Menu Giovani

    La mia esperienza con la Conferenza – Rivelazioni personali

    Jess Verzello Church Magazines

    Giovani da tutto il mondo rendono testimonianza di ciò che hanno imparato durante la conferenza generale di aprile 2018.

    Molti di voi hanno condiviso appunti, testimonianze e riflessioni relativi alla conferenza generale di aprile 2018 e, poiché non siamo riusciti a includerli tutti in un solo post, continueremo a pubblicarli qui. Il mese scorso abbiamo pubblicato le esperienze di chi tra voi ha parlato del sostegno dato al nuovo profeta; questo mese ci vogliamo concentrare sulle rivelazioni personali che avete ricevuto e su ciò che avete provato.

    Posso creare un luogo sacro

    Mi è piaciuto molto quando l’anziano De Feo ha spiegato: “I veri discepoli amano stare ‘in luoghi santi’ e amano rendere santi i luoghi in cui stanno”. Questo mi ha colpito, perché amo andare al tempio e sentire il meraviglioso spirito che c’è lì. So che se vivo in modo da essere degna di avere la compagnia dello Spirito Santo, posso creare un luogo sacro ovunque io sia.

    — Kathryn L., 16 anni, Minnesota

    Abbiamo bisogno di ascoltare attentamente

    Ho imparato che il perdono è una parte molto importante dell’Espiazione. So che abbiamo bisogno di servire gli altri come fece Gesù. So che abbiamo bisogno di ascoltare attentamente e di aprire il cuore e la mente ai suggerimenti e ai sussurri dello Spirito. So che se siamo miti, Lui ci guida, ci protegge e ci rafforza tramite lo Spirito. So che Dio ama tutti i Suoi figli.

    — Heidi B., 14 anni, California

    Poter stare insieme

    Ho indossato cose che appartenevano a familiari deceduti per i quali ho programmato di fare il lavoro di tempio. Durante questa conferenza, ho continuato a pensare che avrò l’opportunità di vedere questi meravigliosi parenti che non ho conosciuto bene da questa parte del velo e potremo stare insieme. So che abbiamo un grande valore e che individualmente possiamo aiutare gli altri a conoscere davvero Cristo.

    Lucy M., 18 anni, Georgia

    C’è pace in Cristo

    So che Dio ci dà le prove per un motivo. Anche se il mondo può essere un luogo difficile, so che c’è pace in Cristo. So che quando affrontiamo delle difficoltà, è meglio dire: “Sia fatta la Tua volontà”, e rimanere vicini allo Spirito Santo e al Padre Celeste.

    — Brooklyn F., 12 anni, Idaho

    Un conforto immenso per un’adolescente smarrita

    La Conferenza generale è un grande conforto per un’adolescente confusa e smarrita come me. Anche vedere il profeta sorridere e ridacchiare mentre annuncia i nuovi templi mi rende felice. Sentire questi messaggi mi dimostra che la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è l’unica vera chiesa e che i suoi dirigenti sono chiamati e ordinati da Dio. Questi messaggi lasciano nel mio cuore un segno prezioso in merito alle cose su cui devo lavorare nei sei mesi successivi.

    — Blanch T., 17 anni, Filippine

    Sostituire i punti interrogativi con punti esclamativi

    Il discorso dell’anziano Neil L. Andersen sullo Spirito Santo mi ha davvero ispirato. La scuola superiore mette molto alla prova la mia fede e quando l’anziano Andersen ha detto di sostituire i punti interrogativi con punti esclamativi, mi ha ispirato a mettere da parte i dubbi che potrei avere per concentrarmi sul prestare attenzione al conforto e alla guida che mi sono stati dati, per andare avanti sicura con la fede che ho.

    — Leah P., 16 anni, Canada

    Condividi la tua esperienza

    Quali impressioni hai avuto durante la Conferenza generale? Condividi la tua esperienza qui sotto.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza