Studio di Dottrina e Alleanze
‘Prenderti cura speciale della tua famiglia’

“Prenderti cura speciale della tua famiglia”

DeA 118, 126

Mary Ann Angell conobbe Brigham Young a Kirtland nel 1833. Battezzata nel 1832, Mary Ann fu tra i primi convertiti al Libro di Mormon. Ella attestò che “lo Spirito le aveva reso testimonianza […] della verità delle sue origini in modo così potente da non poterne mai più dubitare nel futuro”1. Subito dopo partì per Kirtland, arrivando nella primavera del 1833.2

Brigham Young aveva perso la prima moglie, Miriam Works, a causa della tubercolosi un anno prima, così Vilate Kimball, moglie del suo caro amico Heber C. Kimball, aveva preso con sé le due giovani figlie di Brigham, orfane di madre, mentre Brigham e Heber andavano a proclamare la loro nuova fede. Nel 1833, Brigham era venuto a Kirtland per rimanervi.

In pochi mesi, Brigham e Mary Ann divennero buoni amici. Lei “si sentì attratta da lui” quando lo ascoltò predicare; lui ne fu colpito ascoltandola rendere testimonianza.3 Si sposarono agli inizi del 1834. Brigham in seguito scrisse riguardo a Mary Ann: “Si è presa cura dei miei figli e della mia casa, e lavorava fedelmente per il benessere della mia famiglia e del regno”4.

“Vai e lascia la tua famiglia”

Brigham era stato trasformato dal vangelo restaurato e il suo desiderio di proclamarlo non poteva essere contenuto. Più tardi ricordò: “Volevo gridare il Vangelo alle nazioni come con voce di tuono. Esso bruciava le mie ossa come fuoco ardente”5. Benché questo richiedesse viaggi estenuanti, spesso compiuti senza denaro, ammalato e in condizioni meteorologiche difficili, Brigham partiva volentieri. In seguito dichiarò: “Non mi è mai passato per la mente, dal primo giorno in cui fui chiamato a predicare il Vangelo fino ad oggi, quando il Signore dice: ‘Vai e lascia la tua famiglia’, di obiettare neppure minimamente”6.

Neanche Mary Ann obiettava, anche se, nei loro primi cinque anni di vita insieme, le missioni e il servizio nella Chiesa richiesero a Brigham di restare lontano da casa per più della metà del tempo. Poco dopo il loro matrimonio, egli partì per quattro mesi con il Campo di Sion, tornando giusto in tempo per la nascita del loro primo figlio, a ottobre. Agli inizi del 1835, svolse una missione di cinque mesi come apostolo appena chiamato. Nel 1836, rimase a casa per i primi mesi dell’anno, ma li passò a occuparsi della pittura e dell’installazione delle finestre per la casa del Signore a Kirtland. Poco dopo la dedicazione del tempio, partì per un’altra missione che durò da aprile a settembre. Nel 1837 svolse due missioni, una in primavera e una in estate. Queste separazioni significavano un gran lavoro per Mary Ann, probabilmente nei campi oltre che a casa, in aggiunta alla cura della famiglia che cresceva: le figlie del primo matrimonio di Brigham, Elizabeth e Vilate; un figlio, Joseph, nato nel 1834; e due gemelli, Mary Ann e Brigham jr, nati nel 1836.

Le lettere di Brigham alla famiglia esprimevano il suo amore e la sua consapevolezza delle loro difficoltà. “Mary, ti ricordo sempre nelle mie preghiere”, scrisse mentre si trovava nel Massachusetts nel marzo del 1837. “Posso vedere la mia famiglia nella mia mente e desidero essere con loro non appena il dovere me lo permetterà”7. A luglio espresse la sua speranza che, al ritorno a casa in autunno, avesse infine la possibilità di “pagare la casa” e di fare alcuni lavori “in modo da sentirmi più sicuro per la mia famiglia quando dovrò lasciarla di nuovo”. Egli chiese a Mary Ann di procurarsi “del legname, o delle pietre e se hai la possibilità di comprare qualsiasi cosa per la costruzione”8.

Tuttavia, quando Brigham tornò in autunno, trovò Kirtland in fermento, divisa dai dissensi e dai conflitti. La sua lealtà a Joseph Smith lo rese un bersaglio per gli oppositori della Chiesa e, a dicembre, fuggì per salvarsi la vita, costretto a lasciare indietro la sua famiglia. Mary Ann e i bambini venivano terrorizzati dai facinorosi apostati, che si introducevano spesso nella sua proprietà e la tempestavano di “minacce e insulti”, spaventandola al punto da rovinarle la salute. Quando infine Mary Ann si unì a Brigham a Far West, nel Missouri, nella primavera del 1838, egli rimase sbigottito dalle sue condizioni. “Sembri quasi sul punto di morire”, le disse.9

Due rivelazioni

Poco dopo l’arrivo della famiglia Young, Joseph Smith ricevette una rivelazione non pubblicata in cui a Brigham veniva detto di non lasciare la sua famiglia “finché non hai provveduto ampiamente a loro”10. Tuttavia, una rivelazione al Quorum dei Dodici nel luglio del 1838 — ora Dottrina e Alleanze 118 — definì quanto fosse breve quel momento di respiro. Dopo nove mesi, i Dodici dovevano partire per una missione in Gran Bretagna, lasciando Far West il 26 aprile 1839.11

Quei nove mesi furono tutto tranne che riposanti. I santi furono cacciati dalle loro case nel Missouri e ancora una volta Brigham Young era in pericolo in quanto uno dei dirigenti più ricercati della Chiesa. La famiglia Young fuggì insieme, ma viaggiavano per brevi distanze e poi aspettavano Brigham che tornava indietro per aiutare altri santi che erano nel bisogno. Mary Ann osservò che, prima di raggiungere un posto sicuro sull’altra sponda del fiume Mississippi, in Illinois, aveva vissuto in undici posti diversi in tre mesi.12 Inoltre, era anche incinta.

Una missione dall’altra parte dell’Oceano

Mentre i santi ricominciavano a riunirsi nella zona di Commerce, che presto sarebbe stata rinominata Nauvoo, in Illinois, la famiglia Young trovò rifugio dall’altro lato del fiume Mississippi, a Montrose, nell’Iowa, dove molti fedeli avevano trovato riparo nelle baracche abbandonate dall’esercito. Nonostante il loro trasferimento forzato e la pressione dovuta all’edificazione di una nuova comunità, i Dodici erano ancora determinati ad adempiere il comandamento di svolgere una missione in Gran Bretagna.

Il 2 luglio 1839, i Dodici si riunirono con la Prima Presidenza nella casa di Brigham Young. La Presidenza “impose le mani” sul capo di molti fra i presenti, compresa Mary Ann Young, “per benedire loro e le loro famiglie prima di partire per altre Nazioni”. Ai Fratelli fu promesso che sarebbero tornati “tra le braccia delle [loro] famiglie” e che avrebbero convertito “molte anime come sigillo del [loro] ministero”13.

Due mesi dopo, il 14 settembre 1839, Brigham Young salutò di nuovo Mary Ann e si mise in viaggio per la sua missione in Inghilterra. È difficile immaginare delle condizioni meno propizie per la sua partenza. “Ci trovavamo nella miseria più assoluta, essendo stati cacciati dal Missouri, dove avevamo lasciato tutto”, scrisse.14 Il suo guardaroba “non aveva molto di quello di un ministro di culto”, con un cappello che era stato ricavato “da un vecchio paio di pantaloni” e una piccola “coperta rinforzata” che fungeva da cappotto.15

Come molti dei membri della Chiesa in quel periodo, soffriva di malaria e tremava dalla febbre. Era tanto ammalato che, come lui stesso ricordò: “Non ero in grado di camminare cento metri senza assistenza. Fui aiutato ad arrivare fino alla riva del fiume Mississippi e fui trasportato all’altra sponda”. Nonostante tutto, “[era] deciso ad andare in Inghilterra o a morire nel tentativo”16.

Brigham non era il solo a soffrire. Mary Ann aveva partorito soltanto dieci giorni prima. Ora la famiglia consisteva di sette figli, tutti tanto “ammalati da non potersi aiutare l’un l’altro”. Tuttavia, Mary Ann attraversò il fiume dall’Iowa all’Illinois per poter dare un ultimo saluto a suo marito.17 Mentre Brigham e Heber C. Kimball, altrettanto ammalato, stavano allontanandosi dalla casa di Heber, Brigham si unì al suo amico, mantenendosi debolmente in piedi nel carro in cui stavano viaggiando, per poter gridare “Hurrà per Israele”, nel tentativo di risollevare il morale di coloro che erano rimasti.18

Far quadrare i conti a casa

Due mesi dopo la partenza di Brigham, la famiglia rimase senza cibo. Ancora sofferente per gli effetti della malaria, Mary Ann fu costretta a fare qualcosa per alleviare la loro fame. In un “freddo, tempestoso giorno di novembre”, si coprì, insieme alla figlia Alice, con coperte lacere e attraversò il fiume Mississippi su una piccola barca a remi. Durante il tragitto, le onde percosse dal vento inzupparono lei e la bambina. Arrivata a Nauvoo, andò a casa di un’amica, che in seguito raccontò: “Sorella Young arrivò a casa mia […] con sua figlia Alice in braccio, barcollante per il freddo e la fame, e bagnata fradicia”. Mary Ann rifiutò l’invito dell’amica a restare. “Anche i bambini che sono rimasti a casa hanno fame”, insistette. Essendosi procurata “un po’ di patate e un po’ di farina”, Mary Ann “si incamminò verso il fiume” per remare fino a casa. Attraversò il fiume molte volte “per ottenere le cose più necessarie per sopravvivere”, a volte “nelle tempeste che avrebbero spaventato donne dotate di un coraggio ordinario”19.

In quello stesso periodo, Mary Ann fu costretta a lasciare la stanza nella vecchia baracca dell’esercito. Andò a vivere in una stalla a Montrose20 e passò l’inverno cercando di sopravvivere “cucendo e lavando” per gli altri.21 La primavera seguente le fu data una parcella di terreno a Nauvoo, che usò come orto. Per tutta l’estate, Mary Ann attraversava con la barca a remi il fiume Mississippi per coltivare l’orto e poi remava per “tornare a casa, la sera, al termine del suo giorno di lavoro”22.

Oltre a lavorare nell’orto, Mary Ann iniziò a costruire una casa di tronchi sulla sua parcella di terreno. Nel settembre del 1840, un anno dopo la partenza di Brigham per la missione, si trasferì con la famiglia nella sua nuova casa di Nauvoo. Vilate Kimball scrisse che la casa “poteva essere a malapena chiamata una capanna”, ma almeno le evitava di dover continuare ad attraversare il fiume.23 Suo nipote più tardi disse che era semplicemente “lo scheletro di una casa”, con delle coperte appese alle porte e alle finestre per proteggersi dagli elementi.24

Benché Mary Ann avesse tutti i motivi per lamentarsi, non parlò mai dei suoi problemi a suo marito. Brigham, dopo essere venuto a conoscenza da altri delle sue difficoltà, nel novembre del 1840 le scrisse: “Puoi immaginare quanto soffra il mio cuore per te, rendendomi conto della tua pazienza e della tua sopportazione nella povertà e nel fare tutto il possibile per i miei figli e per me, affinché io possa fare ciò che il Signore mi richiede”25.

Nell’aprile del 1841, aspettando il suo ritorno dall’Inghilterra, Mary Ann informò Brigham che, sebbene desiderasse avere “una casa migliore in cui [accoglierlo]”, era “grata di avere un confortevole riparo dalla tempesta”. Spiegò che era stato “così difficile ottenere un lavoro che ciò che ho fatto non è stato fatto come avrei voluto”. Avendo “fatto del proprio meglio”, lei ringraziava “il Padre Celeste per tutte le benedizioni ricevute e prego il Signore di continuare a essere misericordioso con noi”26.

Tornato a Nauvoo il 1° luglio 1841, dopo un’assenza di 22 mesi, Brigham scoprì quanto erano poveri Mary Ann e i suoi figli. Si mise subito al lavoro per migliorare la loro situazione. Quando non era “al servizio di fratello Joseph e della chiesa”, disse Brigham, “passavo [il tempo] a bonificare, recintare e coltivare il terreno, a costruire un riparo per le mucche, a riparare e a rifinire la mia casa”27. Nel frattempo, iniziò a costruire la casa di mattoni rossi, tuttora visibile a Nauvoo, benché non sia riuscito a trasferirvi la sua famiglia fino al maggio del 1843.28

“La tua offerta mi è accettabile”

Una settimana dopo il ritorno di Brigham, il 9 luglio 1841, Joseph Smith andò a trovarlo a casa sua. Probabilmente anche Mary Ann era presente. Non esiste un resoconto della conversazione o di ciò che accadde quel giorno, ma sicuramente Joseph vide di persona l’evidente sacrificio e le necessità della famiglia Young. Sul luogo stesso, egli dettò la rivelazione che ora si trova in Dottrina e Alleanze 126.29 “Caro e diletto fratello Brigham Young”, vi si legge, “non ti è più richiesto di lasciare la tua famiglia, come nei tempi passati, poiché la tua offerta mi è accettabile”. Gli fu comandato di “prenderti cura speciale della tua famiglia da questo momento, in seguito e per sempre”30. Benché la rivelazione fosse indirizzata a Brigham, era inequivocabilmente un riconoscimento del sacrificio e del fedele sostegno di Mary Ann. “Questa sera sono solo con mia moglie davanti al caminetto, per la prima volta in tanti anni”, scrisse Brigham nel suo diario sei mesi dopo il suo ritorno dall’Inghilterra, riflettendo sul necessario conforto che la sua presenza a casa portava a entrambi. “Ce lo godiamo e sentiamo di voler lodare il Signore”31.

La rivelazione cambiò il luogo in cui Brigham Young serviva, ma non l’intensità con cui lo faceva. Negli anni seguenti, fu assente da casa per sole tre brevi missioni, ma il suo tempo fu comunque dedicato a servire il Signore. Mary Ann continuò a sostenerlo e a fare sacrifici per la sua fede, compresa l’accettazione del principio del matrimonio plurimo e l’accogliere nella famiglia le nuove mogli. E sarebbero giunte ancora altre difficoltà. Si dice che, nel mezzo dell’esodo forzato dei santi da Nauvoo, Mary Ann fu “caritatevole e ospitale all’estremo”, aiutando generosamente con “consigli e assistenza” coloro che si trovavano nel bisogno.32 Per tutta la sua vita servì la famiglia, gli amici e gli altri membri della Chiesa e contribuì all’edificazione del regno di Dio.