Restaurazione e storia della Chiesa
Vita quotidiana della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Vita quotidiana della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni”, Argomenti di storia della Chiesa

“Vita quotidiana della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni”

Vita quotidiana della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni

Poco dopo la morte di suo padre, Nancy Alexander, che aveva quattro anni e in futuro sarebbe diventata una santa degli ultimi giorni, vide la madre Betty perdere tutto ciò che possedeva e mandare i figli a vivere con i parenti. Nancy ricevette un’istruzione dai suoi nonni, leggeva la Bibbia nelle riunioni di famiglia e imparò a filare e a cucire. Quando Nancy compì 15 anni, sua madre tornò per un periodo e Nancy, incapace di sopportare il pensiero di essere separata nuovamente dalla madre, andò con Betsy a vivere presso altri parenti. Nancy presto sposò un cugino, Moses Tracy, e la coppia “si sistemò”.1

L’infanzia di Nancy non sarebbe parsa insolita ai suoi coetanei. Molte famiglie dell’epoca sperimentavano la morte prematura di un loro membro o lunghi periodi di separazione. La maggior parte delle famiglie americane insegnava alle figlie a filare e cucire, e i giovani si corteggiavano e si sposavano alla fine dell’adolescenza e intorno ai vent’anni.

Queste e altre caratteristiche della vita quotidiana negli Stati Uniti in quel periodo non ricevono spesso attenzione diretta nei documenti storici e restano sconosciute e lontane ai lettori di oggi. Ma i ritmi quotidiani e le usanze del tempo costituivano il mondo in cui i Santi vivevano e facevano le loro scelte. Gli aspetti della vita quotidiana che sono cambiati di più dall’inizio del 1800 includono l’economia familiare, la salute personale, il tempo libero, i viaggi e le comunicazioni.

Economia familiare

L’economia familiare scandiva le tipiche giornate della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni. Poiché i mezzi per la produzione della maggior parte delle cose necessarie erano legati alla casa, le persone facevano affidamento sui membri della famiglia per la sopravvivenza. Più del 90 percento degli americani, ai giorni di Joseph Smith, viveva in fattorie e zone rurali, e anche le città più grandi erano piccole secondo gli standard odierni — nel 1830 solo New York, Filadelfia, Baltimora e Boston avevano una popolazione di oltre 50.000 persone. Le famiglie di campagna di solito distribuivano il lavoro tra i loro membri e i genitori si facevano carico di nutrire e di mantenere i figli fino a che avessero gradualmente potuto contribuire.

L’agricoltura richiedeva impegni giornalieri e stagionali. All’alba, le donne di solito iniziavano a fare i lavori di casa come occuparsi di un orto, produrre alimenti di base per la famiglia come burro e formaggio, filare i tessuti, rammendare e lavare i panni, e cucinare i pasti. Gli uomini andavano a lavorare all’aperto negli allevamenti di animali o a fare lavori manuali di falegnameria o di conciatura, a lavorare come bottai e a fare lavori occasionali. All’imbrunire, la maggior parte delle famiglie si riuniva in casa per conversare o per leggere la Bibbia. I genitori, le ragazze e i ragazzi di solito dormivano in letti separati di paglia o di piume.

Le esigenze dell’economia familiare portavano i ragazzi più grandi e i giovani adulti a cercare come coniuge un compagno capace. Quando la classe media crebbe, all’inizio del 1800, le coppie furono in grado di essere più autonome nello scegliere chi e quando sposarsi. Il motivo principale del matrimonio divenne sempre più l’amore e la felicità della coppia piuttosto che la stabilità della famiglia estesa. Mentre le coppie con pochi o nessun figlio potevano farcela, era estremamente difficile che una persona sola potesse sostenere uno stile di vita rurale.

I genitori si aspettavano che i figli contribuissero alla vita familiare sin dalla fanciullezza. Per le generazioni passate, essere genitori consisteva nello scacciare la malvagità insita nei figli tramite la stretta supervisione e persino con punizioni corporali. Agli inizi del 1800, tale prospettiva iniziò a cambiare e l’infanzia divenne un periodo in cui sviluppare il proprio carattere. Giocare non solo aiutava i bambini troppo piccoli per le faccende a passare il tempo, ma li preparava anche per i ruoli culturalmente accettati che avrebbero assunto da adulti. Le ragazze si prendevano cura delle bambole e i ragazzi facevano giochi di forza fisica all’aperto. Da adulti, la loro responsabilità verso la famiglia cambiava quando si sposavano e cercavano di avviare una fattoria o un’azienda per conto proprio.

In media, le sposine concepivano entro il diciottesimo mese di matrimonio. La gravidanza e il parto riunivano insieme le donne, specialmente le levatrici, le parenti e le vicine, al fine di assistere la madre. A volte, le levatrici locali somministravano antidolorifici naturali o funghi speciali per intensificare le contrazioni durante il travaglio e si occupavano anche del parto stesso. La madre e il neonato affrontavano gravi rischi — secondo alcune stime, il 4 per cento delle donne moriva durante il parto e circa un bambino su cinque non sopravviveva al primo anno di vita. I genitori di solito aspettavano a dare un nome al proprio figlio, a volte fino a che il figlio non avesse alcuni mesi.2

Salute personale

Come altri americani di frontiera, i primi Santi degli Ultimi Giorni erano ossessionati dalla salute. La maggior parte delle cure mediche non era affidabile e le malattie spesso affliggevano le comunità. Cibo avariato, acqua non potabile e una generale mancanza di igiene portavano a epidemie di malattie intestinali, le più frequenti tra le popolazioni rurali. L’igiene personale consisteva nel lavarsi le mani e il viso con acqua e nello strofinare il resto del corpo con panni o teli. Il sapone serviva per pulire la casa o fare il bucato, ma non era adatto per la pelle a causa della sua durezza.

L’odore di letame, latrine, sudore e concime permeava i paesi e le città, mentre poche persone si lavavano interamente con regolarità e lo smaltimento dei rifiuti era un problema costante. I contadini spesso seppellivano la spazzatura, mentre i cittadini la lasciavano per le strade perché i maiali selvatici la mangiassero. La combinazione tra scarsa igiene pubblica e difficoltà nello smaltimento dei rifiuti facilitava la diffusione delle malattie. Ci sarebbe voluto un altro secolo prima che le scoperte sul ruolo dei batteri nelle malattie portassero a miglioramenti diffusi delle condizioni igieniche.

Anche le malattie respiratorie si diffondevano rapidamente. Molti americani del XIX secolo concordavano con la teoria secondo cui il corpo aveva quattro umori che causavano malattie quando non erano in equilibrio. Questa idea era così comune che la maggior parte delle cure per le febbri, nei primi anni del XIX secolo, consisteva in salassi, ossia la pratica di drenare il sangue della persona afflitta per riportare gli umori del corpo in equilibrio. I medici e altri professionisti del tempo, a volte inconsapevolmente, peggioravano le condizioni dei propri pazienti.

Durante i caldi mesi estivi, le zanzare trasmettevano malattie come la malaria e la febbre gialla. Gli esseri umani contraevano l’influenza e la tubercolosi dal contatto con il sangue e dai microorganismi presenti nella polvere. Le città erano ricettacoli di epidemie; nel 1804 la sola tubercolosi fu responsabile di circa un quarto delle morti a New York. La vaccinazione offriva protezione per il vaiolo, ma molti temevano che tale pratica portasse all’infezione e forse alla morte, e i medici per decenni faticarono a curare pazienti scettici nei confronti della medicina sperimentale. La maggior parte preferiva provare un rimedio casalingo o una ricetta di un vicino piuttosto che disinfettare gli utensili, lavarsi spesso o sottoporsi a un esame medico.

Tempo libero

I rigori dei ritmi quotidiani rendevano il lavoro la massima priorità, ma le famiglie avevano anche del tempo libero. Solo i ricchi e i giovanissimi potevano permettersi lunghi periodi di ozio. Per tutti gli altri, la preoccupazione religiosa che il peccato fosse insito nel divertimento accresceva l’impegno generale alla frugalità e all’operosità. Il tempo libero spesso consisteva in svaghi in ambito lavorativo, come la caccia, i pic-nic durante l’ora dei pasti e il trasformare i lavori manuali in occasioni di gioco o sport.

La maggior parte delle famiglie contadine lavorava sei giorni alla settimana,si fermava la domenica per rendere il culto e per rilassarsi e socializzava in altro modo durante riunioni formali o in taverne locali. Le comunità rurali organizzavano “raduni”, o iniziative di gruppo, per costruire case, sgombrare il terreno o mietere il raccolto. Questi erano spesso opportunità per festeggiare con musica, danza e storie. Chi andava in chiesa era abituato a riunioni più lunghe piene di sermoni entusiasmanti. Gli oratori cambiavano consapevolmente il tono della voce e facevano gesti plateali, più come attori che come predicatori od oratori riverenti. I raduni pubblici, comprese le riunioni della chiesa, potevano durare per ore; erano essi stessi una forma di divertimento.

Viaggi

La maggior parte della prima generazione di Santi degli Ultimi Giorni, come gli altri americani del tempo, viaggiava a piedi, a cavallo, in diligenza o in barca. I missionari facevano viaggi più lunghi, raggiungendo altri continenti in nave, ma i viaggi quotidiani venivano fatti a piedi o, a volte, a cavallo. Le strade nel Nord America erano adatte alle diligenze e ai carri, mentre i sentieri pedonali passavano attraverso foreste e terreni accidentati e potevano sparire in una notte se cambiava il tempo. Gli americani di frontiera detestavano viaggiare di primavera, poiché il disgelo rendeva fangose le strade sterrate. I fiumi, specialmente il Missouri e il Potomac, con le loro cascate imprevedibili e le correnti tortuose, erano pericolosi per tutti tranne che per i vogatori più esperti. I viaggiatori, durante la stagione calda, a volte approfittavano di chiatte che attraversavano canali artificiali come il Canale Eerie.

Il modo più comune di viaggiare per distanze più lunghe rimaneva la diligenza. I conducenti guidavano le diligenze attraverso la regione popolata del Nord America a un prezzo che la maggior parte dei primi Santi degli Ultimi Giorni poteva permettersi solo poche volte nella vita. La diligenza viaggiava a tratte, da una stazione di servizio all’altra, di solito una pensione o una taverna. I viaggiatori si godevano il panorama sempre nuovo e i divertimenti serali, ma i viaggi erano estenuanti rispetto a quelli moderni. I passeggeri spesso dovevano aiutare i conducenti a liberare una ruota dal fango e i cavalli a volte, spaventati, si lanciavano all’impazzata al galoppo e il conducente doveva riprenderne il controllo o aiutare i viaggiatori ad abbandonare la diligenza. Un viaggio da Boston a Palmyra, nello Stato di New York, una distanza di circa 650 chilometri, richiedeva circa due settimane.3

Comunicazioni

Le modalità di viaggio limitavano le comunicazioni a quello che i corrieri potevano consegnare per barca o diligenza. Il sistema postale degli Stati Uniti faceva affidamento su corrieri e “percorsi postali” per recapitare le lettere. Nel 1800 quasi tutti gli uffici postali si trovavano nel nord-est, ma i percorsi postali si espansero nei due decenni successivi, rendendo possibile alle comunità di frontiera recapitare la posta regolarmente dalla fine degli anni 1820 in poi. I primi Santi degli Ultimi Giorni spesso tenevano la corrispondenza con lettere, anche dopo la larga diffusione del telegrafo a metà del 1800.

Anche la comunicazione di massa faceva affidamento sui mezzi di comunicazione scritta. I lettori leggevano quotidiani, riviste, opuscoli e libri per conoscere le notizie e la corrispondenza. Il tasso di alfabetizzazione negli Stati Uniti raggiunse livelli moderatamente alti in questo periodo, e la maggior parte degli americani partecipava alla politica e al dibattito pubblico tramite mezzi scritti.

La consapevolezza della tecnologia disponibile in campo medico e mediatico e delle esigenze della vita rurale ci aiuta a comprendere meglio i metodi missionari dei primi santi, il modo in cui costituivano le comunità e il contesto delle rivelazioni di Joseph Smith. Anche se spesso non vengono menzionati, questi aspetti della vita quotidiana influenzarono fortemente la crescita iniziale della Chiesa e gli sforzi dei santi nel radunare ed edificare Sion.