della Chiesa e il governo degli Stati Uniti, la Chiesa era ricoperta di debiti. Il presidente Lorenzo Snow ricevette una manifestazione divina durante un discorso nel tabernacolo di Saint George, nello Utah, che lo spinse a sottolineare l’importanza di obbedire alla legge della decima. Egli dichiarò: “È ora venuto il tempo in cui ogni santo degli ultimi giorni che intenda essere pronto per il futuro e poggiare i piedi su una giusta base deve fare la volontà del Signore e pagare la decima per intero”8. Viaggiò per gli insediamenti dello Utah, implorando i membri di pagare una decima onesta e promettendo benedizioni spirituali e materiali. Gli sforzi del presidente Snow portarono a un maggior impegno e, dopo pochi anni, il suo successore, Joseph F. Smith, fu in grado di ripagare tutti i debiti della Chiesa.9

Col tempo, le pratiche del pagamento della decima dei santi sono cambiate insieme all’economia in cui viveva la maggior parte dei santi, passata dall’essere basata sulla terra e sulla proprietà all’uso dei contanti. Nel diciannovesimo secolo, i santi spesso facevano donazioni in natura, per esempio di animali o prodotti. Molti santi a Nauvoo donavano un giorno su dieci per lavorare al tempio. A Salt Lake City c’erano un ufficio delle decime e un cortile che servivano da luoghi di immagazzinamento dei beni donati, come grano, verdura, merce, pietre tagliate, assi di legno e bestiame.10 Negli insediamenti periferici, i magazzini locali del vescovo erano usati allo stesso modo, per raccogliere le risorse della comunità.11 Nel calcolare il proprio guadagno annuale, come stabilito nella rivelazione del 1838, i membri a volte consideravano la rivalutazione della terra come guadagno, in quanto molti non percepivano una paga.12 Nel ventesimo secolo, i guadagni e le donazioni in contanti sono divenuti più comuni.13 Nel corso di tutti questi cambiamenti, la decima è rimasta uno dei modi principali con cui i Santi degli Ultimi Giorni obbediscono al comandamento di consacrare la propria vita all’opera di Dio. Oggi, i fondi delle decime vengono usati, tra l’altro, per costruire i templi e le case di riunione, per sostenere la ricerca di storia familiare, per proclamare il Vangelo agli altri e per scopi umanitari.

Argomenti correlati: Consacrazione e intendenza, Società Unita (“Ordine Unito”), Kirtland Safety Society