Restaurazione e storia della Chiesa
La partenza da Nauvoo
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“La partenza da Nauvoo”, Argomenti di storia della Chiesa

“La partenza da Nauvoo”

La partenza da Nauvoo

Tra febbraio e settembre del 1846, migliaia di Santi degli Ultimi Giorni lasciarono Nauvoo, nell’Illinois. L’autunno precedente, i dirigenti della Chiesa avevano sviluppato dei piani per un esodo di grande portata, con l’intenzione di organizzare venticinque compagnie di cento carri ciascuna, che sarebbero dovute partire nella primavera del 1846. Le crescenti ostilità, tuttavia, spinsero Brigham Young e altri dirigenti a negoziare una tregua durante l’autunno del 1845, tregua che stabiliva che i membri della Chiesa avrebbero iniziato l’esodo quell’inverno. Tra il 4 febbraio  e il 1° marzo  1846, circa quattrocento carri e duemila Santi degli Ultimi Giorni attraversarono il fiume Mississippi per raggiungere un accampamento a Sugar Creek, nell’Iowa. Altri dodicimila santi giunsero nell’Iowa durante la primavera e l’estate e le rimanenti centinaia di persone si unirono alla migrazione a settembre.1 I membri della Chiesa fecero alleanza di aiutare a fare la traversata chi tra loro era bisognoso. I dirigenti della Chiesa cercarono di vendere il Tempio di Nauvoo e altre proprietà della Chiesa per aiutare i poveri, ma non riuscirono a trovare un compratore per il tempio.

In passato la partenza è stata descritta in modo da far supporre che un gruppo di facinorosi abbia costretto i santi ad attraversare il fiume Mississippi gelato incamminandosi sul ghiaccio. Sebbene alcune compagnie siano partite prima di quanto inizialmente pianificato, l’accordo stretto dai dirigenti della Chiesa l’autunno precedente impedì attacchi della plebaglia. La maggior parte delle compagnie attraversò il fiume tranquillamente utilizzando dei traghetti, sebbene alcune possano averlo attraversato sul ghiaccio tra il 25 febbraio e il 1 marzo .2

Nel corso dell’estate, i nemici della Chiesa in quella zona diventarono sempre più impazienti con i pochi Santi degli Ultimi Giorni che erano rimasti a Nauvoo. Le tensioni tra i nemici locali dei santi e i cittadini di Nauvoo, tra cui anche molti non appartenenti alla Chiesa che sostenevano i santi nella situazione critica in cui si trovavano, raggiunsero il culmine nel settembre del 1846. Un gruppo formato da diverse centinaia di facinorosi armati attaccò chi si era posto a difesa della città, a prescindere dal fatto che fosse o meno mormone. Le due parti si scambiarono diversi colpi di cannone e molte raffiche di proiettili, causando almeno tre morti e qualche decina di feriti. Un comitato neutrale scese in campo per negoziare la fine dei combattimenti e i mormoni rimanenti, insieme ai loro sostenitori, furono costretti a lasciare velocemente la città.3

La maggior parte dei Santi degli Ultimi Giorni sfollati durante il 1846 si diresse verso Council Bluffs, nell’Iowa occidentale, ma molti rimasero sparsi in tutta la zona circostante per mesi o anni. Solo poche famiglie rimasero nell’Illinois.