Prepararsi a entrare nella casa del Signore
    Note a piè di pagina

    Prepararsi a entrare nella casa del Signore

    Sorridete quando pensate al tempio. È un luogo di potere e benedizioni.

    Durante l’apertura al pubblico di un tempio, notai alcune ragazze che camminavano dietro i loro genitori all’interno di esso. Sorrisero quando si videro riflesse negli specchi della sala della sposa. “Ricordate”, sussurrò la loro nonna, “quanto siete speciali e quanto il Padre Celeste vi ama”. Ciascuna delle ragazze immaginò il momento in cui sarebbe ritornata al tempio da donna di fede, con bellezza e maturità, pronta per adempiere la propria missione sulla terra. Anche dei ragazzi che parteciparono all’apertura al pubblico ebbero scorci delle loro benedizioni e delle loro responsabilità future.

    Ciò che questi ragazzi sentirono nel tempio era giusto. Il nostro Padre Celeste vuole benedirvi. Le Sue benedizioni più grandi giungono quando entrate nel tempio per ricevere sacre ordinanze e per stringere sacre alleanze. Avete la responsabilità di prepararvi e di essere pronti.

    Il tempio è importante nella vostra vita, specialmente quando siete giovani: “Il ragazzo ha bisogno del suo posto nel tempio persino più di suo padre e di suo nonno, che sono supportati da una vita di esperienza; e la ragazza che si affaccia alla vita ha bisogno dello Spirito, di influenza e di guida che vengono dalla partecipazione alle ordinanze del tempio”.1 Iniziate ora a preparare il cuore e la mente per essere in grado di ricevere e capire pienamente queste benedizioni (vedere Matteo 13:23; Marco 4:20).

    Ricevere la pienezza del Vangelo

    Se vi preparerete per entrare nel tempio, sarete “pronti a ricevere la pienezza del [Suo] vangelo” nel tempio (DeA 35:12; corsivo dell’autore). Il tempio è un luogo di potere e di benedizioni. Il Signore istruì il profeta Joseph Smith e i primi santi di radunarsi a Kirtland, nell’Ohio (USA), dove avrebbero infine costruito un tempio. “Là sarete investiti di potere dall’alto” (DeA 38:32; corsivo dell’autore).

    Durante la recente apertura al pubblico di un tempio, un apostolo ha radunato la sua famiglia attorno al sacro altare di una sala dei suggellamenti. Egli ha insegnato loro che tutto ciò che facciamo nella Chiesa — classi, attività, programmi e riunioni — ci prepara a venire all’altare del tempio per ricevere le ordinanze di suggellamento. Il tempio rappresenta la vera essenza del piano del nostro Padre Celeste per la vostra felicità e il vostro progresso eterni.

    Prepararsi a stringere alleanze con Dio

    La vostra preparazione per entrare nel tempio e fare alleanze non avviene rapidamente. È iniziata con il vostro battesimo e con il ricevimento del dono dello Spirito Santo e poi cresce con la preghiera, con lo studio delle Scritture, con l’obbedienza e con il servizio. Essa invita la purezza settimanalmente quando prendete parte al sacramento. Avviene quando imparate a chiedere perdono tramite il pentimento, quando osservate le norme e quando detenete degnamente una raccomandazione per il tempio per usi specifici. I programmi per i giovani vi aiuteranno, ma la vostra preparazione è personale; state sviluppando la vostra dignità, la vostra testimonianza, la vostra conversione. L’Espiazione del Salvatore si applica a voi personalmente.

    Se aumenterete il vostro livello di maturità spirituale, avrete il desiderio di prepararvi per entrare al tempio e poi desidererete farlo. In quel luogo riceverete ordinanze e stringerete alleanze, che sono passi necessari per avvicinarsi al vostro Padre Celeste. Le ordinanze del tempio sono le “più esaltat[e] delle ordinanze redentrici mai rivelate all’umanità”2.

    Quando ricevete le ordinanze del tempio, stringerete solenni alleanze con il Padre solo una volta per voi stessi e poi vi impegnerete a osservarle per tutta la vita. Ogni volta che entrate nel tempio, potete sentire il Suo Spirito e ricevere ulteriore rivelazione e comprensione mentre date ad altri la possibilità di ricevere le ordinanze necessarie. Capirete la vostra esistenza eterna e il potere infinito delle vostre alleanze e ne riceverete la rassicurazione. Se non fossimo esseri eterni, il tempio non avrebbe alcun significato. Entrate nel tempio e stringere alleanze perché esisterete per sempre e vorrete stare con il vostro Padre Celeste e con la vostra famiglia in uno stato di “felicità senza fine” (Mosia 2:41). Questa rassicurazione cresce nella vostra anima e viene confermata dallo Spirito Santo.

    La dignità personale

    Il ruolo dello Spirito Santo è reale. Egli vi istruisce, vi purifica e vi trasmette l’amore del Padre (vedere Romani 5:5). Il Santo Spirito di Promessa è il potere convalidante dello Spirito Santo che ratifica ogni alleanza per l’eternità.

    Per poter ricevere lo Spirito, dovete entrare nel tempio puliti e puri, liberi da ogni trasgressione non perdonata. Se l’avversario riesce in qualche modo ad avere la meglio su di voi, sarà per tenervi lontano dal tempio o per tentarvi a entrarvi indegnamente.

    Per questo motivo, vi invito a fare un’intervista personale con il vostro vescovo o presidente di ramo, per considerare la vostra dignità e la vostra preparazione a ricevere una raccomandazione per entrare al tempio. Siate onesti e abbiate fiducia che egli vi possa aiutare. In realtà, siete voi a determinare la vostra posizione davanti al Signore (vedere DeA 109:24). Sarete voi a firmare per primi la vostra raccomandazione. Siete voi ad attestare la vostra dignità davanti al Signore.3

    Essere degni non significa che siete perfetti. Significa che il vostro cuore è giusto, che state osservando i comandamenti e che desiderate essere migliori ogni giorno.

    Imparare dai simboli

    Nel tempio, come nelle Scritture, il Signore insegna utilizzando i simboli. Potete trovare molti simboli nelle Scritture, come la pietra, il seme, il frutto, l’albero della vita e il pane e l’acqua del sacramento (vedere, per esempio, 1 Nefi 11; Alma 32; Helaman 5:12). Il battesimo per immersione simboleggia nuova vita, rinascita e pulizia (vedere Romani 6:3–5). Nel tempio noi tutti indossiamo abiti bianchi, come simbolo di purezza, di santità, di luce e di eguaglianza.

    Alcuni simboli nel tempio sono sia fisici sia spirituali. Ad esempio, indossare gli indumenti del tempio è un promemoria fisico delle alleanze del tempio e delle benedizioni promesse. Se rispettati e onorati, essi ci proteggono dalle tentazioni e dalle influenze inique.

    Ognuna delle ordinanze del tempio è simbolica. “Con una sacra cerimonia, l’uomo può essere purificato e unto”4, il che ricorda i re e i sacerdoti dell’antica Israele che si preparavano a ricoprire i loro ruoli (vedere 1 Samuele 10:1; 16:13). Le istruzioni e le alleanze dell’investitura simboleggiano l’essere rivestiti o investiti da Dio di ulteriore potenza e ulteriori promesse (vedere Luca 24:49). Forse il simbolo più bello è quello dell’ordinanza di suggellamento, in cui una coppia è unita da un legame indistruttibile che può durare per tutta l’eternità.

    Le promesse nel tempio sono ricche e nobili. Sono i “grandi favori” e le “grandi benedizioni” (3 Nefi 10:18) che il nostro Padre ha riservato per voi personalmente. Dunque, sorridete quando pensate al tempio.

    A prescindere dalla vostra età, fate ciò che è necessario per essere pronti a ricevere le più grandi benedizioni che il Padre nei cieli vi offre. Fidatevi di ciò che provavate quando eravate bambini e cantavate: “Amo il sacro tempio, voglio entrarvi un dì. […] Mi preparerò affinché un dì andrò anch’io al tempio”5. Può valere anche per voi.

    Fotografia del Tempio di Rexburg, in Idaho

    VETRATA DEL TEMPIO DI LAIE, HAWAII