Warren Cowdery
    Note a piè di pagina

    Warren Cowdery

    DeA 106

    Quando suo fratello minore Oliver, all’epoca ventenne, diventò “il secondo anziano” della chiesa restaurata nel 1830, Warren Cowdery (che a volte era conosciuto come il dottor Cowdery) aveva una farmacia, serviva come postino e aveva costruito la prima casa di mattoni a Freedom, nello Stato di New York.1 In quel periodo, lui e sua moglie, Patience, avevano otto figli. Benché sembra che abbia saputo del Libro di Mormon nel periodo in cui venne pubblicato nel 1830, Warren non si unì alla Chiesa fino a quattro anni più tardi.2 Egli seguì a distanza il susseguirsi del dramma della fede di suo fratello. In una lettera a Oliver di gennaio 1834, Warren espresse compassione per le sofferenze dei santi nel Missouri dopo la loro recente espulsione dalla Contea di Jackson, ma comunque si riferisce ai membri della Chiesa come a “il tuo popolo” e “i tuoi amici”.3

    Probabilmente il punto di svolta per Warren Cowdery fu una visita ricevuta da Joseph Smith e Parley P. Pratt nel marzo del 1834. Obbedendo a un comandamento di reclutare partecipanti e raccogliere le donazioni dei membri della Chiesa nelle “regioni dell‘est” per il Campo di Sion, Joseph e Parley passarono per Freedom e si fermarono una notte in casa di Warren e Patience Cowdery, dai quali furono trattati con ospitalità “godendo pienamente di tutte le benedizioni temporali e spirituali di cui abbiamo bisogno o che siamo degni di ricevere”. Durante la visita, predicarono più di una volta “in una casa piena all’inverosimile” e molte persone furono battezzate, compreso il vicino dei Cowdery, Heman Hyde.4 Pratt in seguito ricordò che furono battezzate “trenta o quaranta” persone che furono organizzate in un ramo, che divenne il nucleo per la crescita della Chiesa in quella regione.5

    Benché non siano rimasti registri di questi primi membri del Ramo di Freedom, è probabile che Warren Cowdery fosse tra loro. Nell’autunno del 1834, sei mesi dopo la visita di Joseph Smith, Warren scrisse un’altra lettera a Oliver, nel quale parlava della religione “che abbiamo entrambi abbracciato” e fa riferimento ai santi come ai “nostri fratelli e sorelle”. La lettera di Warren suggerisce che la sua conversione non fu facile. Sembra che fosse pienamente consapevole della critica e disapprovazione di “migliaia di persone rispettabili [che] dicono […] di essere delusi e ingannati”, sentendo maggiormente il dolore di quell’opposizione a causa della sua posizione rispettabile nella società locale. E benché avesse ricevuto “alcune manifestazioni dell’approvazione divina” nel Ramo di Freedom, Warren desiderava ancora avere delle esperienze come quelle di suo fratello. Egli scrisse: “Migliaia di volte ho desiderato ricevere quelle conferme che hai avuto tu”.6 Warren espresse anche il desiderio che “un predicatore della nostra fede” giungesse a Freedom, qualcuno che avrebbe fatto del “bene, rafforzandoci e edificandoci nella più santa fede”7.

    Deve essere stata un’inaspettata sorpresa quando, due mesi più tardi, Joseph Smith ricevette una rivelazione che nominava Warren a essere un “sommo sacerdote presiedente sulla mia chiesa nel paese di Freedom e nelle regioni circostanti”8. Come spesso accade, Warren fu la risposta alla sua stessa richiesta. E come per molti di coloro che da allora sono chiamati a servire, le parole della benedizione e il consiglio ricevuto mostrano che il Signore lo conosceva e che lo avrebbe aiutato ad avere successo nella sua chiamata.

    Nell’approvare la scelta di Warren di unirsi alla Chiesa, implicitamente la rivelazione riconosce anche le difficoltà che aveva affrontato. Si legge: “Ci fu gioia in cielo, quando il mio servitore Warren si inchinò al mio scettro e si separò dagli inganni degli uomini”9. Quella separazione sarebbe diventata più acuta, dato che la rivelazione comanda che Cowdery “predichi il mio Vangelo eterno, ed alzi la sua voce per avvertire il popolo, non solo nel suo proprio luogo, ma nelle contee adiacenti” e “dedichi tutto il suo tempo a questa alta e santa chiamata”10. Se lo avesse fatto, il Signore promise: “gli darò grazia e fiducia per poter resistere”11. La rivelazione, in fondo, attesta che il successo di Warren dipendeva più dalla sua umiltà che dalla sua capacità: “Beato il mio servitore Warren, poiché avrò misericordia di lui; e nonostante la vanità del suo cuore, lo eleverò, se si umilierà dinanzi a me”12.

    Anche se i documenti sono pochi, sappiamo che Warren Cowdery ricoprì la posizione di anziano presiedente nella regione di Freedom l’anno successivo: un anno pieno di eventi in quell’area. All’inizio di aprile, fu tenuta una conferenza a cui presiedette Sidney Rigdon della Prima Presidenza. Commentando questa conferenza sul giornale, Oliver Cowdery osservò che la “vasta” regione di Freedom era “ansiosa di ricevere istruzioni riguardo alla fede e alle credenze di questa chiesa, entusiasta di ascoltare quei pochi anziani provvidenzialmente inviati a predicare in quel paese”13. Alcune settimane dopo, i Dodici — nella loro prima missione come quorum — giunsero in quella regione. Essi tennero una conferenza il 22 e 23 maggio, in cui furono definiti i limiti geografici della Conferenza di Freedom, che comprendeva 12 rami e copriva una vasta regione della parte occidentale dello Stato di New York.14 Il Ramo di Freedom era il più grande, con 65 membri registrati.

    Gli argomenti trattati durante la conferenza comprendevano “la Parola di Saggezza, il dono delle lingue, le profezie, ecc.” e “la redenzione di Sion”. Parlarono cinque membri dei Dodici, dopodiché “la Chiesa espresse la determinazione di mettere in pratica gli insegnamenti” ricevuti. In seguito quello stesso anno, Orson Pratt, in missione, fece visita alla regione. Egli riferì di aver battezzato alcune persone, venduto copie del Libro di Mormon e di Dottrina e Alleanze e ottenuto alcune sottoscrizioni al giornale della Chiesa, il Messenger and Advocate. Egli scrisse: “C‘è la prospettiva di molte persone che abbracciano il Vangelo in questa zona”.15.

    Questi e altri rapporti mostrano che Warren Cowdery faceva parte di un collegamento dinamico tra le sedi e i rami periferici della Chiesa. In quanto dirigente locale della Chiesa, aiutava a ministrare ai molti nuovi convertiti che si univano alla Chiesa, oltre che a ospitare e a organizzare riunioni per i missionari e i dirigenti che venivano da Kirtland.

    I successi missionari fecero crescere rapidamente dei nuovi rami; e alcuni, come il Ramo di Freedom, divennero molto grandi. Ma la chiamata a radunarsi con i santi fece sì che i dirigenti locali spesso sovrintendessero a rapide diminuzioni di membri nella propria regione. Ancora una volta, l’esperienza di Warren Cowdery fu particolare. La sua relazione pubblicata nel febbraio del 1835 sul Messenger and Advocate fornisce una visione di quanto fossero fluidi i primi rami. La chiesa a Westfield registrava 72 membri, un numero considerevole, mentre i rami a Mendon e Lima avevano un totale di otto fedeli. Cowdery spiega: “In quest’ultima chiesa di cui ho parlato, la maggior parte si sono trasferiti, chi a Kirtland e chi nel Missouri; e gli otto qui menzionati, sono coloro che sono rimasti. Prima la chiesa era grande”.

    Allo stesso modo, i 18 membri di Java e di Weathersfield rappresentavano “il resto della chiesa” di cui “molti si sono trasferiti nei luoghi di raduno”16. Cowdery stesso alla fine si unì a questo raduno. Avendo servito fedelmente a Freedom, lui e la sua famiglia vendettero le proprietà nell’autunno del 1835 e si prepararono ad andare a Kirtland.17 Arrivarono all’inizio del 1836, appena in tempo per partecipare agli eventi che riguardavano la dedicazione della casa del Signore.

    Come molti altri primi santi che sono poco conosciuti oggi, Warren Cowdery diede un importante contributo all’opera del Signore. Lavorò nell’ufficio della stamperia di Kirtland e fu l’editore del giornale della Chiesa. In quanto archivista di Joseph Smith, aiutò a scrivere la preghiera dedicatoria per il tempio di Kirtland e tenne la documentazione degli eventi quotidiani. Il suo contributo più duraturo lo possiamo trovare solo poche pagine dopo la rivelazione diretta a lui: nel 1836, egli descrisse nel diario di Joseph Smith la visita del Salvatore e degli altri messaggeri celesti a Joseph Smith e a Oliver Cowdery nel Tempio di Kirtland il 3 aprile 1836.

    1. Le informazioni biografiche di Warren A. Cowdery si trovano su josephsmithpapers.org.

    2. Uno dei vicini di Cowdery a Freedom (New York), ricorda di aver letto alcune bozze del Libro di Mormon che Warren aveva ricevuto da Oliver. Vedi diario di William Hyde, cartelle 2 e 5, Biblioteca di storia della Chiesa, Salt Lake City.

    3. Warren Cowdery, Freedom, New York, a Oliver Cowdery, Kirtland, Ohio, il 14 gennaio 1834, Evening and Morning Star, gennaio 1834, 127.

    4. Diario, 1832 – 1834, 9 – 12 marzo 1834, josephsmithpapers.org. Parley P. Pratt scrisse questo nel diario di Joseph Smith.

    5. Parley P. Pratt, The Autobiography of Parley Parker Pratt, One of the Twelve Apostles of The Church of Jesus Christ of Latter-day Saints, a cura di Parley P. Pratt jr (1874), 117.

    6. Warren Cowdery, Freedom, New York, a Oliver Cowdery, Kirtland, Ohio, il 1 settembre 1834, Evening and Morning Star, settembre 1834, 189.

    7. Warren Cowdery, Freedom, New York, a Oliver Cowdery, Kirtland, Ohio, il 1 settembre 1834, Evening and Morning Star, settembre 1834, 189.

    8. Dottrina e Alleanze 106:1.

    9. Dottrina e Alleanze 106:6.

    10. Dottrina e Alleanze 106:2–3.

    11. Dottrina e Alleanze 106:8.

    12. Dottrina e Alleanze 106:7.

    13. Messenger and Advocate, vol. 1 (aprile 1835), 108.

    14. In questo periodo il termine “conferenza” non si riferiva solo alle riunioni in cui venivano trattati gli affari della Chiesa, ma anche ad “aree geografiche definite per motivi amministrativi” (vedere “Conferences” nel glossario di Joseph Smith Papers: josephsmithpapers.org). Durante la riunione tenuta dai Dodici a Freedom, New York, nel maggio del 1835, fu stabilito che “i limiti di questa conferenza si estendono da Lodi a ovest, fino ad Avon a est, alla Pennsylvania a sud e al Lago Ontario a nord” (Record of the Twelve, 14 febbraio – 28 agosto 1835, 22 – 23 maggio 1835, josephsmithpapers.org).

    15. Messenger and Advocate, vol. 2 (novembre 1835), 224.

    16. Messenger and Advocate, vol. 1 (febbraio 1835), 75.

    17. Caroline Barnes Crosby e suo marito, Jonathan, passarono da Freedom, nel loro viaggio verso Kirtland, nel novembre del 1835 e si fermarono una notte con la famiglia di Warren Cowdery. Caroline riferì che i Cowdery avevano “venduto la loro eredità in quel luogo ed erano intenzionati a emigrare a ovest in primavera” (No Place to Call Home: The 1807–1857 Life Writings of Caroline Barnes Crosby, Chronicler of Outlying Mormon Communities ed. Edward Leo Lyman, Susan Ward Payne e S. George Ellsworth [2005], 38).