Esodo 15
precedente avanti

Capitolo 15

I figli di Israele cantano il cantico di Mosè — Esaltano il Signore come guerriero e gioiscono per la loro liberazione dall’Egitto — Le acque di Mara vengono sanate — Il Signore promette di liberare Israele dalle malattie d’Egitto.

1 Allora Mosè e i figli d’Israele cantarono questo cantico all’Eterno, e dissero così: “Io canterò all’Eterno, perché si è maestosamente innalzato; ha precipitato in mare cavallo e cavaliere.

2 L’Eterno è la mia forza e l’oggetto del mio cantico; egli è stato la mia salvezza. Questo è il mio Dio, io lo glorificherò; è l’Iddio di mio padre, io lo esalterò.

3 L’Eterno è un guerriero, il suo nome è l’Eterno.

4 Egli ha gettato in mare i carri di Faraone e il suo esercito, e i migliori suoi condottieri sono stati sommersi nel Mar Rosso.

5 Gli abissi li coprono; sono andati a fondo come una pietra.

6 La tua destra, o Eterno, è mirabile per la sua forza, la tua destra, o Eterno, schiaccia i nemici.

7 Con la grandezza della tua maestà, tu rovesci i tuoi avversari; tu scateni la tua ira, essa li consuma come stoppia.

8 Al soffio delle tue narici le acque si sono ammassate, le onde si sono drizzate come un muro, i flutti si sono compattati nel cuore del mare.

9 Il nemico diceva: “Inseguirò, raggiungerò, dividerò le spoglie, la mia brama si sazierà su loro; sguainerò la mia spada, la mia mano li sterminerà”;

10 ma tu hai mandato fuori il tuo soffio; e il mare li ha ricoperti; sono affondati come piombo nelle acque potenti.

11 Chi è pari a te fra gli dèi, o Eterno? Chi è pari a te, mirabile nella tua santità, riverito con lodi, operatore di prodigi?

12 Tu hai steso la destra, la terra li ha ingoiati.

13 Tu hai condotto con la tua benignità il popolo che hai riscattato; l’hai guidato con la tua forza verso la tua santa dimora.

14 I popoli l’hanno udito, e tremano. L’angoscia ha colto gli abitanti della Filistia.

15 Già sono smarriti i capi di Edom, il tremito prende i potenti di Moab, tutti gli abitanti di Canaan vengono meno.

16 Spavento e terrore piomberà su loro. Per la forza del tuo braccio diventeranno muti come una pietra, finché il tuo popolo, o Eterno, sia passato, finché sia passato il popolo che ti sei acquistato.

17 Tu li introdurrai e li pianterai sul monte della tua eredità, nel luogo che hai preparato, o Eterno, per tua dimora, nel santuario che le tue mani, o Signore, hanno stabilito.

18 L’Eterno regnerà per sempre, in perpetuo”.

19 Questo cantarono gl’Israeliti perché i cavalli di Faraone con i suoi carri e i suoi cavalieri erano entrati nel mare, e l’Eterno aveva fatto ritornare su loro le acque del mare, ma i figli d’Israele aveano camminato in mezzo al mare, sull’asciutto.

20 E Maria, la profetessa, sorella di Aaronne, prese in mano il timpano, e tutte le donne uscirono dietro a lei con dei timpani, e danzando.

21 E Maria rispondeva ai figli d’Israele: “Cantate all’Eterno, perché si è maestosamente innalzato; ha precipitato in mare cavallo e cavaliere”.

22 Poi Mosè fece partire gli Israeliti dal Mar Rosso, ed essi si diressero verso il deserto di Shur; camminarono tre giorni nel deserto, e non trovarono acqua.

23 E quando giunsero a Mara, non poterono bere le acque di Mara, perché erano amare; perciò quel luogo fu chiamato Mara.

24 E il popolo mormorò contro Mosè, dicendo: “Che berremo?”.

25 Ed egli gridò all’Eterno; e l’Eterno gli mostrò un legno, che egli gettò nelle acque, e le acque divennero dolci. Qui l’Eterno dette al popolo una legge e una prescrizione, e lo mise alla prova, e disse:

26 “Se ascolti attentamente la voce dell’Eterno, che è il tuo Dio, e fai ciò che è giusto agli occhi suoi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi, io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani, perché io sono l’Eterno che ti guarisco”.

27 Poi giunsero ad Elim, dove c’erano dodici sorgenti d’acqua e settanta palme; e si accamparono qui presso le acque.