Restaurazione e storia della Chiesa
La famiglia di Joseph ed Emma Hale Smith
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“La famiglia di Joseph ed Emma Hale Smith”, Argomenti di storia della Chiesa

“La famiglia di Joseph ed Emma Hale Smith”

La famiglia di Joseph ed Emma Hale Smith

La famiglia di Joseph ed Emma Smith sopportò una grande opposizione e grandi tragedie, tra cui la persecuzione politica e religiosa, l’abbandono forzato della propria casa, la morte prematura di sette figli e il martirio stesso di Joseph.1 Nei momenti di difficoltà, i membri della famiglia si rivolsero gli uni agli altri per avere forza. Durante la prigionia nel carcere di Liberty, ad esempio, Joseph scrisse a Emma incoraggiandola anche se soffriva per la loro separazione. La istruì anche riguardo ai loro figli: “Di’ loro che il loro padre li ama di un amore perfetto e che farà tutto il possibile per sfuggire ai facinorosi per ritornare da loro”2. Negli anni successivi, i figli sopravvissuti degli Smith sono rimasti vicini e si sono sostenuti a vicenda nel loro servizio ecclesiastico. Hanno difeso la reputazione della loro madre e si sono presi cura di lei fino alla sua morte, sopraggiunta nel 1879.

Dopo il matrimonio di Joseph ed Emma, avvenuto nel 1827, la famiglia risiedette per breve tempo a Manchester con la famiglia di Joseph, poi si trasferì ad Harmony, in Pennsylvania. I primi tre figli non sopravvissero per più di un giorno e solo dopo essersi trasferiti nell’Ohio, Joseph ed Emma adottarono dei gemelli e cominciarono a crescere figli loro. Nell’Ohio, Joseph si divideva tra vita familiare e un considerevole lavoro amministrativo mentre dirigeva una Chiesa in rapida espansione con piccoli rami in tutti gli Stati Uniti e una fiorente comunità di Santi degli Ultimi Giorni nel Missouri. Una crisi economica nazionale, il fallimento della Kirtland Safety Society Banking Company [società di servizi bancari] e le crescenti minacce per la sicurezza di Joseph portarono la famiglia dall’Ohio al Missouri agli inizi del 1838, ma l’ostilità diffusa verso i santi nel Missouri si intensificò nel corso dell’anno seguente finché la violenza di un gruppo di facinorosi non divise la famiglia. Emma trovò rifugio con gli altri santi nell’Illinois mentre Joseph era in prigione nel Missouri. Agli inizi del 1839, Joseph si riunì con la famiglia dopo che gli fu permesso di sfuggire a un’ulteriore prigionia.

Nell’Illinois la famiglia partecipò allo sviluppo della città di Nauvoo e sia Joseph che Emma guidarono per alcuni anni dei gruppi civili e religiosi. Mentre era a Nauvoo, Joseph praticò il matrimonio plurimo secondo quanto riceveva per rivelazione. Sposò molte altre donne, anche se non c’è alcuna prova attendibile che Joseph abbia avuto dei figli con le sue mogli plurime.3 Il matrimonio plurimo a Nauvoo fu messo in pratica in modo riservato e Joseph non lo ammise pubblicamente né visse con alcuna delle sue mogli plurime. I figli degli Smith, di conseguenza, non assistettero direttamente ad alcuna pratica del matrimonio plurimo. In particolare, Joseph III, Alexander e David credevano che la dottrina non avesse avuto origine con il loro padre.4

Dopo la morte di Joseph Smith, avvenuta nel 1844, Emma ne gestì le proprietà personali, inclusi diversi manufatti preziosi. Sia i documenti originali prodotti dalla traduzione di Joseph Smith della Bibbia (compreso il Libro di Mosè in Perla di Gran Prezzo) e i relativi papiri egizi riguardanti il Libro di Abrahamo rimasero sotto la custodia di Emma. Emma rimase a Nauvoo con i figli quando la maggior parte dei membri della Chiesa emigrò nel Grande Bacino. Il suo secondo marito, Lewis Bidamon, ritrovò il manoscritto originale del Libro di Mormon dove era stato deposto, nella pietra angolare della Nauvoo House [casa di Nauvoo]. Avendo i membri della famiglia Smith assunto la dirigenza della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni Riorganizzata, quest’ultima (in seguito nota come Community of Christ [Comunità di Cristo]) ha preservato molti di questi oggetti fino al tempo presente. La famiglia Smith ha difeso la visione e l’opera di Joseph e ha lasciato non soltanto un retaggio indelebile per la loro posterità, ma anche una testimonianza inestimabile dell’esperienza iniziale dei Santi degli Ultimi Giorni.

Joseph Smith jr (1805–1844)

(vedere “Joseph Smith and His Papers: An Introduction”, josephsmithpapers.org).

Emma Hale Smith Bidamon (1804–1879)

(vedere “Emma Hale Smith”, Argomenti di storia della Chiesa).

Figlio senza nome (1828)

Emma diede alla luce un figlio il 15 giugno 1828, ma il bambino morì il giorno stesso. Su una lapide nella proprietà della famiglia Hale a Harmony, in Pennsylvania, si legge: “In memoria di un figlio neonato di Joseph ed Emma Smith 15 giugno 1828”. In una Bibbia di famiglia, un parente scrisse il nome “Alvin” per identificare questo bambino, ma Emma confermò che il bambino non ricevette alcun nome.5

Gemelli senza nome (1831)

Nel 1831, Emma diede alla luce due gemelli, una maschio e una femmina, ma entrambi morirono alla nascita. Il giorno successivo, anche un’amica di famiglia, Julia Clapp Murdock, diede alla luce dei gemelli, ma ella morì sei ore dopo il parto. John Murdock, marito di Julia, rimasto vedovo con cinque figli di cui occuparsi, diede i gemelli in adozione a Joseph ed Emma. Sembra che Emma non abbia dato un nome ai suoi due gemelli defunti. Quando sua suocera, Lucy Mack Smith, le chiese informazioni per la storia familiare, Emma tralasciò il suo primogenito e i gemelli. In un’intervista con il figlio adulto, Joseph Smith III, Emma spiegò che questi tre fratelli non vissero abbastanza a lungo per ricevere un nome. Sebbene in una Bibbia di famiglia i gemelli siano identificati come “Louisa” e “Thadeus”, questi nomi furono scritto in seguito da un parente senza alcun riferimento alla loro fonte.6

Joseph Murdock Smith (1831–1832)

Joseph ed Emma adottarono Joseph Murdock Smith e sua sorella gemella, Julia, dal loro amico, John Murdock subito dopo la morte della madre dei gemelli. Il piccolo Joseph prese il morbillo nel 1832 e mentre era accudito in un lettino, un gruppo di facinorosi li assalì, trascinando il padre adottivo Joseph fuori dalla camera da letto in una fredda notte e picchiandolo fino a fargli perdere i sensi. Non avendo ancora un anno di età, il piccolo Joseph Murdock Smith morì pochi giorni dopo. Joseph Smith attribuì la morte del figlio adottivo all’esposizione al freddo di quella notte, spiegazione coerente con le nozioni mediche del tempo.7

Julia Murdock Smith Dixon Middleton (1831–1880)

Quando il padre naturale di Julia, John Murdock, diede lei e suo fratello gemello in adozione, Emma Smith chiese a Murdock di non raccontarlo ai bambini, in modo che potessero avere un pieno senso di appartenenza alla famiglia Smith. Julia tuttavia apprese la verità a cinque anni da un vicino “dispettoso”. Sposò Elisha Dixon prima del 1850, e alla morte di lui, sopraggiunta nel 1853, si trasferì a Nauvoo. Tre anni dopo Julia si convertì al cattolicesimo dopo il matrimonio con un cattolico, John Middleton. Non ebbe mai dei figli e crebbe vicino a Nauvoo fino alla sua morte, avvenuta nel 1880.8

Smith, Julia Murdock

Fotografia di Julia Murdock Smith Dixon Middleton.

Riprodotta per gentile concessione degli archivi della Community of Christ

Joseph Smith III (1832–1914)

Joseph Smith III nacque il 6 novembre 1832, poco dopo che suo padre, Joseph Smith jr, tornò a Kirtland da una visita alle città di New York e di Boston. Sei anni più tardi, “il giovane Joseph” assistette all’arresto di suo padre nel Missouri, quando una guardia lo costrinse ad allontanarsi dal genitore, minacciando di “trafiggerlo” con la spada.9 Da fanciullo, visitò il carcere di Liberty con sua madre e vi trascorse una notte con suo padre e gli altri prigionieri. Trascorse la fine della sua infanzia a Nauvoo e fu battezzato da suo padre nel novembre 1843.

Joseph Smith III

Una delle prime immagini di Joseph Smith III.

Nel decennio che seguì la morte del padre, avvenuta nel 1844, Joseph III prese le distanze dalle varie chiese che sostenevano di avere una linea di successione dal profeta Joseph Smith. Durante la sua vita, Joseph Smith jr impartì diverse benedizioni a Joseph Smith III, una delle quali in seguito pretendeva di includere la promessa di presiedere alla Chiesa.10 Nel 1856, due uomini in rappresentanza del movimento di Riorganizzazione lo avvicinarono con una rivelazione scritta. Il documento nominava Joseph Smith III come successore di suo padre per discendenza diretta, ma Joseph rifiutò l’invito di guidare una chiesa riorganizzata. Le benedizioni di suo padre e un’esperienza spirituale alla fine lo persuasero a unirsi al movimento di Riorganizzazione e a presiedere alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni Riorganizzata (ora conosciuta come Community of Christ [Comunità di Cristo]).11

Per i successivi cinquantaquattro anni, Joseph III diresse la Chiesa Riorganizzata come profeta e presidente e stabilì delle congregazioni formate dai primi santi che non erano emigrati a Ovest. Conosciuto per la sua integrità e per l’acume politico, egli cercò di realizzare la visione religiosa di suo padre e sviluppò una duratura organizzazione ecclesiastica, la seconda più grande di quelle che rivendicano Joseph Smith come fondatore. Anche se mantenne un rapporto amichevole con suo cugino e presidente della Chiesa nello Utah, Joseph F. Smith, Joseph III negò che suo padre aveva praticato il matrimonio plurimo, fu in disaccordo con le attività missionarie della Chiesa e negò i diritti sui siti storici.12 Egli portò i suoi fratelli Alexander e David tra i dirigenti anziani e garantì il percorso del figlio alla successione come presidente della Chiesa.13 Sì sposò tre volte, rimase vedovo due volte, la prima volta con Emmeline Griswold, nel 1856, poi con Bertha Madison, nel 1869, e infine con Ada Rachel Clark, nel 1898. Joseph III ebbe diciassette figli. Morì di insufficienza cardiaca nel 1914.14

Frederick Granger Williams Smith (1836–1862)

È rimasta poca documentazione su Frederick Granger Williams Smith, quinto figlio biologico di Joseph ed Emma, nato il 20 giugno 1836 a Kirtland e a cui fu dato il nome di Frederick G. Williams, uno dei consiglieri di Joseph Smith. Frederick trascorse gran parte della sua vita a Nauvoo, come contadino e commerciante, sposò Anna Marie Jones nel 1857 e morì (probabilmente di tubercolosi) nel 1862.15

Smith, Frederick Granger Williams

Fotografia di Frederick Granger Williams Smith.

Riprodotta per gentile concessione degli archivi della Community of Christ

Alexander Hale Smith (1838–1909)

Chiamato col nome del fidato avvocato dei santi, Alexander Doniphan, Alexander Hale Smith nacque durante le crescenti persecuzioni nel Missouri. Nel 1839 Emma portò Alexander, di otto mesi, attraverso il fiume Mississippi congelato per sfuggire all’infame “ordine di sterminio” emesso dal governatore del Missouri, Lilburn W. Boggs. Il ragazzo crebbe con fede devota nel Libro di Mormon e nel ministero profetico di suo padre. Da adulto, Alexander seguì suo fratello maggiore Joseph III nel movimento di Riorganizzazione e ricoprì posizioni importanti nella Chiesa Riorganizzata.16

Alexander Hale Smith

Fotografia di Alexander Hale Smith.

Nel 1861 Alexander sposò Elizabeth Agnes Kendall, dalla quale ebbe nove figli. Poco dopo la nascita del loro primo figlio, Frederick Alexander, il fratello maggiore di Alexander, Frederick Granger Williams Smith, morì lasciandolo in ansia per il destino eterno di suo fratello. Secondo quanto riportato, ne conseguì la sua prima esperienza spirituale, un sussurro dello Spirito Santo, che calmò la sua anima. Egli si sentì rassicurato del fatto che “la condizione di Frederick era piacevole”17.

Alexander svolse diverse missioni per la Chiesa Riorganizzata, in alcune occasioni visitò lo Utah e incontrò i parenti appartenenti alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Nonostante alcuni dibattiti accesi sulle differenze religiose, egli mantenne una posizione aperta nei confronti dei suoi cugini che non appartenevano al movimento di Riorganizzazione. Servì come consigliere di suo fratello Joseph III nella prima presidenza della Chiesa Riorganizzata e fu ordinato presidente del Quorum dei dodici apostoli della stessa chiesa nel 1890. Morì nel 1909 a Nauvoo, mentre serviva come patriarca.18

Don Carlos Smith (1840–1841)

Don Carlos Smith nacque il 13 giugno 1840 a Nauvoo e visse solo quattordici mesi, morendo di malaria a pochi giorni di distanza dallo zio che portava il suo stesso nome, Don Carlos Smith, fratello minore di Joseph Smith. Alexander Smith, un altro dei figli di Joseph ed Emma Smith, riferì che poco prima della morte della loro madre Emma, avvenuta nel 1879, quest’ultima ebbe una visione in cui Joseph Smith la accompagnava attraverso una dimora in cielo in un asilo dove ella cullò il giovane Don Carlos. Quando chiese a Joseph in merito agli altri loro figli morti, Joseph promise che, dopo la sua vita terrena, avrebbe potuto crescere tutti i suoi figli che non erano sopravvissuti fino all’età adulta.19

Figlio senza nome (1842)

Emma riferì di aver dato alla luce un figlio il 6 febbraio 1842 a Nauvoo e di aver sepolto il bambino lo stesso giorno.20

David Hyrum Smith (1844–1904)

Emma era incinta di David Hyrum Smith quando Joseph Smith morì nel 1844. Conosciuto per la sua poesia, il suo canto e la sua arte, in seguito David svolse diverse missioni per la Chiesa Riorganizzata, alcune delle quali lo portarono nello Utah, dove fece visita ai parenti e ad altri Santi degli Ultimi Giorni. Preoccupato dai discorsi sui matrimoni plurimi di suo padre, David discusse con il cugino Joseph F. Smith e intervistò delle donne che dichiaravano di essere state suggellate a Joseph Smith. Queste missioni diedero inizio a una raccolta di materiale significativo sulla poligamia a Nauvoo.21

Smith, David Hyrum

Fotografia di David Hyrum Smith.

Riprodotta per gentile concessione degli archivi della Community of Christ

Non molto tempo dopo essere tornato da una missione nello Utah, la salute mentale di David peggiorò e suo fratello Joseph III lo fece ricoverare in un istituto a Elgin, Illinois, nel 1877. Joseph III scrisse a un caro amico di David: “Dopo lunga meditazione, preghiere e nel dolore, ho portato David all’ospedale di Elgin, per essere curato.  […] Sono tristemente oppresso per questo, ma ritengo di aver agito nel migliore dei modi”22. Il personale dell’istituto di Elgin rilevò la depressione di David, la sua tendenza a isolarsi, la sensibilità al rumore, le periodiche perdite di memoria e la convinzione che altri avessero dei poteri misteriosi su di lui. Egli può aver sofferto di quelle condizioni che oggi vengono associate alla mania e alla demenza. Amici e familiari si aspettavano che la salute di David migliorasse, ma il personale dell’istituto non riportò alcun cambiamento significativo nei ventisette anni che vi trascorse. Negli ultimi mesi di vita David soffrì di diabete e morì di insufficienza renale tre mesi prima del suo sessantesimo compleanno.

Argomenti correlati: Joseph Smith jr, Emma Hale Smith