Restaurazione e storia della Chiesa
La famiglia di Joseph sr e Lucy Mack Smith
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“La famiglia di Joseph sr e Lucy Mack Smith”, Argomenti di storia della Chiesa

“La famiglia di Joseph sr e Lucy Mack Smith”

La famiglia di Joseph sr e Lucy Mack Smith

La vita domestica e l’educazione impartita dai genitori e dai fratelli di Joseph Smith influenzarono gran parte della sua opera profetica iniziale. La sua attenzione alla preghiera e allo studio della Bibbia era ampiamente dovuta alla devozione religiosa dei suoi genitori. Quando Joseph riferiva visioni di angeli, tale notizia portava gioia ai familiari che, come suo padre e sua madre, avevano già avuto profonde esperienze spirituali a livello personale.1 In seguito, Joseph descrisse in maniera toccante il suo desiderio che i nomi e le azioni dei suoi genitori e dei suoi fratelli fossero sempre ricordati. Scrisse: “Non trovo né parole né espressioni adeguate ad esprimere la gratitudine che sento verso Dio per avermi dato dei genitori tanto onorabili”2.

Fin dall’inizio del matrimonio di Joseph sr e Lucy, la famiglia andò incontro a raccolti scarsi e difficoltà economiche. Si trasferirono diverse volte in paesini del Vermont e del New Hampshire prima di trovare prospettive più favorevoli nella zona di Finger Lakes, nello Stato di New York. Nel 1816 la famiglia Smith si spostò a Palmyra, New York, e presto si stabilì in una fattoria nella vicina Manchester. In questa zona, nella quindicina d’anni successivi, Joseph jr ebbe le sue prime visioni, tradusse e pubblicò il Libro di Mormon e organizzò la Chiesa di Cristo.3

La famiglia Smith seguì la Chiesa a Kirtland, nell’Ohio, nel 1831; nel Missouri nel 1838; e a Nauvoo, nell’Illinois, nei primi anni ’40. Joseph sr e Lucy vissero con i loro figli adulti per il resto della loro vita. Tragicamente, nel giro di quattro anni, tra il 1841 e il 1844, Joseph sr e quattro dei suoi figli (Don Carlos, Hyrum, Joseph e Samuel) morirono colpiti da malattie o assassinati. La maggior parte degli altri membri della famiglia scelse di non andare nella zona del Gran Bacino dopo la morte di Joseph Smith.

Joseph Smith sr (1771–1840)

(Vedere “Joseph Smith sr”, Argomenti di storia della Chiesa)

Lucy Mack Smith (1775–1856)

(Vedere “Lucy Mack Smith”, Argomenti di storia della Chiesa)

Figlio senza nome (circa 1797)

Il primo figlio di Joseph sr e Lucy, nato circa un anno dopo il loro matrimonio, non sopravvisse alla nascita. Gli Smith non diedero un nome a questo figlio.4

Alvin Smith (1798–1823)

Primo figlio della famiglia Smith a sopravvivere alla nascita, Alvin nacque l’11 febbraio 1798 nella casa dei genitori a Tunbridge, nel Vermont. La madre di Alvin lo definiva un “giovane di […] singolare bontà d’animo” dai “modi gentili e piacevoli”5. Dopo che gli Smith si trasferirono a Palmyra, l’apporto di Alvin divenne essenziale per il sostentamento materiale della famiglia, tanto che egli guidò i lavori di costruzione di una casa di legno nella tenuta di famiglia.

Alvin credette al racconto di Joseph sull’apparizione dell’angelo Moroni e lo incoraggiò a seguirne le istruzioni. Secondo un amico di famiglia, Moroni istruì addirittura Joseph di portare Alvin con sé quando fosse giunto il momento di ottenere le tavole del Libro di Mormon.6 Tuttavia, appena pochi mesi prima della suo ventiseiesimo compleanno, Alvin morì a causa di quella che sua madre chiamò “colica biliare”7. Il dottore che stava curando Alvin gli somministrò un composto di mercurio e cloro chiamato “calomelano”, un rimedio considerato tossico da molti medici dell’epoca, ma comunemente usato dai dottori privati.8 La cura aggravò la condizione di Alvin, tanto che questi morì dopo pochi giorni. Gli storici hanno suggerito che la principale causa della morte di Alvin potrebbe essere stata l’appendicite.9

Nella propria biografia, Lucy menziona che la fidanzata di Alvin partecipò al funerale, ma non si sa nient’altro del suo fidanzamento.10

La morte di Alvin fu devastante per la famiglia Smith. Al suo funerale, un ministro locale turbò la famiglia insinuando che Alvin fosse andato all’inferno perché non era stato battezzato.11 Nel 1836, Joseph ebbe una visione del regno celeste e si meravigliò quando vi vide Alvin. Il Signore rivelò che coloro che, come Alvin, “sono morti senza una conoscenza di questo Vangelo, e che l’avrebbero accettato se fosse stato permesso loro di rimanere, saranno eredi del regno celeste di Dio”12. Quando nel 1840 Joseph annunciò la dottrina dei battesimi per procura in favore dei morti, suo fratello Hyrum fu battezzato per Alvin nel fiume Mississippi.

Hyrum Smith (1800–1844)

(Vedere “Hyrum Smith”, Argomenti di storia della Chiesa)

Sophronia Smith Stoddard McCleary (1803–1876)

La prima figlia femmina degli Smith, Sophronia, nacque il 16 maggio 1803, quando la famiglia viveva a Tunbridge, nel Vermont. Alcuni anni dopo, quella zona fu colpita da un’epidemia di tifo: Sophronia e il suo fratello minore Joseph contrassero i casi più gravi in famiglia. Sophronia, che aveva nove anni, combatté con la febbre tifoidea per tre mesi fino a che improvvisamente smise di respirare e rimase immobile. Sua madre la avvolse in una coperta, la prese tra le braccia e camminò avanti e indietro. I vicini esortarono Lucy ad accettare il fatto che Sophronia fosse morta, ma la bambina alla fine si svegliò, respirò e singhiozzò. Si riprese e visse fino all’età di 73 anni.13

Sophronia credeva alle visioni di suo fratello Joseph. Si sentiva addolorata quando la comunità circostante trattava la famiglia aspramente. Un paio di mesi dopo che Joseph ricevette le tavole dall’angelo Moroni, Sophronia sposò Calvin Stoddard, che alla fine si unì alla Chiesa. Sophronia, Calvin e la loro figlia di 14 mesi, Eunice, si recarono a Kirtland, nell’Ohio, con la compagnia di Lucy, ma circa due mesi dopo l’arrivo a Kirtland la piccola Eunice morì per cause sconosciute. Un anno dopo Sophronia partorì una seconda figlia, Mariah, ma, prima che i Santi partissero dall’Ohio, Calvin morì lasciando Sophronia vedova all’età di 34 anni.14

Nel 1838 Sophronia sposò William McCleary e i due si trasferirono nel Missouri e poi nell’Illinois.15 A quanto pare, Sophronia e William pianificarono di trasferirsi a Winter Quarters, ma William morì prima che partissero, così Sophronia scelse invece di rimanere nell’Illinois, dove avrebbe potuto stare vicino alla sua famiglia. Nei successivi trent’anni, visse vicino alle sue sorelle, Katharine e Lucy, fino alla sua morte, avvenuta nel 1876.16

Joseph Smith jr (1805–1844)

(Vedere “La famiglia di Joseph ed Emma Hale Smith”, Argomenti di storia della Chiesa)

Samuel Harrison Smith (1808–1844)

Supponendo che il Libro di Mormon avrebbe semplicemente innescato una riforma delle chiese esistenti, Samuel Smith espresse preoccupazione quando apprese che il suo fratello maggiore Joseph aveva intenzione di fondare una nuova Chiesa. Si ritirò nel bosco che si trovava nelle vicinanze e pregò per sapere se il Signore aveva guidato Joseph. Quando ritornò, chiese prontamente di essere battezzato, divenendo così il primo a ricevere il battesimo dopo Joseph e Oliver. Samuel rimase fedele per il resto della sua vita.17

Fu uno degli Otto Testimoni del Libro di Mormon e svolse una delle prime missioni di proselitismo della storia della Chiesa.18 Nel corso della sua breve missione nel 1830, consegnò un Libro di Mormon alla famiglia Young, che fece conoscere il vangelo restaurato al futuro presidente della Chiesa Brigham Young e al futuro apostolo Heber C. Kimball.19

Mentre svolgeva un’altra missione due anni più tardi, Samuel contribuì a stabilire diversi rami nel nordest degli Stati Uniti.20 Durante questa missione, Samuel conobbe la sua futura moglie, Mary Bailey. Samuel e Mary ebbero quattro figli.21 Samuel fu un membro della Scuola dei Profeti a Kirtland e servì come membro del sommo consiglio. A Nauvoo, assistette il vescovo Vinson Knight come consigliere e ricoprì anche il ruolo di consigliere comunale, guardia della Legione di Nauvoo, reggente dell’Università di Nauvoo e membro del Consiglio municipale di Nauvoo.22

Samuel sposò Levira Clark dopo che Mary morì di parto nel 1841.23 Si trasferirono a Plymouth, nell’Illinois, dove vivevano quando Samuel apprese che i suoi fratelli Joseph e Hyrum erano stati rinchiusi nel carcere di Carthage. Samuel si mise in viaggio a cavallo per andare in loro soccorso e, secondo racconti successivi, incontrò in un boschetto due uomini che iniziarono immediatamente a inseguirlo. Sfuggì a stento ai suoi assalitori, solo per scoprire, al suo arrivo a Carthage, che i suoi fratelli erano stati uccisi. Sconvolto e addolorato, prese accordi con un vicino albergo perché proteggesse i corpi, finché lui non avesse potuto portarli a Nauvoo.24 Tragicamente, meno di un mese dopo, anche Samuel morì. Un giornale locale descrisse la causa della morte come “febbre biliare”, anche se gli amici e i familiari diedero la colpa al suo incontro traumatico a cavallo di aver provocato quella malattia fatale.25

Ephraim Smith (1810)

Ephraim Smith, settimo figlio (il sesto maschio) di Joseph sr e Lucy, visse solamente pochi giorni. Nacque il 13 marzo e morì il 24 marzo 1810. La famiglia Smith viveva a Royalton, nel Vermont, durante la breve vita di Ephraim.26

William B. Smith (1811–1893)

William Smith accettò le rivendicazioni profetiche del fratello maggiore Joseph e si battezzò. Ricoprì diversi uffici nella Chiesa nel corso della sua vita e divenne uno dei primi membri del Quorum dei Dodici Apostoli. Inoltre, svolse diverse missioni, marciò verso il Missouri con il Campo di Israele e fu ordinato patriarca per la Chiesa.27

William Smith

Fotografia di William Smith.

Nel 1833, William sposò Caroline Amanda Grant, appartenente a una famiglia che aveva conosciuto durante una delle sue missioni. Prima che Caroline morisse nel 1845, William aveva iniziato a praticare il matrimonio plurimo, sposando una seconda moglie alcuni mesi prima del martirio dei suoi fratelli Joseph e Hyrum.28 Tra il 1844 e il 1889, William si sposò altre quattro volte, anche se due dei matrimoni finirono con un divorzio. William ebbe sette figli.29

Oltre al suo servizio nella Chiesa, William fu attivo a livello civico. A Nauvoo, fu membro del consiglio municipale. Per un breve periodo fu direttore del Nauvoo Wasp, ma fu sostituito dopo uno scambio polemico con Thomas C. Sharp, direttore di un altro giornale locale. William rappresentò la Contea di Hancock nel parlamento dello Stato dell’Illinois, dove difese lo statuto cittadino di Nauvoo dalle richieste di revoca.30

Unico figlio di Joseph sr e Lucy a essere ancora in vita dopo l’estate del 1844, William inizialmente sostenne Brigham Young come successore di Joseph. Tuttavia, un disaccordo con gli altri membri dei Dodici gli fece cambiare idea. Fu scomunicato nel 1845 dopo un breve e infruttuoso tentativo di prendere le redini della Chiesa. In seguito si unì a varie altre chiese prima di affiliarsi definitivamente alla Chiesa Riorganizzata di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, guidata da suo nipote Joseph Smith III.31

Quando nel 1861 scoppiò la Guerra civile americana, William travisò la sua età per poter figurare abbastanza giovane da arruolarsi nell’esercito dell’Unione. Durante il suo servizio militare, William adottò l’iniziale “B” nel nome per distinguersi dai molti altri soldati che si chiamavano William Smith. Morì il 13 novembre 1893 all’età di 82 anni.32

Katharine Smith Salisbury Younger (1813–1900)

Seconda figlia femmina degli Smith, Katharine si unì alla Chiesa da adolescente. La tradizione familiare riferisce di un’occasione in cui Joseph chiese a Katharine e a Sophronia di nascondere le tavole d’oro a un gruppo di malintenzionati, cosa che le sorelle fecero coprendole con le lenzuola del loro letto, sdraiandosi e fingendo di dormire.33 Katharine si trasferì a Kirtland, nell’Ohio, con la madre, Lucy, e quello stesso anno sposò un nuovo convertito di nome Wilkins Jenkins Salisbury.34

La vita matrimoniale di Katharine si rivelò difficile. Wilkins faticava a trovare lavoro e forse soffriva di alcolismo. Trascorse almeno dieci anni lontano dalla Chiesa e morì in conflitto con i dirigenti nello Utah. Ci furono periodi in cui Katharine allevò i figli in circostanze che rasentavano l’indigenza. Una persona che visitò la casa dei Salisbury nel 1843 rimarcò che i figli di Katharine non avevano le scarpe nonostante l’inverno rigido. La famiglia Smith sostentò Katharine durante queste difficoltà e anche i dirigenti della Chiesa contribuirono, inviando in seguito del denaro con cui potesse costruirsi una casa nell’Illinois.35

Come sua madre e altri fratelli, Katharine restò nell’Illinois dopo la morte di Joseph e Hyrum. Dopo che Wilkins morì nel 1853, Katharine andò a vivere vicino a sua madre e alle sue sorelle, rimanendovi per il resto della sua vita. Quando suo figlio Don Carlos raggiunse i quattordici anni d’età, lo mandò a vivere con la sua sorella maggiore Sophronia, forse a causa delle pessime condizioni finanziarie della propria famiglia. Sebbene non si sia mai recata nell’ovest, Katharine mantenne una corrispondenza cordiale con i suoi parenti Smith nello Utah. Questi parenti andarono spesso a trovarla nei loro spostamenti missionari. Katharine morì nel 1900 all’età di 86 anni.36

Don Carlos Smith (1816–1841)

I familiari descrissero Don Carlos Smith come una persona di indole buona, gentile e affettuosa. Appena quattordicenne quando Joseph pubblicò il Libro di Mormon, Don Carlos sostenne fin da subito il suo fratello maggiore. Joseph affermò di lui: “Fu uno dei primi ad accogliere la mia testimonianza”37. Più avanti nello stesso anno, Don Carlos accompagnò suo padre in un viaggio a Stockholm, nello Stato di New York, dove i due condivisero le notizie della Chiesa con i parenti. Poco tempo dopo, Don Carlos si trasferì a Kirtland, nell’Ohio, con la madre e le sorelle.38

Mentre viveva a Kirtland, Don Carlos apprese da Oliver Cowdery il mestiere di tipografo. Contribuì a pubblicare gran parte del materiale stampato nei primi tempi dalla Chiesa, tra cui la prima edizione di Dottrina e Alleanze. Il 30 luglio 1835, sposò Agnes Moulton Coolbrith, una convertita di Boston che stava a pensione presso i suoi genitori.39 Don Carlos e Agnes ebbero tre figlie.

Dopo essersi trasferito a Nauvoo, Don Carlos continuò la sua professione di tipografo, dirigendo e pubblicando il giornale Times and Seasons e raccogliendo denaro per la terza edizione del Libro di Mormon.40 Inoltre, svolse brevi missioni in Pennsylvania, New York, Virginia, Ohio, Kentucky e Tennessee e fu presidente del quorum dei sommi sacerdoti.41 Morì di malaria nell’agosto del 1841 all’età di 26 anni; suo nipote nonché suo omonimo, il figlio neonato di Joseph ed Emma, morì della stessa malattia appena otto giorni dopo.42

Lucy Smith Millikin (1821–1882)

Quando Lucy Smith nacque il 18 luglio 1821, suo fratello Joseph aveva già avuto la Prima Visione. Lucy crebbe con gran parte del ministero religioso di Joseph già avviato e visse con i genitori durante i periodi di Kirtland e del Missouri agli albori della Chiesa. Poco dopo essere arrivata a Commerce (in seguito Nauvoo), nell’Illinois, Lucy sposò Arthur Millikin, un convertito del Maine. Si unì alla Società di Soccorso di Nauvoo e nel 1843 accompagnò suo marito in missione nel Maine. Lucy rimase nell’Illinois dopo la morte dei suoi fratelli Joseph e Hyrum. Tra il 1846 e il 1852 prese in casa la madre anziana. Circa quattro anni dopo la morte della madre, Lucy si stabilì nei pressi di Colchester, nell’Illinois, dove lei e il marito ottennero un’onorevole reputazione tra i vicini. Attorno al 1880, Lucy iniziò a prendersi cura della nuora, che aveva contratto una malattia respiratoria. Lei stessa prese la malattia e morì il 9 dicembre 1882.43

Fotografia di Lucy Smith Millikin.

Argomenti correlati: Joseph Smith sr, Lucy Mack Smith, Joseph Smith jr, Hyrum Smith