Restaurazione e storia della Chiesa
35 Un luogo bello

“Un luogo bello”, capitolo 35 di Santi – La storia della Chiesa di Gesù Cristo negli Ultimi Giorni, volume 1, Lo stendardo della verità, 1815–1846 (2018)

Capitolo 35: “Un luogo bello”

Capitolo 35

Saints: The Standard of Truth

Un luogo bello

Mentre l’epidemia di malaria continuava a diffondersi a Commerce anche nel 1840, Emily Partridge e sua sorella Harriet visitavano le tende, i carri e le case ancora in costruzione dei malati. Ormai sedicenne, Emily era abituata a vivere in condizioni difficoltose. Per circa un decennio la sua famiglia era stata scacciata da un’umile dimora dopo l’altra, senza riuscire a godere di una vita familiare stabile come avevano invece conosciuto nell’Ohio.

Le sorelle si presero cura degli ammalati finché non furono anch’esse affette da febbre e brividi. Rendendosi conto la vita delle figlie era in pericolo, Edward e Lydia Partridge si trasferirono da una tenda a una piccola stanza in affitto in un magazzino abbandonato accanto al fiume. Edward quindi si mise a costruire una casa per la sua famiglia in un lotto a un chilometro e mezzo di distanza.

Le prove sostenute nel Missouri avevano tuttavia guastato la salute del vescovo, che non era più in condizioni di lavorare. Presto ebbe anche lui la febbre che curò con le medicine finché non riacquistò le forze per lavorare alla casa per una o due settimane. Quando la malattia si ripresentò, prese altre medicine e tornò al lavoro.

Nel frattempo, fu colto dai crampi e la stanza soffocante del magazzino non aiutò Emily, Harriet o gli altri fratelli, che si ammalarono anch’essi. La febbre di Emily rimase stabile per tutta la primavera del 1840, mentre quella di Harriet continuò a peggiorare. Ella morì a metà maggio, all’età di diciotto anni.1

La morte di Harriet fu un duro colpo per i Partridge. Dopo il funerale, Edward provò a trasferire la famiglia in una stalla per le mucche non ancora ultimata nella loro proprietà, con la speranza che offrisse un alloggio migliore; ma lo sforzo lo consumò fino a collassare. Per aiutare la famiglia, i santi William e Jane Law accolsero Emily e i suoi fratelli in casa loro e li nutrirono fino a farli guarire.

Edward languì nel suo letto diversi giorni prima di morire, soltanto una settimana e mezzo dopo il decesso di Harriet. Le perdite lasciarono Emily addolorata. Era stata molto unita a Harriet e sapeva che suo padre aveva sacrificato tutto per provvedere alla sua famiglia e alla Chiesa, anche quando la sua anima era afflitta da santi lamentosi, dissidenti infedeli e vicini ostili.2

Col tempo, Emily si riprese dalla malattia e dal dolore, ma la vita ormai era diversa. Per contribuire al mantenimento della famiglia indigente, lei e sua sorella Eliza, di diciannove anni, dovevano trovarsi un lavoro. Eliza aveva le capacità per fare la sarta, ma Emily non aveva alcuna specializzazione. Poteva lavare i piatti, o spazzare e strofinare i pavimenti e svolgere altri lavori di casa, ma quasi tutte nella comunità erano in grado di farlo.3

Fortunatamente i santi non avevano dimenticato quanto suo padre avesse sacrificato per la Chiesa. “Nessun uomo ha avuto più fiducia di lui nella Chiesa”, riportava il necrologio del vescovo Partridge sul Times and Seasons, il nuovo giornale dei santi. “La sua religione era tutto per lui, ad essa ha dedicato la sua vita e per questa l’ha deposta”4.

Per onorare la memoria del vescovo e prendersi cura della sua famiglia, i santi completarono la casa che egli aveva iniziato, offrendo alla sua famiglia un posto che potevano considerare davvero loro.5


Nella primavera del 1840, la nuova città sul Mississippi stava avendo un inizio promettente. I santi scavarono fossati e canali per drenare le paludi lungo il fiume e per rendere più abitabile il terreno. Tracciarono strade, posero fondamenta, costruirono case, piantarono orti e coltivarono campi. A giugno, circa duecentocinquanta nuove case si ergevano a riprova del loro duro lavoro.6

Non contento del nome Commerce, quasi in concomitanza col suo arrivo, Joseph ribattezzò il luogo Nauvoo. “Il nome della nostra città”, spiegò in un proclama della Prima Presidenza, “è di origine ebraica e significa luogo bello o situazione bella, trasmettendo l’idea di riposo7. Joseph sperava che a Nauvoo la vita sarebbe stata all’altezza del suo stesso nome e che la città avrebbe dato ai santi una tregua dai conflitti degli anni recenti.

Eppure sapeva che la pace e il riposo non sarebbero giunti facilmente. Per evitare il dissenso e la persecuzione che avevano vissuto nell’Ohio e nel Missouri, i santi avevano bisogno di stringere legami più forti tra loro e di creare amicizie durature con i loro vicini.8

Circa in quel periodo, Joseph ricevette una lettera da William Phelps, il quale si era trasferito nell’Ohio dopo aver abbandonato la Chiesa e aver testimoniato contro Joseph in un tribunale del Missouri. “Conosco la mia situazione, tu la conosci, Dio la conosce”, scrisse William, “e voglio essere salvato se i miei amici mi aiutano”9.

Sapendo che William era un uomo sincero, malgrado le sue colpe, Joseph gli rispose poco tempo dopo. “È vero che abbiamo sofferto molto come conseguenza del tuo comportamento”, dichiarò. “Tuttavia, abbiamo bevuto la coppa, la volontà del Padre nostro è stata fatta e noi siamo ancora vivi”. Felice di buttarsi alle spalle i giorni bui del Missouri, Joseph perdonò William e lo rimise a lavorare nella Chiesa.

“Vieni, fratello caro, poiché la guerra è passata”, scrisse Joseph. “Coloro che prima erano amici, alla fine lo sono di nuovo”10.

Joseph sentiva anche l’urgenza di dare ai santi maggiore guida spirituale. Nel carcere di Liberty, il Signore gli aveva detto che i suoi giorni erano conosciuti, e Joseph aveva confidato ai suoi amici che non pensava di vivere fino a quarant’anni. Aveva bisogno di insegnare maggiormente ai santi ciò che Dio gli aveva rivelato, prima che fosse troppo tardi.11

Edificare una città e gestire le questioni temporali della Chiesa avevano tuttavia assorbito gran parte del tempo di Joseph. Egli aveva sempre svolto un ruolo attivo negli affari della Chiesa, e da tanto tempo faceva affidamento su uomini come il vescovo Partridge perché lo aiutassero a portare il fardello. Ora che Edward era morto, Joseph cominciò a conoscere meglio uomini come il vescovo Newel Whitney e altri vescovi che erano stati chiamati a Nauvoo. Eppure, sapeva che aveva bisogno di altro aiuto per dirigere gli aspetti temporali dell’amministrazione della Chiesa così da potersi concentrare sul suo ministero spirituale.12

Poco dopo, Joseph ricevette un’altra lettera, questa volta da uno sconosciuto di nome John Cook Bennett. John disse che intendeva trasferirsi a Nauvoo, unirsi alla Chiesa e offrire i suoi servizi ai santi. Era un medico e un ufficiale di alto grado della milizia dello stato dell’Illinois che era stato anche un ministro di culto e un professore. “Ritengo che sarò molto più felice insieme a voi”, disse. “Mi scriva immediatamente”13.

Nei giorni che seguirono, Joseph ricevette altre due lettere da John. “Può contare su di me”, promise John. “Sperò che arriverà presto il momento in cui il suo popolo diventerà il mio popolo e il suo Dio diventerà il mio Dio”. Disse a Joseph che le sue abilità oratoria in pubblico e la sua energia inesauribile sarebbero stati preziosi per i santi.14

“Il desiderio di essere con voi cresce ogni giorno”, insistette, “porrò immediatamente fine ai miei impegni lavorativi per raggiungere la sua casa felice, se ritiene che sia la cosa migliore!”15.

Joseph riesaminò le lettere, incoraggiato dal fatto che qualcuno con le credenziali di John volesse unirsi ai santi. Un uomo con le sue capacità avrebbe certamente contribuito a stabilire la Chiesa nell’Illinois.

“Se le fosse possibile venire qui in questa stagione per patire le afflizioni con il popolo di Dio”, scrisse Joseph a John, “nessuno ne sarà più felice di me o le darà un’accoglienza più cordiale della mia”16.


Mentre Nauvoo prendeva forma, la mente di Joseph era rivolta al raduno. In Inghilterra, gli apostoli avevano da poco mandato una compagnia di quarantuno santi oltreoceano, diretti a Nauvoo. Joseph si aspettava di accogliere anche altri gruppi nei mesi e negli anni a venire.

“Questo è il principale luogo di raduno”, annunciò in un sermone nel mese di luglio. “Chiunque lo desideri, venga a prendere parte liberamente alla povertà di Nauvoo!”.

Sapeva che l’espulsione dal Missouri e la fallita petizione al governo aveva lasciato incertezza in tante persone riguardo al futuro di Sion e del raduno. Joseph voleva che capissero che Sion era più di un appezzamento di terreno nella Contea di Jackson. “Dove i santi si radunano, quella è Sion”, dichiarò.

Il Signore ora comandava loro di stabilire dei pali a Nauvoo e nella zona circostante. Col tempo, quando sempre più santi si fossero radunati a Sion, la Chiesa avrebbe organizzato ulteriori pali e il Signore avrebbe benedetto il territorio.

Prima di concludere il suo sermone, Joseph annunciò: “Mi impegno a costruire un tempio grandioso come quello di Salomone, se la Chiesa mi sosterrà”. Allungò la mano e indicò un punto elevato in cui i santi avrebbero costruito la sacra struttura. “Se sarà […] volontà di Dio che io viva sino a vedere il tempio completato e finito dalle fondamenta all’ultima pietra, dirò: ‘Oh Signore, è abbastanza. Lascia che il tuo servo se ne vada in pace’”17.

Alcune settimane dopo, mentre la febbre alta continuava a persistere a Nauvoo e la malattia si prendeva altre vite, morì Seymour Brunson, un amico di Joseph.18 Al funerale, Joseph espresse parole di conforto alla vedova di Seymour, Harriet, e alle migliaia di santi nella congregazione. Mentre parlava, guardò Jane Neyman, il cui figlio adolescente Cyrus era morto prima di essere battezzato.

Sapendo che Jane era preoccupata per il bene dell’anima del figlio, Joseph decise di condividere ciò che il Signore gli aveva insegnato sulla salvezza di coloro che, come suo fratello Alvin, erano morti senza il battesimo.19

Aprendo la Bibbia, Joseph lesse le parole che l’apostolo Paolo rivolse ai Corinzi: “Altrimenti che faranno quelli che son battezzati per i morti? Se i morti non risuscitano affatto, perché dunque son essi battezzati per loro?”20. Fece notare che le parole di Paolo erano una prova che una persona vivente poteva essere battezzata in vece di una persona deceduta, estendendo i benefici del battesimo a coloro che erano morti nel corpo ma il cui spirito continuava a vivere.

Joseph disse che il piano di salvezza di Dio aveva lo scopo di salvare tutti coloro che erano disposti a obbedire alla legge di Dio, incluse le innumerevoli persone che erano morte senza conoscere Gesù Cristo o i Suoi insegnamenti.21

Poco dopo il sermone, Jane andò al fiume con un anziano della Chiesa e fu battezzata in favore di Cyrus. Quando più tardi, quella sera, Joseph venne a sapere del battesimo, chiese quali parole avesse usato l’anziano nell’ordinanza. Quando gli ripeterono le parole, Joseph confermò che l’anziano aveva celebrato il battesimo correttamente.22


John Bennett arrivò a Nauvoo nel settembre del 1840, e Joseph cercò ansiosamente il suo consiglio sulla gestione delle questioni legali e politiche che riguardavano Nauvoo e la Chiesa. John aveva circa l’età del Profeta, ma era più istruito. Era un uomo basso con capelli neri che si stavano ingrigendo, occhi scuri e un volto sottile e bello. Egli accettò prontamente il battesimo.23

Lucy Smith era troppo preoccupata per il marito sofferente per occuparsi troppo del popolare nuovo arrivato. Come il vescovo Partridge, Joseph sr aveva lasciato il Missouri in cattiva salute e il clima malsano di Nauvoo non aveva fatto altro che indebolirlo ulteriormente. Lucy sperava che alla fine si sarebbe ripreso ma, dopo che un giorno vomitò sangue, ella temeva che la morte fosse vicina.

Quando Joseph e Hyrum vennero a sapere del peggioramento delle condizioni del padre, corsero al suo capezzale.24

Lucy mandò a chiamare il resto della famiglia mentre Joseph teneva compagnia al padre. Parlò a suo padre del battesimo per i morti e delle benedizioni che esso offriva a tutti i figli di Dio. Colmo di gioia, Joseph sr lo supplicò di celebrare l’ordinanza in favore di Alvin.

Presto Lucy si ritrovò seduta con la maggior parte dei suoi figli attorno al letto del loro padre. Joseph sr voleva impartire a ciascuno di loro una benedizione di commiato finché aveva ancora la forza di parlare. Quando fu il turno di Joseph, Joseph sr impose le mani sul capo del figlio.

“Sii fedele e sarai benedetto, e la tua famiglia sarà benedetta, e i tuoi figli dopo di te”, disse. “Tu vivrai tanto da ultimare la tua opera”.

“Oh, padre”, pianse Joseph, “davvero?”.

“Sì, davvero”, disse il patriarca, “e tu esporrai il piano di tutta l’opera che Dio richiede che tu svolga”.

Quando ebbe finito di benedire i suoi figli, Joseph sr si rivolse a Lucy. “Tu madre”, disse, “sei una delle donne più straordinarie al mondo”.

Lucy protestò, ma il marito continuò. “Spesso abbiamo desiderato di poter morire nello stesso momento”, disse, “ma non devi desiderare di morire quando lo farò io, perché devi rimanere a confortare i figli quando me ne sarò andato”.

Dopo una pausa, Joseph sr esclamò: “Vedo Alvin”. Egli poi unì le mani e iniziò a respirare lentamente, finché il fiato non divenne sempre più corto, ed egli spirò silenziosamente.25


Qualche settimana dopo la morte di Joseph sr, i santi si riunirono a Nauvoo per la conferenza generale di ottobre del 1840. Joseph impartì loro ulteriori insegnamenti sul battesimo per i morti, spiegando che gli spiriti dei morti stavano aspettando che i loro discendenti in vita ricevessero le ordinanze di salvezza in loro favore.26

Tra le sessioni della conferenza, i santi si precipitarono al fiume Mississippi dove diversi anziani erano immersi nell’acqua fino alla vita, invitandoli a farsi battezzare per i loro nonni, padri, madri, fratelli e figli defunti. Subito dopo, Hyrum fu battezzato per il fratello Alvin.27

Mentre Vilate Kimball osservava gli anziani nel fiume, desiderava ardentemente essere battezzata per la madre, morta da più di un decennio. Avrebbe voluto che Heber fosse tornato dall’Inghilterra per celebrare l’ordinanza, ma poiché Joseph aveva esortato i santi a redimere i morti il prima possibile, decise di essere subito battezzata per sua madre.28

Anche i pensieri di Emma Smith si volgevano ai familiari. Suo padre, Isaac Hale, era morto nel gennaio del 1839. Non si era mai riconciliato con lei e con Joseph. Alcuni anni prima della sua morte, aveva persino consentito ai critici della Chiesa di pubblicare una lettera che aveva scritto in cui condannava Joseph e definiva il Libro di Mormon “una sciocca invenzione contenente falsità e malvagità”29.

Emma, tuttavia, amava suo padre e fu battezzata in sua vece nel fiume.30 Egli non aveva accettato il vangelo restaurato in questa vita, ma lei sperava che non sarebbe stato così per sempre.


Quell’autunno, Joseph e John Bennett abbozzarono uno statuto per Nauvoo. Il documento aveva lo scopo di lasciare ai santi quanta più libertà possibile al fine di governarsi da soli e di proteggerli dal tipo di ingiustizia che li aveva afflitti nel Missouri. Se la legislatura di stato avesse approvato lo statuto, i cittadini di Nauvoo avrebbero potuto varare le loro leggi per la città, gestire i tribunali locali, fondare un’università e organizzare una milizia.31

Anche i progetti di Joseph per la Chiesa continuavano a crescere. Aspettandosi che sempre più santi si sarebbero radunati lì, il Profeta fondò diversi pali in nuovi insediamenti vicino a Nauvoo. Chiamò inoltre Orson Hyde e John Page a intraprendere una missione in Palestina, dove avrebbero dedicato Gerusalemme al raduno dei figlioli di Abrahamo. Per recarvisi, gli apostoli avrebbero dovuto attraversare l’Europa, e questo avrebbe dato loro l’opportunità di predicare il Vangelo in molte delle sue città.32

“Possiamo presto aspettarci di vedere arrivare a frotte persone di ogni nazione”, proclamarono Joseph e la Prima Presidenza, “persone di tutte le lingue e idiomi, e di ogni colore, che renderanno insieme a noi il culto del Signore degli eserciti nel Suo sacro tempio”33.

A inizio dicembre, John Bennett usò con successo la sua influenza presso la legislatura dello stato dell’Illinois perché approvasse lo statuto di Nauvoo, che garantiva ai santi la facoltà di attuare i progetti per la città. Quando John tornò a Nauvoo trionfante, Joseph lo lodò in ogni occasione.34

Poco più di un mese dopo, il 19 gennaio 1841, il Signore benedisse i santi con una nuova rivelazione. Li rassicurò di aver accolto nelle Sue cure Edward Partridge e Joseph Smith sr, insieme a David Patten, che era stato ucciso durante le schermaglie al fiume Crooked. Hyrum Smith fu chiamato a prendere il posto del padre come patriarca della Chiesa e fu anche incaricato di servire come profeta, veggente e rivelatore al fianco di Joseph, svolgendo nella Chiesa il ruolo che una volta era ricoperto da Oliver Cowdery.35

Inoltre, il Signore istruì John Bennett di stare vicino a Joseph e di continuare a parlare a coloro che erano fuori dalla Chiesa in favore dei santi, promettendogli benedizioni a condizione di svolgere rettamente la sua opera. “La sua ricompensa non mancherà, se accetta i consigli”, dichiarò il Signore. “Ho visto il lavoro che ha fatto, che accetto se continuerà”36.

Il Signore inoltre accettò gli sforzi passati fatti dai santi per costruire Sion nella Contea di Jackson, ma comandò loro di edificare Nauvoo, di stabilire altri pali, e di costruire un albergo chiamato Nauvoo House, che avrebbe fornito ai visitatori un luogo in cui riposarsi e contemplare la parola di Dio e la gloria di Sion.37

Ancor più importante, il Signore comandò ai santi di costruire il nuovo tempio. “Che questa casa sia costruita al mio nome”, dichiarò, “affinché in essa io riveli le mie ordinanze al mio popolo”38.

Il battesimo per i morti era una di queste ordinanze. Fino ad allora il Signore aveva consentito ai santi di celebrare i battesimi nel fiume Mississippi, ma adesso comandava loro di cessare le ordinanze finché non avessero dedicato uno speciale fonte battesimale nel tempio. “Quest’ordinanza”, dichiarò, “appartiene alla mia casa”39.

Altre ordinanze del tempio e nuove verità ispiratrici sarebbero giunte in seguito. “Intendo rivelare alla mia chiesa delle cose che sono state tenute celate fin da prima della fondazione del mondo, cose che riguardano la dispensazione della pienezza dei tempi”, promise il Signore. “E mostrerò al mio servitore Joseph tutto ciò che riguarda questa casa”40.

Promettendo di ricompensare la diligenza e l’obbedienza dei santi, il Signore li esortò a lavorare al tempio con tutta la loro forza. “[Costruite] una casa al mio nome, sì, in questo luogo, affinché possiate dimostrarmi che siete fedeli in tutte quante le cose ”, comandò, “affinché io possa benedirvi e incoronarvi di onore, di immortalità e di vita eterna”41.

All’alba del nuovo anno, il futuro sembrava roseo per i santi. L’1 febbraio 1841 elessero John Bennett sindaco di Nauvoo, carica che lo rendeva anche giudice supremo del tribunale cittadino. Egli divenne anche rettore della nuova università, generale in capo della milizia e assistente consigliere della Prima Presidenza.42 Joseph e gli altri dirigenti della Chiesa avevano fiducia nelle sue abilità di guidare la città e di renderla grandiosa.

Con l’accrescere dell’autorità e delle responsabilità di John, Emma non poteva negare che egli avesse aiutato immensamente i santi. Ella però non condivideva l’affetto dei santi nei suoi confronti. Pensava che John si mettesse in mostra per la città come un generale pomposo e che, quando non era intento a impressionare Joseph, sembrava egocentrico e irrispettoso.

Per via di tutti i suoi talenti e della sua utilità, c’era qualcosa in John Bennett che la preoccupava.43