Restaurazione e storia della Chiesa
Grilli e gabbiani
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Grilli e gabbiani”, Argomenti di storia della Chiesa

“Grilli e gabbiani”

Grilli e gabbiani

I primi santi degli ultimi giorni che giunsero nella Valle del Lago Salato nell’estate del 1847 si misero immediatamente al lavoro per preparare il suolo arido per il raccolto di primavera. Ci furono tre periodi segnati da una grave carenza di cibo, nel corso di quell’inverno, che lasciarono i santi in impaziente attesa della mietitura primaverile. Crescendo, durante la primavera, il raccolto appariva folto e verde, tanto da far prevedere ai contadini una buona rendita. Tragicamente, però, verso la fine di maggio del 1848, moltitudini di grilli discesero sui campi, minacciando di distruggere gran parte delle potenziali riserve di cibo dei pionieri. Per almeno un mese, i santi lottarono contro gli insetti in quella che qualcuno chiamò la “guerra dei grilli” del 1848.1

Durante l’estate, la situazione si fece sempre più terribile. I contadini videro i grilli divorare acri di coltivazioni di grano e di verdure.2 Brigham Young, che stava guidando una grande compagnia attraverso le pianure, ricevette notizia che alcuni stavano prendendo in considerazione di lasciare la valle per trasferirsi nella California o nell’Oregon. Altri consigliarono a Brigham Young di scoraggiare la continua migrazione di pionieri verso quella zona, per paura che i coloni potessero morire di fame. Nel frattempo, le famiglie stavano lottando contro i grilli con scope, spazzole, bastoni e corde, ma niente sembrava vincere questo “esercito” portatore di “carestia e disperazione”. Molti pregavano perché il Signore li liberasse dall’infestazione.3

All’inizio di giugno grandi stormi di gabbiani della California inondarono la valle, facendo banchetto dei grilli. Dapprima il numero di gabbiani intimorì i contadini, che temevano che un’altra calamità incombesse sui loro vulnerabili raccolti. Ma presto videro che i gabbiani divoravano i grilli, bevevano dell’acqua, rigurgitavano le parti indigeste e tornavano per mangiarne ancora.4 Sebbene l’infestazione di grilli si protrasse per qualche altra settimana, i gabbiani ne avevano consumati abbastanza da mitigare il danno.

Miracle of the Gulls

Rappresentazione dell’arrivo dei gabbiani giunti per divorare i grilli, eseguita dall’artista Minerva Teichert.

I grilli furono soltanto uno dei molti problemi che i pionieri che si stavano stabilendo nella Valle del Lago Salato dovettero affrontare quell’estate nello sforzo di produrre un raccolto. Molte delle fonti che risalgono all’inizio di quell’anno attestano che il timore tanto dei contadini quanto dei dirigenti della Chiesa nei confronti dei grilli equivaleva a quello causato dalle gelate tardive e dalla mancanza di irrigazione, forse perché i primi attaccavano solo dei tipi specifici di raccolto, e non tutte le colture.

L’esperienza vissuta dai santi con i grilli e con i gabbiani nel 1848 fu solo la prima di molte altre simili. Nel periodo del raccolto, nel corso di altri anni, in alcune zone dello Utah i grilli fecero ritorno in maggior numero rispetto al 1848. Quasi ogni volta, i gabbiani giunsero di nuovo a banchettare con gli sciami.5

Sebbene l’avvenimento fosse ricorrente, la liberazione dall’infestazione di grilli del 1848 ebbe un grande impatto sulla memoria collettiva dei pionieri. I santi videro la mano protettrice del Signore nell’arrivo degli uccelli. Il “miracolo dei gabbiani” portò molti dei primi abitanti dello Utah a riverire questo volatile, tanto che vennero rafforzate quasi subito le direttive e le leggi costituite per punire chiunque molestasse o uccidesse i gabbiani. Al giorno d’oggi, il contributo dato dai gabbiani è commemorato grazie a una statua situata nella Piazza del Tempio di Salt Lake City.

Special Church History Depart Project Temple Square

Monumento al gabbiano nella Piazza del Tempio di Salt Lake City.

Argomenti correlati: Salt Lake Valley, Pioneer Economy