Restaurazione e storia della Chiesa
12 Dopo molta tribolazione
precedente avanti

“Dopo molta tribolazione”, capitolo 12 di Santi – La storia della Chiesa di Gesù Cristo negli ultimi giorni, volume 1, Lo stendardo della verità, 1815–1846 (2018)

Capitolo 12: “Dopo molta tribolazione”

Capitolo 12

Saints: The Standard of Truth

Dopo molta tribolazione

Nella primavera del 1831 Emily Partridge, di sette anni, viveva in una città a nord-est di Kirtland con i suoi genitori, Edward e Lydia, e con quattro sorelle. Avevano una bella casa in legno con una grande sala e due camere da letto al piano terra. Al piano superiore c’erano una camera da letto, un’altra grande sala e un vano dove tenevano i vestiti. Al piano interrato c’erano una cucina e una cantina per gli ortaggi talmente buia che spaventava Emily.

All’esterno, il grande giardino dei Partridge offriva a Emily un posto in cui giocare ed esplorare. Avevano un giardino con fiori e alberi da frutto, un granaio e un lotto vuoto in cui il padre progettava di costruire un giorno una casa ancora più bella. Anche il negozio di cappelli del padre era nelle vicinanze. Sotto al bancone del negozio, ella riusciva sempre a trovare dei nastri colorati e altri tesori. Tutto l’edificio era pieno di strumenti e macchine che il padre usava per tingere le stoffe e le pellicce e per dar loro la forma di cappelli per i suoi clienti1

Il padre non trascorreva più molto tempo a confezionare cappelli da quando era diventato il vescovo della Chiesa. Dato che i santi si radunavano nell’Ohio da New York, doveva aiutarli a stabilirsi nelle case e a trovare un lavoro. Tra i nuovi arrivati c’era la famiglia Knight e il loro ramo della chiesa di Colesville. Sapendo che a una trentina di chilometri a nord-est di Kirtland Leman Copley aveva una grande tenuta che aveva accettato di consacrare al Signore, il padre di Emily mandò i santi di Colesville a stabilirsi là.2

Alcuni dei santi di New York arrivarono nell’Ohio con il morbillo, e poiché stavano spesso a casa Partridge, non passò molto tempo prima che Emily e le sue sorelle manifestassero la febbre e l’esantema. Emily guarì dopo un po’, ma la sorella Eliza, di undici anni, contrasse la polmonite. I suoi genitori presto la osservarono impotenti mentre il suo respiro diventava fievole e la febbre saliva.3

Mentre la famiglia si prendeva cura di Eliza, il padre partecipò a un’importante conferenza della Chiesa presso una scuola vicino alla fattoria dei Morley. Fu assente per diversi giorni, e quando tornò disse alla famiglia che doveva ripartire.4 Joseph aveva ricevuto una rivelazione che diceva che la conferenza successiva si sarebbe tenuta nel Missouri. Diversi dirigenti della Chiesa, tra cui il padre di Emily, erano stati chiamati a recarvisi al più presto.5

Molte persone cominciarono a fare progetti per il viaggio. Nella rivelazione il Signore definiva il Missouri la terra di eredità dei santi, facendo eco alle descrizioni bibliche di una terra promessa “traboccante di latte e miele”. Là i santi avrebbero edificato la città di Sion.6

Il padre di Emily non era ansioso di lasciare la famiglia. Eliza era ancora ammalata e sarebbe potuta morire durante la sua assenza.7 Emily capiva che anche la madre era preoccupata. Per quanto Lydia Partridge fosse devota alla causa di Sion, non era abituata a essere lasciata sola a prendersi cura delle figlie e della casa. Sembrava sapere che le sue prove non erano che all’inizio.8


Polly Knight era malata quando lei e i santi di Colesville si stabilirono sul terreno di Leman Copley. La tenuta contava più di duecentottanta ettari di buona terra, offrendo spazio sufficiente a molte famiglie per costruire case, granai e negozi.9 Là i Knight potevano ricominciare e praticare la loro nuova fede in pace, anche se molti erano preoccupati che Polly non sarebbe stata con loro ancora a lungo.

Il marito e i figli di Polly lavorarono velocemente costruendo steccati e seminando i campi per migliorare il terreno. Joseph e il vescovo Partridge incoraggiarono anche i santi di Colesville a consacrare le loro proprietà secondo la legge del Signore.10

Quando l’insediamento cominciava a prendere forma, tuttavia, Leman abbandonò la chiesa e disse ai santi di Colesville di andarsene dalla sua proprietà.11 Non avendo altro posto in cui andare, i santi sfrattati chiesero a Joseph di cercare la guida del Signore in loro favore.

“Vi metterete in viaggio verso le regioni dell’ovest”, disse loro il Signore, “fino alla terra del Missouri”.12

Ora che sapevano che Sion sarebbe sorta nel Missouri, e non nell’Ohio, i santi di Colesville si resero conto che sarebbero stati tra i primi membri della Chiesa a stabilirvisi. Iniziarono a prepararsi per il viaggio e, circa due settimane dopo la rivelazione, Polly e il resto del ramo lasciarono la zona di Kirtland e salirono sui battelli fluviali che li avrebbero portati a ovest.13

Mentre Polly e la sua famiglia navigavano lungo il fiume, il suo più grande desiderio era quello di poter mettere piede a Sion prima di morire. Aveva cinquantacinque anni e la sua salute stava venendo meno. Suo figlio Newel era già sceso a terra per comprare del legno per una bara nel caso in cui fosse morta prima di arrivare nel Missouri.

Polly però era decisa a farsi seppellire a Sion e in nessun altro posto.14


Poco dopo che i santi di Colesville furono partiti, il profeta, Sidney e Edward Partridge partirono alla volta del Missouri con diversi anziani della Chiesa. Viaggiarono principalmente via terra, predicando il Vangelo lungo il cammino e discutendo delle speranze che nutrivano per Sion.15

Joseph parlava in modo ottimista riguardo alla Chiesa a Independence. Disse ad alcuni anziani che Oliver e gli altri missionari erano certi di avervi edificato un ramo forte della Chiesa, come era successo a Kirtland. Alcuni degli anziani presero le sue parole come una profezia.

Mentre si avvicinavano alla Contea di Jackson, gli uomini ammirarono le sinuose praterie che li circondavano. Grazie alla tantissima terra in cui i santi potevano espandersi, il Missouri sembrava il posto ideale per Sion. E Independence, con la sua vicinanza a un grande fiume e alle terre degli indiani, poteva essere il posto perfetto in cui radunare il popolo dellʼalleanza di Dio.16

Quando, però, raggiunsero la città, gli anziani furono delusi da ciò che videro. Ezra Booth, ex ministro di culto che si era unito alla Chiesa dopo aver assistito alla guarigione per opera di Joseph di una donna con un braccio paralizzato, riteneva che la zona fosse desolata e non sviluppata. C’era un tribunale, qualche negozio, diverse case di tronchi e poco altro. I missionari avevano battezzato solo una manciata di persone nella zona e quindi il ramo non era forte come Joseph si aspettava. Ritenendo di essere stati ingannati, Ezra e gli altri cominciarono a dubitare dei doni profetici di Joseph.17

Anche Joseph era deluso. Fayette e Kirtland erano piccoli villaggi, ma Independence era poco più di una remota stazione commerciale. La città era il punto di partenza per coloro che andavano a ovest, quindi attirava i cacciatori di animali da pelliccia e chi guidava tiri di animali, oltre che agricoltori e piccoli uomini d’affari. Joseph conosceva da una vita questo tipo di commercio, ma trovava gli uomini di Independence particolarmente rudi e senza timore di Dio. Inoltre, gli agenti del governo in città erano sospettosi riguardo ai missionari e resero complicata la predicazione agli indiani, se non addirittura impossibile.18

Scoraggiato, presentò le sue preoccupazioni al Signore. “Quando sarà che il deserto fiorirà come una rosa?”, chiese. “Quando sarà che Sion sarà edificata nella sua gloria, e dove si ergerà il Tuo tempio?”19.

Il 20 luglio, sei giorni dopo il suo arrivo, le preghiere di Joseph ottennero risposta. “Questa terra”, gli disse il Signore, “è la terra del Missouri, che è la terra che ho designato e consacrato per il raduno dei santi”.

Non avevano motivo di cercare altrove. “Questa è la terra della promessa”, Egli dichiarò, “e il luogo della città di Sion”. I santi avrebbero dovuto acquistare quanta più terra possibile, edificare case e coltivare campi. E su un promontorio a ovest del tribunale, avrebbero costruito un tempio.20


Anche dopo che il Signore ebbe rivelato la Sua volontà in merito a Sion, alcuni santi rimasero scettici su Independence. Come Ezra Booth, anche Edward si era aspettato di trovare nella zona un grande ramo della Chiesa. Egli e i santi dovevano invece edificare Sion in una città in cui le persone erano sospettose e niente affatto interessate al vangelo restaurato.

Come vescovo della Chiesa, capiva anche che gran parte della responsabilità del porre le fondamenta di Sion ricadeva sulle sue spalle. Per preparare la terra promessa per i santi, avrebbe dovuto comprarne quanta più possibile per distribuirla come eredità a coloro che sarebbero giunti a Sion e avrebbero osservato la legge della consacrazione.21 Ciò significava che sarebbe rimasto nel Missouri e avrebbe trasferito definitivamente la sua famiglia a Sion.

Edward voleva contribuire a edificare Sion, ma era preoccupato a causa di tante cose riguardanti la rivelazione, le sue nuove responsabilità e la zona. Un giorno, mentre ispezionava la terra a Independence e nei suoi dintorni, fece notare a Joseph che non era buona come altre terre vicine. Fu frustrato con il profeta e non vedeva in che modo i santi potessero stabilire Sion in quel luogo.

“Io la vedo”, testimoniò Joseph, “e così sarà”22.

Alcuni giorni dopo, il Signore rivelò nuovamente la sua parola a Joseph, a Edward e ad altri anziani della Chiesa. Egli dichiarò: “Voi non potete vedere con i vostri occhi naturali, in questo momento, i disegni del vostro Dio riguardo alle cose che avverranno in seguito, e la gloria che seguirà dopo molta tribolazione. Poiché dopo molta tribolazione vengono le benedizioni”.

Nella rivelazione, il Signore rimproverò Edward per la sua incredulità. “Se egli non si pente dei suoi peccati”, disse del vescovo, “presti attenzione per timore di cadere. Ecco, la sua missione gli è data, e non gli sarà data di nuovo”.23

L’ammonimento rese Edward umile. Egli chiese al Signore di perdonare la sua cecità di cuore e disse a Joseph che sarebbe rimasto a Independence per preparare la terra di Sion per i santi. Continuò tuttavia a preoccuparsi per l’enorme mole di lavoro che lo attendeva.

“Temo che la mia posizione sia al di sopra di ciò che sono in grado di svolgere perché sia accetto al mio Padre Celeste”, confessò a Lydia in una lettera. “Prega per me affinché non fallisca”.24


Dopo tre settimane di viaggio, Polly Knight arrivò a Independence con i santi di Colesville. Mise debolmente piede sul terreno, grata di aver raggiunto la terra di Sion. Il suo corpo si stava rapidamente spegnendo, e due recenti convertiti della zona la portarono in casa loro affinché potesse riposarsi in un ambiente relativamente confortevole.

Mentre i Knight studiavano l’area per trovare un luogo in cui stabilirsi, trovarono che la campagna era bella e piacevole, con una terra ricca che potevano sfruttare e coltivare. Inoltre le persone sembravano amichevoli, anche se loro erano degli estranei. A differenza degli anziani provenienti da Kirtland, i membri di Colesville pensavano che i santi avrebbero potuto edificare Sion in quel luogo.

Il 2 agosto i santi nel Missouri si riunirono ad alcuni chilometri a ovest di Independence per cominciare a lavorare alla prima casa di Sion. Joseph e altri dodici uomini provenienti dal Ramo di Colesville, che rappresentavano simbolicamente le tribù di Israele, posero il primo tronco dell’edificio. Poi Sidney dedicò la terra di Sion per il raduno dei santi.

Il giorno dopo, in un appezzamento a ovest del tribunale di Independence, Joseph pose con attenzione una singola pietra per segnare l’angolo del futuro tempio.25 Poi qualcuno aprì una Bibbia e lesse dal Salmo ottantasette: “L’Eterno […] ama le porte di Sion più di tutte le dimore di Giacobbe. Cose gloriose son dette di te, o città di Dio!”26

Alcuni giorni dopo Polly morì, lodando il Signore per averla sostenuta nelle sue sofferenze.27 Il profeta tenne il sermone funebre e suo marito seppellì il corpo in una zona boscosa non lontana dal sito del tempio. Ella fu il primo dei santi a giacere a Sion.28

Quello stesso giorno, Joseph ricevette un’altra rivelazione: “Benedetti coloro, dice il Signore, che sono saliti in questo paese con occhio rivolto unicamente alla mia gloria, secondo i miei comandamenti. Poiché coloro che vivranno erediteranno la terra, e coloro che moriranno si riposeranno da tutte le loro fatiche”29.


Poco dopo il funerale, Ezra e altri anziani della Chiesa iniziarono il loro viaggio per tornare a Kirtland con Joseph, Oliver e Sidney. Ezra era sollevato di tornare a casa nell’Ohio. A differenza di Edward, egli non aveva provato un mutamento di cuore rispetto a Joseph o all’ubicazione di Sion.

Gli uomini lanciarono le canoe sul grande fiume Missouri, proprio a nord di Independence, e remarono lungo la corrente. Alla fine della prima giornata di viaggio erano allegri e si godettero una cena con tacchino selvatico lungo la riva del fiume. Il giorno seguente, tuttavia, il clima di agosto era torrido e il fiume agitato e difficile da navigare. Gli uomini si stancarono in fretta e cominciarono a criticarsi a vicenda.30

“Come il Signore Dio vive”, gridò alla fine Oliver agli uomini, “se non vi comportate meglio, vi accadrà qualche incidente”.

Il pomeriggio successivo Joseph prese il comando della sua canoa, ma alcuni degli anziani erano arrabbiati con lui e Oliver e si rifiutarono di remare. In un’ansa pericolosa del fiume, colpirono un albero sommerso e rischiarono di capovolgersi. Temendo per la vita dei membri del gruppo, Joseph e Sidney ordinarono agli anziani di sbarcare a terra.31

Dopo aver organizzato un campo, Joseph, Oliver e Sidney cercarono di parlare con il gruppo e di appianare le tensioni. Irritati, gli uomini chiamarono Joseph e Sidney codardi per aver abbandonato il fiume, presero in giro Oliver per come remava e accusarono Joseph di agire come un dittatore. La discussione si prolungò per tutta la serata.

Invece di rimanere alzato con altri, Ezra andò a letto presto, profondamente critico nei confronti di Joseph e degli anziani. Si chiedeva perché il Signore avrebbe conferito le chiavi del Suo regno a uomini come quelli.32


Nel corso dell’estate, Lydia Partridge ricevette la lettera di Edward dal Missouri. Oltre a esprimere le sue perplessità sulla sua chiamata, egli spiegava che non sarebbe tornato a casa come programmato, ma che sarebbe rimasto nella Contea di Jackson per acquistare le terre per i santi. Allegata alla lettera c’era una copia della rivelazione indirizzata a Edward, che comandava alla loro famiglia di stabilirsi a Sion.

Lydia rimase sorpresa. Quando era partito, Edward aveva detto ai loro amici che sarebbe tornato nell’Ohio non appena avesse terminato la sua opera nel Missouri. Ora, con le tante responsabilità che aveva a Sion, non era certo di riuscire a tornare per aiutare Lydia e le figlie a fare il viaggio. Eppure sapeva che quell’autunno altre famiglie dell’Ohio si sarebbero trasferite nel Missouri, inclusi i suoi consiglieri nel vescovato. Sarebbero partiti anche Sidney Gilbert, un negoziante di Kirtland, e William Phelps, un tipografo, che si sarebbero occupati degli affari della Chiesa a Sion.33

“Probabilmente sarebbe meglio che tu venissi con loro”, le scrisse.34

Sapendo che Independence offriva pochi lussi, Edward diede anche a Lydia un elenco di cose da portare e altre da lasciare. “Dovremo soffrire”, la avvertì, “e per un po’ di tempo avremo delle privazioni qui, cosa a cui non siamo tanto abituati”.35

Lydia cominciò a fare i preparativi per il trasferimento. Le figlie stavano abbastanza bene da poter viaggiare, e organizzò il viaggio con le famiglie Gilbert e Phelps. Quando vendette la proprietà di famiglia, i suoi vicini espressero incredulità per il fatto che lei e Edward avessero rinunciato alla loro bella casa e ai loro prosperi affari per seguire un giovane profeta nella desolazione.36

Lydia non desiderava volgere le spalle al comandamento del Signore di edificare Sion. Sapeva che abbandonare la sua bella casa sarebbe stata una prova, ma credeva che sarebbe stato un onore contribuire a porre le fondamenta della città di Dio.37