Restaurazione e storia della Chiesa
La ricerca di tesori
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“La ricerca di tesori” – Argomenti di storia della Chiesa

“La ricerca di tesori”

La ricerca di tesori

Chi criticava Joseph Smith ha spesso cercato di denigrarlo chiamandolo scava soldi o cercatore di tesori. Invece di negare l’accusa, nella sua storia ufficiale Joseph riconobbe il fatto che Josiah Stowell lo aveva assunto nel 1825 per aiutarlo nell’impresa di cercare tesori nella Pennsylvania settentrionale.1 Stowell voleva il suo aiuto perché alcuni dei suoi vicini reputavano Joseph un “veggente”, cioè qualcuno in grado di guardare in una pietra speciale e trovare oggetti perduti o nascosti.2

I termini “visioni” e “veggenti” facevano parte della cultura in cui Joseph Smith era cresciuto. All’inizio del XIX secolo, alcuni credevano che alle persone dotate fosse possibile vedere oggetti nascosti attraverso l’utilizzo di oggetti come le pietre. Joseph Smith e la sua famiglia, come molti loro concittadini, accettavano queste note pratiche popolari.

Negli anni ’20 del 1800, la passione per presunti giacimenti di tesoro spagnolo portò cercatori come Josiah Stowell a ingaggiare dei veggenti come Joseph nella loro ricerca di tesori.3 Stowell si fidava di Joseph, gli chiese aiuto per la ricerca del tesoro e accettò persino il suo consiglio di smettere di cercare. Joseph Smith sr considerava sacra l’abilità di suo figlio e sperava che avrebbe smesso di utilizzarla per cercare tesori terreni.4 Mentre si preparava a tradurre il Libro di Mormon, Joseph ricevette il comandamento di non avere più a che fare con chi cercava tesori e di usare invece il proprio dono per tradurre e chiedere rivelazione.

Anche se all’epoca di Joseph Smith e nel luogo in cui viveva non era raro incontrare persone che affermavano di utilizzare pietre per cercare oggetti perduti o nascosti, non si era mai sentito dell’utilizzo di una pietra del veggente per tradurre un reperto antico. Dio diede a Joseph Smith il potere di tradurre il Libro di Mormon, reindirizzando l’uso che egli faceva della pietra del veggente verso un’opera di natura spirituale.

Argomenti correlati: Traduzione del Libro di Mormon, Le pietre del veggente, Il processo a Joseph Smith del 1826