Musica
Alte vette lassù

23

Alte vette lassù

Maestoso

1. Alte vette lassù nel purissimo ciel

s’ergon qual torri di libertà;

quanto tempo aspettai per poter giunger qui,

solo qui il mio cuor pace avrà.

O mia Sion, patria della libertà,

m’han condotto fin qui

le speranze del cuor,

fra i tuoi monti rifugio avrò.

2. La bellezza ch’è in te l’uomo van non vedrà,

tu sarai cara all’umile cuor;

i malvagi potranno insultarti, ma a te

sempre volto sarà il nostro amor.

O mia Sion, patria della libertà,

nella gioia e il dolore

unito sarò

con chi in te ognor rifugio avrà.

3. Il Signor ti darà nuova forza ogni dì,

del nemico timor non avrai;

col Suo argento e il Suo or, come già detto fu,

il bel capo tu adornerai.

O mia Sion, patria della libertà,

brilleran le tue torri

di gloria divina ed

eterno splendore avrai.

4. Tutti insiem loderem la dimora che diede

rifugio ai profeti di Dio;

chi ti opprime ben presto perire dovrà

e la terra avrà libertà.

O mia Sion, patria della libertà,

da lontano ai tuoi templi

veranno le genti e

dimora sicura avran.

Testo: Charles W. Penrose, 1832–1925

Musica: H. S. Thompson, ca. 1852

Isaia 2:2–3

Dottrina e Alleanze 64:41–43