TJS, Salmi 14
    Note a piè di pagina

    TJS, Salmi 14:1–7. Confronta con Salmi 14:1–7

    Il salmista vede la perdita di verità negli ultimi giorni e attende con ansia l’istituzione di Sion.

    1 Lo stolto ha detto nel suo cuore: Non c’è alcun uomo che abbia visto Dio. Poiché egli non si mostra a noi, dunque non c’è alcun Dio. Ecco, essi sono corrotti; hanno compiuto opere abominevoli e nessuno di loro fa il bene.

    2 Poiché il Signore ha guardato in giù dal cielo sui figlioli degli uomini, e mediante la sua voce ha detto al suo servo: Cerca tra i figlioli degli uomini, per vedere se vi sia qualcuno che comprenda davvero Dio. Ed egli aprì la bocca al Signore e disse: Ecco, tutti questi che dicono di essere tuoi.

    3 Il Signore rispose e disse: Si sono tutti sviati, son diventati tutti quanti impuri; non puoi vedere nessuno di loro che faccia il bene, no, neppure uno.

    4 Tutti quelli che hanno come loro insegnanti sono operatori di iniquità e non c’è conoscenza in loro. Sono essi che divorano il mio popolo. Mangiano il pane e non invocano il Signore.

    5 Essi sono in grande timore, poiché Dio dimora nella generazione dei giusti. Egli è il consiglio dei poveri, poiché si vergognano dei malvagi e fuggono verso il Signore per avere rifugio.

    6 Si vergognano del consiglio del povero, perché il Signore è il suo rifugio.

    7 Oh, fosse Sion stabilita fuor dal cielo, la salvezza di Israele. O Signore, quando stabilirai Sion? Quando il Signore ritrarrà dalla schiavitù il suo popolo, Giacobbe gioirà, Israele si rallegrerà.