Restaurazione e storia della Chiesa
Identità dei Lamaniti
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

Identità dei Lamaniti

Il Libro di Mormon riporta la storia di due popoli, i Nefiti e Lamaniti, che per secoli vissero quasi costantemente in conflitto religioso e politico. Questi gruppi erano discendenti di due fratelli Israeliti. Col tempo, il gruppo noto come Lamaniti crebbe fino a includere altri, come ad esempio coloro che “che erano divenuti Lamaniti a causa dei loro dissensi” con i Nefiti.1 I termini Nefiti e Lamaniti pertanto sono stati utilizzati per descrivere delle distinzioni culturali e religiose come pure delle differenze etniche.2 Alla fine, i Lamaniti che non credettero al Vangelo di Gesù Cristo sopraffecero e distrussero la nazione nefita. I profeti nefiti avevano previsto questa distruzione futura e avevano pregato affinché i loro insegnamenti, preservati nel Libro di Mormon, un giorno diventassero lo strumento per convertire i discendenti dei Lamaniti al Vangelo.3 Il Signore promise che, negli ultimi giorni, i Lamaniti sarebbero venuti “a conoscenza del loro Redentore”, avrebbero partecipato all’edificazione della Sion degli ultimi giorni come parte del popolo dell’alleanza di Dio, e che “i poteri del cielo” sarebbero stati in mezzo a loro. 4 La rivelazione moderna giunta tramite Joseph Smith ha confermato che le promesse del Libro di Mormon riguardo ai Lamaniti sono ancora valide.5

Al tempo della prima pubblicazione del Libro di Mormon, gli europei e gli americani europei da tempo reclamavano per tradizione di discendere dalle dieci tribù perdute d’Israele di cui si parla nella Bibbia. Questo li ha aiutati a stabilire un legame tra loro e il popolo dellʼalleanza di Israele. Il Libro di Mormon invita i lettori a considerare altri popoli, in particolare le popolazioni native dell’America, come le pecore perdute della casa d’Israele e partecipi di questa storia di alleanza.6

Sebbene alcuni dei primi Santi degli Ultimi Giorni abbiano fatto delle congetture su quali gruppi specifici fossero i discendenti dei popoli del Libro di Mormon, la maggior parte di essi considerava i nativi americani in generale come gli eredi delle promesse del Libro di Mormon.7 Ai tempi di Joseph Smith, erano largamente diffuse le idee sulla superiorità europea, e molti ritenevano che la pretesa di un ruolo religioso essenziale da parte di altri gruppi etnici, inclusi gli indiani americani, fosse difficile da accettare. I primi Santi degli Ultimi Giorni furono tuttavia ansiosi di assistere all’adempimento delle promesse del Signore e di portare il Libro di Mormon ai Lamaniti.

Nel 1830 la prima missione importante della Chiesa fu rivolta a dei gruppi che si considerava fossero Lamaniti.8 Dopo il trasferimento a ovest verso la fine degli anni ‘40 del diciannovesimo secolo, i Santi degli Ultimi Giorni ebbero dei contatti più regolari con gruppi di indiani americani. Nonostante le difficoltà, le barriere culturali e anche un violento conflitto, i santi continuarono a stabilire dei rapporti con i popoli nativi, a inviare missionari a gruppi di indiani americani e a studiare la loro lingua.9

I missionari insegnavano che le popolazioni indigene d’America e del Pacifico erano discendenti dei Nefiti e dei Lamaniti. Dopo aver ricevuto il Vangelo, i convertiti in queste regioni accettarono il modo in cui il Libro di Mormon li metteva in connessione con un retaggio perduto e un futuro promesso, particolarmente in contrasto con le condizioni difficili e a volte opprimenti in cui vivevano.10 I santi che si identificavano come Lamaniti lavoravano regolarmente da soli o in collaborazione con iniziative della Chiesa per progredire spiritualmente e materialmente e per aiutare a adempiere la profezia che “prima che venga il gran giorno del Signore […] i Lamaniti fioriranno come una rosa”11.

Un doppio retaggio

Le promesse del Libro di Mormon ai Lamaniti motivarono i primi sforzi compiuti per colmare le lacune culturali che esistevano tra i santi con antenati europei e i santi, o i potenziali nuovi convertiti, i cui antenati erano nativi americani. Lo stesso Libro di Mormon ha tuttavia dimostrato in che modo gli atteggiamenti negativi che vengono tramandati possono impedire l’unità. Oltre alle storie di profeti che hanno pregato per i Lamaniti, il Libro di Mormon fornisce anche esempi di persone che non sono riuscite a vedere del buono nei Lamaniti, ritenendo di essere superiori rispetto a loro, e che hanno rifiutato un profeta perché era un lamanita.12

Purtroppo, alcuni membri della Chiesa hanno considerato dei gruppi che ritenevano essere di Lamaniti con sdegno o disprezzo, in particolare nei momenti di conflitto.13 Di conseguenza, alcuni membri degli stessi gruppi che avevano abbracciato l’identità lamanita si sono sentiti combattuti rispetto al modo in cui a volte si parla di questo retaggio in chiesa.

Per molti Santi degli Ultimi Giorni, tuttavia, abbracciare un retaggio lamanita è stato fonte di forza. Il riconoscimento delle promesse fatte ai Lamaniti ha aiutato molti santi a essere fieri del loro retaggio natio, e la cultura dei nativi è stata celebrata in diverse occasioni, come la dedicazione di templi, i discorsi e i programmi. I santi che si sono identificati come Lamaniti hanno apportato notevoli contributi alla Chiesa e alle loro comunità mentre ambivano a realizzare le promesse del Signore al Suo popolo dell’alleanza.

Domande moderne

Proprio come la storia delle dieci tribù settentrionali di Israele dopo il loro esilio in Assiria è più frutto di congetture che di una conoscenza certa, anche la storia dei Lamaniti dopo la fine del Libro di Mormon è frutto di congetture. La Chiesa asserisce che tutti i membri fanno parte del casato d’Israele, che ciò avvenga per discendenza o per adozione, ma non prende posizione rispetto alla geografia specifica del Libro di Mormon né pretende di avere completa conoscenza sulle origini di un qualsiasi gruppo moderno nelle Americhe o nel Pacifico.14 Quali che siano i particolari storici, la Chiesa continua nei suoi sforzi per contribuire a realizzare le speranze dei profeti del Libro di Mormon che le alleanze del Signore possano essere estese a tutte le pecore perdute d’Israele.