Musica
Su vette ardite mai forse andrò

170

Su vette ardite mai forse andrò

Con decisione

1. Su vette ardite mai forse andrò,

né sul tempestoso mar;

battaglie forse non condurrò

l’Iddio per onorar.

Ma se nel mio cuore sentirò

che Egli ha bisogno di me,

ovunque mi chiami accorrerò,

farò quel ch’è nel Suo voler.

[Chorus]

Ovunque mi chiami verrò, Signor,

per i monti, per valli o per mar;

ciò che vuoi ch’io dica, dirò, Signor,

sarò quel che vuoi di me far.

2. Ci son parole di dolce amor

che oggi potrei donar

a chi è sulla via dell’error,

qualcun che potrei salvar.

Signor, Tu la guida mia sarai,

se buio ed irto è il sentier;

al Tuo volere risponderò,

dirò quel ch’è nel Tuo pensier.

[Chorus]

Ovunque mi chiami verrò, Signor,

per i monti, per valli o per mar;

ciò che vuoi ch’io dica, dirò, Signor,

sarò quel che vuoi di me far.

3. Sicuramente nel luogo andrò

in cui Dio mi chiamerà;

ovunque il campo lavorerò

nel tempo ch’Ei mi darà.

Me stesso offrirò al Suo voler,

io so ch’Egli mi condurrà;

e Lo servirò con amore sincer,

sarò quel ch’Ei vuol di me far.

[Chorus]

Ovunque mi chiami verrò, Signor,

per i monti, per valli o per mar;

ciò che vuoi ch’io dica, dirò, Signor,

sarò quel che vuoi di me far.

Testo: Mary Brown, 1856–1918

Musica: Carrie E. Rounsefell, 1861–1930

1 Nefi 3:7

Dottrina e Alleanze 4:2