Scritture
    Isaia 20
    Note a piè di pagina
    Theme

    Capitolo 20

    1 L’anno che Tartan, mandato da Sargon, re d’Assiria, mosse contro Asdod, la cinse d’assedio e la prese,

    2 verso quel tempo, l’Eterno parlò per mezzo d’Isaia, figliuolo di Amots, e gli disse: ‘Va’, sciogliti il sacco di sui fianchi, e togliti i calzari dai piedi’. Questi fece così, e camminò seminudo e scalzo.

    3 E l’Eterno disse: Come il mio servo Isaia va seminudo e scalzo, segno e presagio, durante tre anni, contro l’Egitto e contro l’Etiopia,

    4 così il re d’Assiria menerà via i prigionieri dall’Egitto e i deportati dell’Etiopia, giovani e vecchi, seminudi e scalzi, con le natiche scoperte, a vergogna dell’Egitto.

    5 E quelli saranno costernati e confusi, a motivo dell’Etiopia in cui avean riposta la loro speranza, e a motivo dell’Egitto di cui si gloriavano.

    6 E gli abitanti di questa costa diranno in quel giorno: ‘Ecco a che è ridotto il paese in cui speravamo, al quale avevamo ricorso in cerca d’aiuto, per esser liberati dal re d’Assiria! Come scamperemo noi?’