Restaurazione e storia della Chiesa
Fermenti e risvegli
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

“Fermenti e risvegli”, Argomenti di storia della Chiesa

“Fermenti e risvegli”

Fermenti e risvegli

Intorno al 1829 la tredicenne Nancy Alexander partecipò a una grande riunione di metodisti. “Occuparono più di un acro [0,40 ettari] di terreno con le loro tende”, ricordò, e “tennero le loro riunioni per diversi giorni, e fecero molti convertiti”. Durante le riunioni, un ministro la invitò a prendere posto sull’“anxious seat” [panca dove sedeva chi era travagliato e in cerca di guida spirituale], dove insieme ad altri avrebbe ricevuto incoraggiamento dall’intera congregazione per volgere la sua vita a Cristo. “Non riuscii ad avere quel cambiamento di cuore”, confessò. Chi ci riuscì gridò: “Gloria, alleluia, ho una religione”, ricordò, “ma io non sentivo alcuna differenza”.

Camp meeting

Litografia raffigurante una riunione di “risveglio” o raduno all’aperto.

Anche Joseph Smith da adolescente partecipò a diversi raduni di risveglio e, come Nancy, desiderò “di provare gli stessi sentimenti ed esultare come gli altri”, ma “non riuscì a sentire nulla”. La lotta dei ricercatori come Nancy e Joseph per “avere una religione” e del clero per accaparrarsi dei convertiti e rafforzare la propria chiesa diede avvio ai risvegli religiosi che inondarono il nordest degli Stati Uniti nei primi decenni del 1800.1

La Rivoluzione americana aveva portato un nuovo governo, impegnato a proteggere la libertà religiosa. Allo stesso tempo, i ministri vedevano le loro congregazioni vegetare, con la partecipazione alle riunioni di chiesa al di sotto del 20 percento nella maggior parte degli Stati. Di conseguenza, i ministri di culto di molte chiese cercarono di spronare i loro parrocchiani ad avere maggiore fede. Le chiese, una volta sostenute dal governo, persero la loro posizione privilegiata, aprendo la strada a predicatori di una varietà di chiese che cercavano aggressivamente nuovi convertiti. La diffusione del risveglio — che gli storici in seguito definirono Secondo grande risveglio — ispirò molti protestanti americani a sperimentare diverse denominazioni, a offrirsi volontari per cause a sfondo sociale e a promuovere le loro credenze cristiane.2

Lo spirito del risveglio diede energia a uomini e donne di tutte le razze e di tutte le provenienze. Dei gruppi come gli episcopaliani, i congregazionalisti e i presbiteriani praticarono un culto più strutturato. Il loro risveglio consisteva tipicamente di sermoni formali e di predicazioni domenicali, con i ministri che usavano enfasi nei discorsi per risvegliare una maggiore devozione. Al contrario, metodisti e battisti battevano la campagna, tenendo lezioni e riunioni di culto. Quando i loro circuiti di predicazione si aprirono a ventaglio fino alle frontiere, molti predicatori a cavallo diventarono famosi per aver affrontato pericoli al fine di portare il Vangelo in luoghi remoti. In tante zone rurali la predicazione era caratterizzata da riunioni con accampamenti notturni che attiravano le folle per giorni interi.

La conversione personale, che era l’elemento caratteristico della predicazione del Risveglio, attraeva chi scrutava le religioni perché insoddisfatto delle chiese dominanti dell’epoca. Le storie di conversione enfatizzavano il sentirsi in colpa nella coscienza, il rendersi conto che Dio sarebbe stato giustificato nel gettare l’anima di una persona all’inferno, e la profonda testimonianza che la grazia di Cristo era andata in soccorso del convertito. Quando amici e vicini testimoniavano di tali esperienze, l’interesse e l’attività nelle chiese e nelle associazioni di riforma aumentavano vertiginosamente.

Argomenti correlati: Christian Churches in Joseph Smith’s Day [le chiese cristiane ai tempi di Joseph Smith], Religious Beliefs in Joseph Smith’s Day [le credenze religiose ai tempi di Joseph Smith], I resoconti della Prima Visione di Joseph Smith