Restaurazione e storia della Chiesa
Le pietre del veggente
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Le pietre del veggente” – Argomenti di storia della Chiesa

“Le pietre del veggente”

Le pietre del veggente

Per millenni, molte persone in tutto il mondo hanno accettato l’idea che gli oggetti possono essere usati per scopi sacri. La Bibbia afferma che Dio ha operato tramite oggetti quali la verga di Aaronne, il serpente di rame e l’arca dell’alleanza. In seguito Gesù guarì un uomo cieco applicandogli della saliva sugli occhi.1

Il Libro di Mormon descrive uno scopo sacro di pietre designate appositamente. In un passaggio, il fratello di Giared chiede al Signore di toccare sedici piccole pietre, le quali erano “bianche e chiare, proprio come vetro trasparente” (Ether 3:1). Dopo che il dito del Signore toccò le pietre, esse fornirono luce ai Giarediti mentre attraversavano l’oceano. Si parla di queste pietre in un altro versetto, che dice: “[Renderanno] grandi agli occhi degli uomini le cose che scriverai” (Ether 3:24).

All’epoca di Joseph Smith, alcuni affermavano di avere il dono della “visione”, ovvero di ricevere messaggi divini o sovrannaturali attraverso pietre del veggente. Tali credenze provenivano dalla Bibbia e dalle tradizioni culturali europee portate dagli immigranti nella giovane America. Joseph Smith e la sua famiglia accettavano queste credenze e, ogni tanto, Joseph usava pietre che aveva trovato nel terreno per aiutare i vicini a trovare oggetti perduti o a cercare tesori nascosti.2

Seer stone

La pietra del veggente appartenuta a Joseph Smith.

Quando, nel 1827, ricevette le tavole d’oro, Joseph Smith ricevette anche uno strumento per la traduzione, “due pietre su archi d’argento” usate dai “‘veggenti’ nei tempi antichi o passati” (Joseph Smith – Storia 1:35). Nel Libro di Mormon ci si riferisce a questo strumento con il termine “interpreti”. Sembra che durante la traduzione del Libro di Mormon Joseph Smith sia ricorso a entrambi gli strumenti, gli interpreti e la sua pietra del veggente, intercambiandoli. Funzionavano in modo molto simile e, a volte, i primi santi usavano il termine “Urim e Thummim” per indicare sia la pietra del veggente che gli interpreti. Attraverso i suddetti strumenti di rivelazione, il Profeta ricevette anche diverse rivelazioni che oggi si trovano in Dottrina e Alleanze.3 Quando divenne più esperto nelle questioni spirituali, Joseph cominciò a ricevere rivelazione senza tali sussidi.4

Argomenti correlati: Traduzione del Libro di Mormon, La ricerca di tesori, Il processo a Joseph Smith del 1826