Restaurazione e storia della Chiesa
Schiavitù indiana e servitù debitoria
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Schiavitù indiana e servitù debitoria”, Argomenti di storia della Chiesa

“Schiavitù indiana e servitù debitoria”

Schiavitù indiana e servitù debitoria

Per molti anni, prima che i pionieri Santi degli Ultimi Giorni arrivassero nella Valle del Lago Salato nel 1847, gli indiani americani di quella regione si erano dedicati al traffico di donne e bambini catturati da gruppi rivali. Anche i commercianti bianchi americani ed europei compravano e vendevano i prigionieri indiani americani come schiavi o come servitù debitoria, sviluppando il commercio degli schiavi nell’Ovest.1 Alcune settimane dopo il loro ingresso nella valle, i santi incontrarono delle tribù indiane che avevano catturato dei bambini di altre bande. Alcuni santi comprarono dei bambini indiani da quei trafficanti di schiavi, in certi casi dopo aver visto che i mercanti uccidevano o torturavano quelli che non erano stati comprati dai Santi degli Ultimi Giorni.2 Le famiglie di pionieri adottarono e cercarono di far integrare questi bambini nelle comunità dei Santi degli Ultimi Giorni malgrado le differenze culturali e i pregiudizi razziali. Alcuni sfruttarono e maltrattarono quei bambini indiani.

Nel marzo del 1852 la legislatura del Territorio dello Utah emanò “una legge in soccorso degli indiani che erano schiavi e prigionieri”, legge che regolava l’acquisto e la cura dei bambini indiani. I bambini potevano essere vincolati come servitori debitori domestici per vent’anni, ma coloro che acquistavano i servitori erano tenuti a sottoscrivere l’accordo di servitù debitoria con i funzionari della Contea, a vestire i bambini “in modo comodo e appropriato” e a occuparsi della loro istruzione.3 Brigham Young considerò la legge uno sconvolgimento positivo della tratta degli schiavi indiani; invece di comprare i prigionieri per renderli schiavi, Young riteneva che i Santi degli Ultimi Giorni avrebbero “comprato loro la libertà”4.

Dal momento dell’approvazione della legge nel 1852 fino ai primi anni del decennio del 1880, oltre quattrocento bambini delle comunità Ute, Paiute, Goshute, Shoshone e Navajo furono accolti nelle case dei Santi degli Ultimi Giorni in servitù debitoria o in adozione.5 Circa il sessanta percento furono acquistati tramite scambi diretti con i predatori. Alcuni erano rimasti orfani a seguito di violenti conflitti tra gli indiani e i Santi degli Ultimi Giorni o altri euro-americani. Quasi il venti percento fu venduto o concesso alle famiglie di Santi degli Ultimi Giorni dai genitori o dai parenti spinti da necessità economiche e con la speranza di fare il meglio nell’interesse dei bambini. Quando raggiunsero l’età adulta, molti di quei bambini ebbero difficoltà a rintracciare le famiglie di origine, mentre altri tornarono nelle comunità indiane da adolescenti o appena diventati adulti. Altri rimasero nelle comunità dei bianchi, anche se spesso si sentivano emarginati. Altri ancora, da adulti, divennero missionari e dirigenti della Chiesa.6

Verso la fine della guerra civile americana, il Congresso degli Stati Uniti approvò il tredicesimo emendamento della Costituzione che dichiarava illegale la schiavitù e la servitù forzata. Negli Stati Uniti occidentali la pratica della servitù debitoria continuò, ma nuove leggi federali ridussero il numero dei contratti. Quando il governo fece rispettare quelle leggi e confinò sempre più le nazioni indiane nelle riserve, nello Utah il sistema di servitù debitoria andò scemando fin quasi a scomparire negli anni ‘70 del XIX secolo.7