Musica
Il mattino era sereno

18

Il mattino era sereno

Solennemente

1. Il mattino era sereno e raggiante era il sol,

in quel bosco tanto ameno, degli uccelli era lieto il vol.

In preghiera allora Joseph si rivolse al Signor,

in preghiera allora Joseph si rivolse al Signor.

2. Umilmente inginocchiato, si rivolse al Signor;

ma le forze del peccato minacciarono il suo fervor.

Ma il ragazzo non temeva, nel suo Dio sperava ancor,

ma il ragazzo non temeva, nel suo Dio sperava ancor.

3. Una luce assai splendente, come il sole a mezzo dì,

sul ragazzo riverente scese in fascio da lassù.

Gli apparvero quel giorno Dio Padre e Gesù,

gli apparvero quel giorno Dio Padre e Gesù.

4. Il Padre disse a Joseph: “È il diletto Figlio mio.

Ora ascolta con il cuore le parole del Signor.”

Dalla splendida visione estasiato fu il suo cuor,

dalla splendida visione estasiato fu il suo cuor.

Testo: George Manwaring, 1854–1889

Musica: Sylvanus Billings Pond, 1792–1871; adattamento di A. C. Smyth, 1840–1909

Joseph Smith — Storia 1:14–20, 25

Giacomo 1:5