Primaria
17–23 maggio. Dottrina e Alleanze 51–57: “Un intendente fedele, giusto e saggio”
precedente avanti

“17–23 maggio. Dottrina e Alleanze 51–57: ‘Un intendente fedele, giusto e saggio’”, Vieni e seguitami – Per la Primaria: Dottrina e Alleanze 2021 (2020)

“17–23 maggio. Dottrina e Alleanze 51–57”, Vieni e seguitami – Per la Primaria

First Furrow [il primo solco], di James Taylor Harwood

17–23 maggio

Dottrina e Alleanze 51–57

“Un intendente fedele, giusto e saggio”

In aggiunta alle idee proposte qui, lo Spirito potrebbe suggerirti di concentrarti su qualche altra cosa di Dottrina e Alleanze 51–57 che potrebbe essere importante per i bambini a cui insegni.

Annota le tue impressioni

Invita a condividere

Fai sì che i bambini che vogliono condividere qualcosa peschino dei numeri da un contenitore per determinare in quale ordine parleranno.

Insegna la dottrina – Bambini più piccoli

Dottrina e Alleanze 51:9

Posso essere onesto.

Molti bambini piccoli stanno ancora imparando cosa significa dire la verità. Pensa a come potresti enfatizzare l’importanza di parlare e agire onestamente.

Possibili attività

  • Leggi ai bambini questa frase di Dottrina e Alleanze 51:9: “E che ognuno si comporti onestamente” (vedere anche Articoli di Fede 1:13). Chiedi ai bambini se sanno cosa vuol dire essere onesti. Per aiutarli a capire meglio, fai loro alcuni esempi di azioni oneste.

  • Racconta alcune storie semplici di bambini che devono decidere se essere onesti o meno, come, ad esempio se ammettere di aver fatto qualcosa di sbagliato. Usa delle immagini, dei burattini o degli omini di carta per rendere le storie più interessanti. Chiedi ai bambini se i personaggi rappresentati si stanno comportando in modo onesto o disonesto.

  • Cantate un inno sull’onestà, come “Difendi la verità” (Innario dei bambini, 81). Rendi testimonianza del perché è importante essere onesti.

Dottrina e Alleanze 52:10; 53:3; 55:1

Il dono dello Spirito Santo si riceve mediante l’imposizione delle mani.

Il ricevimento dello Spirito Santo mediante l’imposizione delle mani viene menzionato diverse volte in Dottrina e Alleanze 51–57. Potrebbe essere una buona occasione per insegnare ai bambini qualcosa riguardo a questa ordinanza.

Possibili attività

  • Mostra l’immagine di una bambina che viene confermata (vedere Illustrazioni del Vangelo, n. 105). Invita i bambini a descrivere cosa sta accadendo nell’immagine. Leggi uno o più di questi versetti: Dottrina e Alleanze 52:10; 53:3; 55:1. Chiedi loro di battere le mani ogni volta che sentono la frase “imponendo le mani” o “l’imposizione delle mani”.

  • Racconta ai bambini il momento in cui hai ricevuto il dono dello Spirito Santo mediante l’imposizione delle mani dopo il tuo battesimo. Aiutali ad avere il desiderio di ricevere questo dono. Parlate insieme di come possiamo invitare lo Spirito nella nostra vita.

  • Cantate “Lo Spirito Santo” (Innario dei bambini, 56) o un inno simile. Segnala le parole e le frasi che insegnano qualcosa riguardo allo Spirito Santo.

    Illustrazione di un ragazzo che viene confermato, di Dan Burr

Dottrina e Alleanze 54:4–6

Bisogna sempre mantenere le promesse.

Leman Copley aveva fatto alleanza con i santi di Colesville, nello Stato di New York, dicendo loro che potevano vivere sui suoi terreni nell’Ohio. Dopo il loro arrivo, lui infranse l’alleanza e li fece andare via.

Possibili attività

  • Spiega ai bambini che cosa accadde ai santi che vennero a vivere sui terreni di Leman Copley (vedere l’introduzione alla sezione 54 di Dottrina e Alleanze; vedere anche “Capitolo 21: Il Profeta va nel Missouri”, Storie di Dottrina e Alleanze, 81–83). Aiutali a pensare a come debbano essersi sentiti i santi quando Leman infranse la sua promessa.

  • Taglia un cuore di carta a metà e dai le due metà a due bambini diversi. Chiedi loro di mantenere vicine le due metà in modo da formare un cuore intero. Lascia che gli altri bambini facciano a turno per tenere una metà del cuore. Aiutali a paragonare questa attività alle promesse o alleanze che noi facciamo con Dio. Dio manterrà sempre la sua parte dell’alleanza se noi manteniamo la nostra.

  • Ricorda ai bambini che quando sono battezzati fanno alleanza, o promettono, di obbedire ai comandamenti di Dio. Leggi loro in Dottrina e Alleanze 54:6 come il Signore benedice le persone che tengono fede alle loro alleanze.

Insegna la dottrina – Bambini più grandi

Dottrina e Alleanze 51:1955

Posso usare le benedizioni che Dio mi ha dato per benedire gli altri.

Il Signore ha affidato a ognuno di noi dei doni e delle benedizioni che possiamo usare per edificare il Suo regno.

Possibili attività

  • Nascondi in giro per la stanza le parole “fedele”, “giusto” e “saggio”. Invita i bambini a trovare le parole nella stanza e in Dottrina e Alleanze 51:19. Leggete insieme il versetto e parlate di cosa significa essere un intendente. Se necessario, leggete insieme il primo paragrafo della voce “Intendente, intendenza” nella Guida alle Scritture (scriptures.ChurchofJesusChrist.org).

  • Parla ai bambini di William W. Phelps, che prima di conoscere il Vangelo e trasferirsi a Kirtland si occupava della pubblicazione di un giornale. Invita i bambini a leggere Dottrina e Alleanze 55:1–4 e a individuare quali cose Dio voleva che William facesse. Tra queste cose, quali si applicano anche a noi e quali sono rivolte specificamente a William per via dei suoi talenti? Chiedi ai bambini di individuare i talenti che vedono gli uni negli altri e invitali a parlare di come possono usarli per servire Dio e i Suoi figli.

Dottrina e Alleanze 52:14–19

Dio mi ha dato un modello per aiutarmi a non essere ingannato.

In questi versetti il Signore ha dato un modello “affinché non [siamo] ingannati” (Dottrina e Alleanze 52:14) da insegnanti e messaggi falsi.

Possibili attività

  • Mostra ai bambini alcuni modelli (ad esempio modelli per il cucito o per creare qualcosa) e parlate insieme del perché i modelli sono utili. Per aiutare i bambini a imparare questo modello dato dal Signore, scrivi alla lavagna queste frasi incomplete: “Colui che è da me” , “colui che sarà reso ” e “colui che non ”. Invita i bambini a leggere Dottrina e Alleanze 52:15–18 e a riempire gli spazi vuoti. Perché questo modello ci è utile? (Vedere i versetti 14, 19).

  • Disegna qualcosa di semplice e invita i bambini a fare lo stesso disegno seguendo il tuo modello. Poi, analizza con loro il modello del Signore riportato in Dottrina e Alleanze 52:14–19.

Dottrina e Alleanze 54

Devo sempre tenere fede alle mie alleanze.

Anche se le nostre alleanze sono personali, la nostra fedeltà nel tenervi fede può avere ripercussioni nella vita degli altri. La storia di Leman Copley e dei santi di Colesville è un’esemplificazione di questa verità.

Possibili attività

  • Racconta ai bambini che cosa accadde quando i santi di Colesville si stabilirono sul terreno di Leman Copley (vedere l’introduzione alla sezione 54 di Dottrina e Alleanze; vedere anche “Capitolo 21: Il Profeta va nel Missouri”, Storie di Dottrina e Alleanze, 81–82). Come vi sareste sentiti se foste stati uno di quei santi e aveste scoperto che Leman aveva infranto la sua alleanza di condividere quei terreni? Che cosa ci insegna questa storia sull’importanza di tener fede alle nostre alleanze? Leggete insieme Dottrina e Alleanze 54:6 per imparare qual è una benedizione che il Signore dà a coloro che tengono fede alle loro alleanze.

  • Ricorda ai bambini le alleanze che hanno fatto al battesimo (vedere Mosia 18:8–10). Aiutali a pensare in quali modi stanno tenendo fede a queste alleanze e aiutali a capire come questo li preparerà a stringere ulteriori alleanze in futuro.

Incoraggia l’apprendimento a casa

Se ti è sembrato che ai bambini sia piaciuta una delle attività di oggi, suggerisci loro di ripeterla a casa con la loro famiglia.

Come migliorare l’insegnamento

Metti in pratica ciò che insegni. L’insegnamento sarà più potente se potrai rendere testimonianza con una tua esperienza personale delle benedizioni che scaturiscono dal vivere il Vangelo. Mentre scegli i principi da insegnare ai bambini, pensa a come tu puoi vivere più pienamente questi principi. (Vedere anche Insegnare alla maniera del Salvatore, 13–14).