Restaurazione e storia della Chiesa
Palmyra e Manchester
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Palmyra e Manchester”, Argomenti di storia della Chiesa

“Palmyra e Manchester”

Palmyra e Manchester

A partire dalla fine del 1700, gli abitanti del New England si spostarono a gruppi verso l’ovest dello Stato di New York, attratti dal terreno fertile e dai prezzi convenienti. All’espansione dell’area, nel 1825 si aggiunse il completamento del canale Erie, e il piccolo villaggio di Palmyra si trasformò velocemente in un centro di scambi commerciali. Col crescere della popolazione aumentò anche la diversità religiosa quando battisti, metodisti, presbiteriani e quaccheri confluirono tutti nell’area e cominciarono a competere per avere convertiti.1 I residenti di tutta la regione partecipavano a raduni religiosi, inclusi quelli di risveglio.

Smith Cabin

Casa di tronchi ricostruita nella tenuta degli Smith vicino a Palmyra, Stato di New York

Gli Smith a Palmyra e a Manchester

La famiglia di Joseph sr e Lucy Mack Smith si trasferì nella parte occidentale dello Stato di New York nel 1816 e nel 1817, dopo che un cattivo raccolto e problemi finanziari scombussolarono la loro fonte di reddito. Si stabilirono nel villaggio di Palmyra e affittarono una casa per due anni, vivendo del salario guadagnato da lavori giornalieri e dalla gestione di un piccolo negozio. Nel 1820 la famiglia acquistò una fattoria di cento acri, pochi chilometri a sud di Palmyra, nella zona di Manchester.

Molti eventi fondamentali degli inizi della Restaurazione avvennero in questa zona. Joseph Smith jr raccontò che circa al tempo in cui la sua famiglia si trasferì nella parte occidentale dello Stato di New York, la sua “mente fu seriamente colpita” dalle questioni religiose.2 Questo interesse religioso portò alla Prima Visione, che avvenne in un’area boscosa della tenuta di famiglia. La casa di tronchi della tenuta è il luogo in cui l’angelo Moroni visitò Joseph per la prima volta. Quattro anni dopo egli recuperò le tavole d’oro su una collina vicino al villaggio di Manchester e, nel 1830, il Libro di Mormon fu pubblicato a Palmyra.

Nella sua storia, Lucy Mack Smith disse che nell’autunno del 1830 Joseph ricevette una rivelazione che diceva a Joseph sr di spostarsi a Waterloo, Stato di New York. A ottobre la famiglia lasciò Manchester per Waterloo, dove rimase finché i Santi non si riunirono nell’Ohio all’inizio dell’anno successivo. Nel 1907 la Chiesa ha acquistato la tenuta dal figlio di un amico d’infanzia di Joseph Smith.3

Dibattito sui risvegli religiosi a Palmyra

Eastern View of Main Street, Palmyra, New York

Main Street [la via principale], Palmyra, New York

Alcuni ricercatori hanno messo in dubbio che nel 1820 Palmyra fosse davvero il palcoscenico di un’insolita agitazione e contesa religiosa tra le chiese, come descritto nella storia di Joseph Smith.4 Il resoconto di Joseph, tuttavia, non nomina specificamente Palmyra, ma indica piuttosto che l’agitazione sorse “in tutta la contea”.5 Gli storici concordano ampiamente sul fatto che l’aumento di fervore religioso, inclusa la competizione tra le chiese per raccogliere convertiti, era comune nella parte occidentale dello Stato di New York al tempo in cui gli Smith vivevano a Palmyra.6 Nel giugno del 1818, ad esempio, ci fu un raduno metodista proprio a Palmyra. L’estate successiva, i metodisti si riunirono a soli ventiquattro chilometri dalla tenuta degli Smith a Vienna (ora Phelps), Stato di New York. Un predicatore itinerante metodista documentò nel suo diario i risvegli religiosi avvenuti vicino a Palmyra e a Manchester nel 1819 e nel 1820.7 Per il giovane Joseph Smith, che era testimone delle differenze religiose anche all’interno della sua famiglia, fu certamente un periodo di fermento religioso, proprio come affermò nella sua storia.

Argomenti correlati: Il Bosco Sacro e la fattoria degli Smith, La stampa e la pubblicazione del Libro di Mormon, Fermenti e risvegli, La riunione costitutiva della Chiesa di Cristo