Menu Giovani

    Come viene scelto il nuovo profeta?

    Ti sei mai chiesto in che modo il Signore chiama i suoi profeti?

    Il presidente Russell M. Nelson servirà come 17º presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, con il presidente Dallin H. Oaks come primo consigliere e il presidente Henry B. Eyring come secondo consigliere. Il presidente M. Russell Ballard servirà come presidente facente funzione del Quorum dei Dodici Apostoli.

    Anziano D. Todd Christofferson

    Ma ti sei mai chiesto in che modo viene scelto il nuovo presidente? Fin dalla morte del profeta Joseph Smith, la Chiesa ha utilizzato lo stesso procedimento per scegliere e sostenere il suo nuovo presidente. Durante un annuncio speciale, il 16 gennaio 2018 l’anziano D. Todd Christofferson del Quorum dei Dodici Apostoli ha risposto ad alcune domande che potresti avere su tale procedimento.

    Che cosa accade quando muore il profeta?

    “Quando il presidente della Chiesa muore, la Prima Presidenza viene automaticamente sciolta. Gli uomini che servivano come consiglieri prendono il loro posto del Quorum dei Dodici Apostoli, quorum che assume la dirigenza della Chiesa con a capo l’apostolo più anziano per chiamata”.

    In che modo viene scelto il successivo presidente della Chiesa?

    “Subito dopo la morte del presidente della Chiesa, i membri del Quorum dei Dodici Apostoli si riuniscono nel tempio e valutano la ricostituzione della Prima Presidenza. In tutta la storia della Chiesa, l’apostolo più anziano ne è sempre diventato il presidente successore. Questo sistema preclude eventuali atteggiamenti e campagne volte a ottenere la posizione e fornisce continuità, maturità, esperienza e ampia preparazione per chi diventa presidente. Come ha osservato l’anziano John A. Widtsoe: “Questa è una procedura saggia. Pone a capo della Chiesa l’apostolo che ha servito per più tempo. Costui è ben conosciuto dalle persone, che si fidano di lui. Egli conosce personalmente la procedura degli affari della Chiesa. Non è nuovo all’addestramento per la posizione” (Evidences and Reconciliations, arrangiamento di G. Homer Durham, 3 volumi in 1 [1960], 264)”.

    Come viene messo a parte il nuovo presidente?

    “Il nuovo presidente viene messo a parte dal secondo apostolo più anziano per chiamata, a cui si uniscono tutti gli altri membri del quorum con l’imposizione delle mani. Guidato dall’ispirazione divina che riceve, il presidente sceglie i suoi consiglieri e poi, insieme agli altri apostoli, li mette a parte”.

    Chi diventa il successivo presidente del Quorum dei Dodici Apostoli?

    “Dopo la riorganizzazione della Prima Presidenza, l’apostolo con il secondo numero più alto di anni di servizio viene sostenuto quale presidente del Quorum dei Dodici. Se il secondo apostolo con più anni di servizio è chiamato nella Prima Presidenza, l’apostolo successivo per anzianità è nominato presidente facente funzione dei Dodici”.

    Prima Presidenza

    “L’uomo del momento”

    Dire addio a qualcuno che è stato il profeta per una gran parte della tua vita può essere difficile. Possiamo, però, ricevere la rassicurazione che ciascun profeta è chiamato da Dio. “In tutta la storia della Chiesa è sempre stato evidente che l’uomo scelto come presidente era stato preordinato ed è risultato l’uomo appropriato per quel particolare momento” (N. Eldon Tanner, “Eletto da Dio”, conferenza generale di aprile 1974). Il presidente Nelson è stato chiamato da Dio a essere l’uomo adatto per questo momento sulla terra ed egli agirà e parlerà come Dio vorrà che agisca e che parli.

    “Esprimo il mio profondo amore per voi”, ha detto il presidente Nelson in una trasmissione speciale a livello mondiale tenuta il 16 gennaio 2018. “L’amore è cresciuto nel corso dei decenni in cui mi sono incontrato con voi, ho reso il culto con voi e vi ho serviti. […] Incoraggio ognuno di noi a guardare al futuro con fede completa in Gesù Cristo, a cui appartiene questa Chiesa. Questa è la Sua opera ed è la Sua Chiesa. Noi siamo i Suoi servitori. La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni continuerà ad avanzare, a benedire ogni nazione, stirpe, lingua e popolo. Dichiaro la mia devozione a Dio, nostro Padre Eterno, e a Suo Figlio, Gesù Cristo. Li conosco, Li amo e mi impegno a servire Loro e voi con ogni respiro che mi resta in questa vita”.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza