Restaurazione e storia della Chiesa
Campagna di Joseph Smith del 1844 per la presidenza degli Stati Uniti
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Campagna di Joseph Smith del 1844 per la presidenza degli Stati Uniti”, Argomenti di storia della Chiesa

“Campagna di Joseph Smith del 1844 per la presidenza degli Stati Uniti”

Campagna di Joseph Smith del 1844 per la presidenza degli Stati Uniti

Joseph Smith annunciò la propria candidatura alla presidenza degli Stati Uniti nel febbraio del 1844. Joseph in prima persona e i santi più in generale avevano vissuto diversi anni di molestie e persecuzione sia nel Missouri che nell’Illinois. Joseph aveva scritto a cinque uomini previsti come candidati alla presidenza nelle elezioni del 1844, chiedendo a ciascuno di loro che cosa avrebbe fatto in caso di vittoria per proteggere i diritti dei cittadini santi degli ultimi giorni. Tre degli uomini risposero, ma nessuno di loro promise di aiutare i santi. Di conseguenza, il Quorum dei Dodici Apostoli nominò Joseph Smith come candidato. Egli accettò la nomina e procedette a sviluppare una campagna politica. Descrivendo le proprie ragioni nell’accettare la nomina, Joseph Smith dichiarò pubblicamente: “Non avrei permesso che il mio nome fosse usato dai miei amici in qualsiasi modo, come Presidente degli Stati Uniti o candidato a quella carica se, sia io che i miei amici, avessimo avuto il privilegio di godere dei nostri diritti religiosi e civili come cittadini americani”1.

La campagna elettorale di Joseph fu riassunta in un opuscolo intitolato General Smith’s Views on the Power and Policy of Government [opinioni del generale Smith sul potere e sulla politica del governo]. Dare al governo federale il potere di proteggere i diritti delle minoranze religiose era il fulcro della sua campagna, ma egli prese posizioni pubbliche su molteplici questioni controverse. La sua campagna elettorale comprendeva una richiesta per la chiusura del crescente sistema penitenziario nazionale, la riduzione della Camera dei deputati, la costituzione di una nuova banca nazionale e la promozione dell’espansione nazionale subordinata al consenso dei nativi americani. Joseph chiedeva anche l’abolizione della schiavitù negli Stati Uniti da parte del governo utilizzando le entrate generate dalla vendita dei terreni federali negli Stati Uniti occidentali per acquistare la libertà degli uomini e delle donne in schiavitù.2

Joseph Smith: Campaign for President of the United States

Le opinioni di Joseph Smith sul potere e sulla politica del governo degli Stati Uniti.

I dirigenti della Chiesa si erano resi conto del potere della stampa nella diffusione del messaggio in tutto il paese, quindi stamparono e distribuirono copie dell’opuscolo con la campagna elettorale di Joseph Smith. Nella città di New York, i dirigenti della Chiesa avviarono un quotidiano chiamato Prophet [il Profeta], riservato alla candidatura di Joseph e al paragone tra le sue posizioni politiche e quelle degli altri candidati in corsa. Oltre ai messaggi cartacei sulla campagna, oltre trecento membri della Chiesa svolsero missioni a fini elettorali in tutto il paese.

Il fallimento del presidente John Tyler nell’ottenere la nomina del suo partito significava che non c’era nessuno in carica, quindi la corsa alla presidenza del 1844 era più che aperta. Tuttavia, era improbabile che un candidato in corsa al di fuori del sistema bipartitico potesse vincere le elezioni. Qualcuno pensava che la campagna non fosse un tentativo serio di eleggere Joseph Smith, ma piuttosto un’iniziativa volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione difficile dei santi degli ultimi giorni tra la persecuzione crescente in un paese che si vantava del proprio livello eccezionale di libertà. Anche se i santi si erano resi conto che persino una campagna presidenziale fallita poteva causare una simile, benefica sensibilizzazione, i dirigenti della Chiesa insistevano nel dire che avevano intenzione di eleggerlo. Scelsero elettori da ciascuno stato, un’azione che non aveva virtualmente nessuna funzione di relazione pubblica ma che, al contrario, sarebbe servita a tradurre i voti popolari in voti elettorali nel caso in cui la campagna avesse avuto successo nell’ottenere abbastanza sostegno in uno qualunque dei ventiquattro stati che all’epoca formavano gli Stati Uniti. Apparentemente, i dirigenti della Chiesa credevano che Joseph Smith potesse vincere se quella era la volontà di Dio, ma non credevano necessariamente che sarebbe andata così. Di conseguenza, perseguirono altri progetti per alleviare le pressioni e le persecuzioni che sentivano sui santi, tra cui la petizione presentata al Congresso degli Stati Uniti per rendere la città di Nauvoo un territorio federale, chiedendo al Congresso di nominare Joseph generale dell’esercito degli Stati Uniti e contemplando la possibilità di lasciare del tutto gli Stati Uniti. La campagna presidenziale di Joseph fu, pertanto, una delle diverse strade potenziali che i dirigenti della Chiesa presero in considerazione per portare ai santi la pace e la protezione necessarie perché potessero adorare Dio secondo i dettami della propria coscienza.3