Musica
C’è un’ora dolce e cheta

88

C’è un’ora dolce e cheta

Con riverenza

1. C’è un’ora dolce e cheta in cui riposo trova il cuor,

è quando son dinanzi a Dio, nell’intimo pregar.

[Chorus]

Possa il cuore mio pregar

in segreto ogni dì,

sol così ognor potrò

l’alma mia riunire al ciel.

2. Se un dì vorrò cantar lassù con gli angeli del ciel,

la stretta via trovar potrò nell’intimo pregar.

[Chorus]

Possa il cuore mio pregar

in segreto ogni dì,

sol così ognor potrò

l’alma mia riunire al ciel.

3. Se fra le onde tempestose del mio navigar

coraggio in cuor mi mancherà, a Dio mi volgerò.

[Chorus]

Possa il cuore mio pregar

in segreto ogni dì,

sol così ognor potrò

l’alma mia riunire al ciel.

4. Se spine sparse sul sentier feriscono il mio piè,

il Salvator invocherò nell’intimo pregar.

[Chorus]

Possa il cuore mio pregar

in segreto ogni dì,

sol così ognor potrò

l’alma mia riunire al ciel.

Testo e musica: Hans Henry Petersen, 1835–1905

Matteo 6:6

Alma 33:3–11