Restaurazione e storia della Chiesa
Prima Presidenza
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Prima presidenza”, Argomenti di storia della Chiesa

“Prima Presidenza”

Prima Presidenza

Quando Joseph Smith organizzò la Chiesa nell’aprile del 1830, una rivelazione lo designò come “un veggente e traduttore e profeta, un apostolo di Gesù Cristo, un anziano della Chiesa”1. Di conseguenza, i membri della Chiesa sostennero Joseph come primo anziano e Oliver Cowdery come secondo anziano, titoli originari utilizzati per i dirigenti della Chiesa. Nel novembre del 1831, un’altra rivelazione data a Joseph Smith istituì l’ufficio di “presidente del sommo sacerdozio”. Questo presidente sarebbe stato “simile a Mosè” e “un veggente, un rivelatore, un traduttore e un profeta, avendo tutti i doni di Dio che Egli conferisce al capo della Chiesa”2. Durante una conferenza, il 25 gennaio 1832, Joseph Smith venne nominato presidente del sommo sacerdozio.3

Circa sei settimane dopo la nomina di Joseph Smith, egli scelse due uomini — Jesse Gause e Sidney Rigdon — come suoi consiglieri nel “ministero della presidenza del sommo sacerdozio”4. Gause continuò a servire come consigliere fino a dicembre del 1832, quando fu scomunicato dalla Chiesa per motivi non specificati.5 Nel gennaio del 1833, Frederick G. Williams sostituì Gause nella presidenza.

Due mesi dopo la nomina di Williams, Joseph Smith ricevette una rivelazione che dichiarava che Rigdon e Williams erano “alla pari” con lui nel “detenere le chiavi di quest’ultimo regno”6. Di conseguenza, in un consiglio di sommi sacerdoti a Kirtland, nell’Ohio, tenuto il 18 marzo 1833, Joseph ordinò Rigdon e Williams per “essere alla pari con lui nel detenere le chiavi del Regno e anche alla presidenza del sommo sacerdozio”7. I tre uomini vennero definiti la presidenza del sommo sacerdozio e agivano sotto la direzione di Joseph Smith. Un’altra rivelazione indicò che, come Presidenza, avevano “l’autorità di presiedere […] a tutti gli affari della Chiesa”8.

Quando, nel 1834, Joseph Smith istituì i sommi consigli, a Kirtland, nell’Ohio, e nella Contea di Clay, nel Missouri, ogni sommo consiglio aveva una presidenza. La presidenza di Kirtland era composta da Joseph Smith, Sidney Rigdon e Frederick G. Williams, gli stessi membri della presidenza del sommo sacerdozio. La presidenza del Missouri era composta da David Whitmer, William W. Phelps e John Whitmer. Per fare distinzione tra queste due presidenze di sommo consiglio, i membri e i dirigenti della Chiesa cominciarono a chiamare la presidenza del sommo sacerdozio con il nome di “Prima Presidenza”. Il primo riferimento scritto a indicare l’organo della Prima Presidenza apparve in una rivelazione pubblicata nell’edizione del 1835 di Dottrina e Alleanze.9

Sebbene una direttiva del sacerdozio data da Joseph Smith nel 1835 avesse stabilito che “tre sommi sacerdoti presiedenti” formavano “un quorum della presidenza della Chiesa”, ci sono stati periodi in cui più di tre persone hanno fatto parte della Prima Presidenza10. Nel dicembre del 1834, per esempio, Oliver Cowdery fu ordinato “all’ufficio di presidente assistente del sommo e santo sacerdozio” e, il giorno seguente, Hyrum Smith e Joseph Smith Sr. furono ordinati “all’ufficio della presidenza del sommo sacerdozio”11. Anche Brigham Young, David O. McKay e Spencer W. Kimball hanno avuto più di due consiglieri alla volta durante le loro presidenze.

Dopo il martirio di Joseph Smith nel giugno 1844, la Prima Presidenza fu sciolta e la dirigenza della Chiesa passò al Quorum dei Dodici Apostoli, con Brigham Young come presidente.12 Il 27 dicembre 1847, più di due anni dopo la morte di Joseph Smith, Brigham Young riorganizzò la Prima Presidenza, con Heber C. Kimball e Willard Richards come suoi consiglieri. Allo stesso modo, anche i presidenti John Taylor e Wilford Woodruff attesero ognuno più di due anni dopo la morte dei loro predecessori per riorganizzare la Prima Presidenza, guidando nel frattempo la Chiesa in qualità di presidente del Quorum dei Dodici Apostoli. A partire da Lorenzo Snow nel 1898, i nuovi presidenti della Chiesa hanno in genere riorganizzato la Prima Presidenza in modo rapido dopo la morte del profeta precedente.