Qual è il ruolo del Libro di Mormon?
Note a piè di pagina
Tema

5

Qual è il ruolo del Libro di Mormon?

Rifletti sui seguenti punti

Rifletti sui seguenti punti

  • In che modo il Libro di Mormon è la chiave di volta della nostra religione?

  • In che modo il Libro di Mormon risponde alle grandi domande dell’anima?

  • Perché il Libro di Mormon ha tanto potere nel processo di conversione?

  • In che modo dovrei usare il Libro di Mormon per edificare la fede e aiutare le persone ad avvicinarsi a Dio?

  • Perché la promessa contenuta in Moroni 10:3–5 è fondamentale nel lavoro missionario?

Il Libro di Mormon è una prova possente della divinità di Cristo. È inoltre una prova della Restaurazione avvenuta attraverso il profeta Joseph Smith. Ricevere una testimonianza mediante lo Spirito Santo che il Libro di Mormon è veritiero è parte essenziale della conversione. Come missionario, devi in primo luogo avere una testimonianza personale che il Libro di Mormon è vero. Questa testimonianza può portare, durante il processo di conversione, a una fede più profonda e ferma nel potere del Libro di Mormon. Stai certo che lo Spirito Santo porterà testimonianza a tutti coloro che chiedono a Dio con cuore sincero, intento reale e avendo fede in Cristo se il Libro di Mormon è veritiero, dopo averlo letto e averlo meditato. Questa testimonianza dello Spirito Santo dovrebbe essere il fulcro del tuo insegnamento.

Il Libro di Mormon è la chiave di volta della nostra religione

Il profeta Joseph Smith ha insegnato che il Libro di Mormon è «la chiave di volta della nostra religione» (introduzione del Libro di Mormon). In un’altra occasione ha dichiarato: «Togliete il Libro di Mormon e le rivelazioni, e dov’è la nostra religione? Non esiste più» (History of the Church, 2:52).

Un arco è una solida struttura architettonica formata da pezzi cuneiformi appoggiati l’uno all’altro. Il pezzo centrale, o chiave di volta, di solito è più grande degli altri pezzi e tiene bloccate al loro posto le altre pietre. Quando Joseph Smith ha definito il Libro di Mormon «la chiave di volta della nostra religione», ha insegnato che questo libro sacro tiene insieme la nostra religione. Il presidente Ezra Taft Benson ha spiegato che il Libro di Mormon è la chiave di volta per almeno tre motivi:

Porta testimonianza di Cristo. «Il Libro di Mormon è la chiave di volta della nostra testimonianza di Gesù Cristo, il quale è Egli stesso la pietra angolare di tutto ciò che facciamo. Esso porta testimonianza con potere e chiarezza della Sua esistenza».

Contiene la pienezza della dottrina. «Il Signore stesso ha dichiarato che il Libro di Mormon contiene ‹la pienezza del Vangelo di Gesù Cristo› (DeA 20:9)… Nel Libro di Mormon noi troviamo la pienezza di quelle dottrine che sono necessarie per la nostra salvezza. E tali dottrine sono spiegate con semplicità e chiarezza, sicché anche i bambini possono essere in grado di apprendere la via che porta alla salvezza e all’esaltazione».

Scriptures. Book of Mormon

È il fondamento della testimonianza. «Proprio come l’arco crolla se viene rimossa la pietra che lo tiene unito, così l’esistenza stessa della Chiesa dipende dalla verità del Libro di Mormon. I nemici della Chiesa lo comprendono chiaramente. Questo è il motivo per cui si sforzano tanto di dimostrare che il Libro di Mormon è falso; poiché, se riuscissero a screditarlo, screditerebbero anche il profeta Joseph Smith e con lui il diritto alle chiavi del sacerdozio, le rivelazioni e la Chiesa restaurata. Ma per lo stesso motivo, se il Libro di Mormon è vero—e milioni di persone hanno già dichiarato di aver ricevuto tramite lo Spirito una testimonianza della sua verità—allora dobbiamo accettare la realtà della restaurazione della Chiesa e di tutto ciò che ad essa si accompagna» (La Stella, gennaio 1987, 4).

Il Libro di Mormon insieme con lo Spirito è lo strumento più possente nella conversione. È il libro più giusto sulla terra (vedere introduzione del Libro di Mormon). Espone con chiarezza la dottrina di Cristo, soprattutto nelle lezioni che insegni ai simpatizzanti. Usalo come strumento principale per insegnare il vangelo restaurato. Seguono, a titolo d’esempio, alcuni principi che spiegherai ai simpatizzanti e che sono insegnati con chiarezza nel Libro di Mormon.

Lezione missionaria

Dottrine

Riferimenti

Il messaggio della restaurazione del vangelo di Gesù Cristo

Apostasia, Restaurazione, Joseph Smith, autorità del sacerdozio

1 Nefi 12–14

2 Nefi 3; 26–29

Mosiah 18

Il piano di salvezza

Il «grande piano dell’Eterno Iddio», inclusa la caduta di Adamo, l’Espiazione, la Risurrezione e il giudizio.

2 Nefi 2; 9

Mosia 3; 15

Alma 12; 40–42

Il vangelo di Gesù Cristo

Fede in Cristo, pentimento, battesimo, dono dello Spirito Santo, il perseverare sino alla fine

2 Nefi 31–32

3 Nefi 11; 27

I Dieci Comandamenti, le leggi e le ordinanze

Le ordinanze, come il battesimo, la confermazione, l’ordinazione al sacerdozio, il sacramento

3 Nefi 11:22–28; 18

Moroni 2–6

Attività: studio personale

Scrivi le risposte alle domande seguenti sul diario di studio:

Attività: studio personale

  • In che modo lo studio del Libro di Mormon ha influito sulla tua testimonianza di Gesù Cristo?

  • In che modo puoi usare il Libro di Mormon per contribuire a rafforzare la testimonianza delle persone?

Studio delle Scritture

Che cosa dice il Salvatore sul Libro di Mormon?

Il Libro di Mormon porta testimonianza di Cristo

Christ and the rich young ruler

Fotografia riprodotta per gentile concessione di C. Harrison Conroy Co., Inc. È vietata la riproduzione.

Uno degli scopi principali del Libro di Mormon è di convincere tutti i popoli che Gesù è il Cristo (vedere il frontespizio del Libro di Mormon). Porta testimonianza di Cristo affermando la realtà della Sua vita, missione e potere. Insegna dottrina pura riguardo all’Espiazione, che è il cardine del piano di salvezza. Diverse persone i cui scritti sono riportati nel Libro di Mormon hanno visto di persona Cristo. Il fratello di Giared, Nefi e Giacobbe hanno visto il Cristo nel Suo stato preterreno. Mormon e Moroni hanno visto il Cristo risorto. In aggiunta, molte persone erano presenti durante il ministero breve ma possente del Salvatore tra i Nefiti (vedere 3 Nefi 11–28). Coloro che sanno poco o nulla riguardo al Salvatore giungeranno a conoscerLo leggendo, meditando e pregando sul Libro di Mormon.

La testimonianza del Libro di Mormon conferma quella della Bibbia che Gesù è l’Unigenito Figlio di Dio e il Salvatore del mondo. Quando insegnerai la pienezza del vangelo di Gesù Cristo, porta spesso testimonianza del Salvatore e Redentore del mondo. Mediante il potere dello Spirito Santo aggiungerai la tua testimonianza viva della veridicità di questo messaggio.

Studio delle Scritture

Quali ragioni hanno addotto i profeti del Libro di Mormon per scrivere i loro resoconti?

Il Libro di Mormon e la Bibbia si sostengono a vicenda

Le credenze delle persone intorno alla Bibbia variano in maniera considerevole. Alcuni credono che la Bibbia sia assolutamente perfetta, senza errori, e che sia tutto ciò di cui abbiamo bisogno per essere salvati. Altri ritengono che la Bibbia sia un’opera letteraria degna di essere studiata, ma negano che provi la divinità e i miracoli di Cristo, o la rivelazione diretta da parte di Dio. Alcune persone ignorano la Bibbia e altre non l’hanno mai vista, o non hanno avuto la possibilità di leggerla.

I Santi degli Ultimi Giorni «cred[ono] che la Bibbia è la Parola di Dio, per quanto è tradotta correttamente» (Articoli di Fede 1:8). Più che fare concorrenza alla Bibbia, il Libro di Mormon la sostiene, ci invita a leggerla e porta testimonianza della veridicità del suo messaggio. Dovresti usare il Libro di Mormon e la Bibbia in modo tale che si sostengano a vicenda.

Il libro di Mormon parla delle antiche alleanze che Dio ha fatto con i Suoi figli; la Bibbia racconta la vita dei grandi profeti che hanno ricevuto queste alleanze grazie alla fede. Il Libro di Mormon porta testimonianza di Cristo e della Sua espiazione; la Bibbia racconta la Sua nascita, ministero, morte, espiazione e risurrezione. Così, la Bibbia e il Libro di Mormon si completano e arricchiscono a vicenda.

L’edizione dei Santi degli Ultimi Giorni della Bibbia in inglese, che è la versione di re Giacomo, e il Libro di Mormon presentano dei riferimenti incrociati e dei sussidi di studio che rendono il legno di Giuda (la Bibbia) e il legno di Giuseppe (il Libro di Mormon) uniti nella nostre mani (vedere Ezechiele 37:15–17; vedere inoltre 1 Nefi 13:34–41; 2 Nefi 3:12; 29:8). Prediligi i passi del Libro di Mormon quando insegni, ma mostra anche in che modo il Libro di Mormon e la Bibbia insegnano gli stessi principi.

Usa il Libro di Mormon per chiarire e spiegare i passi della Bibbia. Ad esempio, il Nuovo Testamento dichiara che Cristo fu battezzato per «adempi[ere]… ogni giustizia» (Matteo 3:14–15). IL Libro di Mormon spiega che cosa significa adempiere ogni giustizia (vedere 2 Nefi 31:5–9).

Se userai il Libro di Mormon e la Bibbia come compagni, essi appianeranno le contese e correggeranno le dottrine false (vedere 2 Nefi 3:12).

La Bibbia insegna quanto segue riguardo alla legge dei testimoni: «Ogni parola sarà confermata dalla bocca di due o di tre testimoni» (2 Corinzi 13:1). In armonia con questa legge, sia il Libro di Mormon che la Bibbia portano testimonianza di Gesù Cristo.

Attività: studio personale o con il collega

Trova nel Libro di Mormon e nella Bibbia [N.d.T. versione in inglese] dei riferimenti incrociati sui seguenti argomenti. Con ogni argomento sono forniti degli esempi tra parentesi. Aggiungi altri passi e argomenti.

Attività: studio personale o con il collega

Studio delle Scritture

Che cosa dice la Bibbia del Libro di Mormon?

Che cosa dice il Libro di Mormon della Bibbia?

In che modo entrambi i libri sono testamenti di Cristo?

Il Libro di Mormon risponde agli interrogativi che turbano l’anima

Il presidente Ezra Taft Benson ha detto che i missionari «devono dimostrare che [il Libro di Mormon] contiene veramente la risposta agli interrogativi che turbano l’anima» («Inondiamo la terra col Libro di Mormon», La Stella, gennaio 1989, 4).

«Gli interrogativi che turbano l’anima» possono comprendere domande del tipo: c’è veramente un Dio? Esistevo prima di nascere? Vivrò dopo la morte? Qual è lo scopo della vita? Gesù è veramente il Salvatore?

Scripture study

Altre domande possono volgersi a bisogni più materiali: in che modo posso migliorare il rapporto che ho con il mio coniuge? In che modo posso aiutare i miei figli adolescenti a evitare la droga o l’immoralità? Come posso trovare un lavoro con il quale mantenere la famiglia?

Il vangelo di Gesù Cristo ci aiuta a rispondere a entrambi questi tipi di domande. Man mano che acquisiamo fede che il Libro di Mormon è vero, possiamo rispondere alle domande sullo scopo della vita e la speranza nella vita eterna. Il Libro di Mormon descrive il piano di felicità, che dà significato e una prospettiva alla vita. Nel Libro di Mormon sono chiaramente insegnate le risposte alle domande come quelle che seguono.

  • C’è un Dio? (Alma 22)

  • Che cosa si aspetta da me Gesù Cristo? (2 Nefi 9)

  • In che modo credere in Gesù Cristo mi aiuta? (Alma 36)

  • C’è una vita dopo la morte? (Alma 40)

  • Qual è lo scopo della vita? (Alma 34)

  • Perché Dio permette al male e alle sofferenze di esistere? (2 Nefi 2; Alma 14:9–11; 60:13)

  • Il mio figlio neonato ha bisogno di essere battezzato? (Moroni 8)

  • Dio mi conosce? (Alma 5:38, 58)

  • Dio risponde alle preghiere? (Enos 1)

  • In che modo posso avere pace e gioia? (Mosia 2, 4)

  • In che modo la mia famiglia può essere più felice e più unita? (Mosia 2)

  • In che modo posso mantenere un equilibrio tra la famiglia e il lavoro? (3 Nefi 13)

  • In che modo posso migliorare il rapporto che ho con il mio coniuge? (3 Nefi 14)

  • In che modo posso evitare i mali che minacciano la mia famiglia? (Alma 39)

  • In che modo posso evitare il peccato? (Helaman 5)

Se leggiamo il Libro di Mormon con la guida dello Spirito, esso ci aiuta a rispondere alle domande personali. Ci insegna che la preghiera e la rivelazione sono le chiavi per risolvere particolari problemi. Ci aiuta ad avere fede che Dio risponderà alle nostre preghiere.

Il Libro di Mormon, inoltre, ci aiuta a capire che i comandamenti di Dio non sono un elenco restrittivo di cose da fare e cose da non fare, ma una guida per vivere in modo felice e pieno. Quando inizieremo a capire che i primi principi e le prime ordinanze del Vangelo sono il modo per vivere ad esuberanza, ci renderemo conto che questi principi ci aiutano a rispondere a tutte le domande e a soddisfare tutti i bisogni. Ad esempio, comprenderemo che il pentimento, il perdono e l’alleanza di servire gli altri sono fondamentali per migliorare il rapporto con il coniuge. Capiremo che la fede in Cristo, l’accettare e il mantenere le alleanze, come pure il seguire i suggerimenti dello Spirito possono aiutare gli adolescenti a evitare le grandi tentazioni che li circondano.

Il Vangelo può soddisfare quasi ogni domanda o necessità. Questo è il motivo perché devi insegnare «i principi del mio Vangelo che sono nella Bibbia e nel Libro di Mormon, nel quale è contenuta la pienezza del Vangelo» (DeA 42:12).

Attività: studio personale o con il collega

Fai un elenco di alcuni dei «grandi interrogativi che turbano l’anima» che i simpatizzanti hanno posto. Cerca nel Libro di Mormon i versetti che rispondono a queste domande. Scrivi le risposte nel diario di studio e usale quando insegni.

Il Libro di Mormon avvicina le persone a Dio

Parlando del Libro di Mormon, il profeta Joseph Smith ha affermato che «un uomo si avvicina di più a Dio obbedendo ai suoi precetti che a quelli di qualsiasi altro libro» (introduzione del Libro di Mormon). Il Libro di Mormon fa da trampolino alla testimonianza e alla rivelazione personale. Serviti del Libro di Mormon per aiutare le persone ad avere delle esperienze spirituali, soprattutto ricevere la testimonianza dello Spirito Santo che il libro stesso è veritiero. Invitando costantemente le persone a osservare i principi che si trovano nel Libro di Mormon, le aiuti a sviluppare la fede in Gesù Cristo e ad avvicinarsi a Dio.

Il presidente Gordon B. Hinckley ha dichiarato: «Coloro che l’hanno letto [il Libro di Mormon] devotamente, siano essi ricchi o poveri, dotti o incolti, sono cresciuti grazie al suo potere… Vi prometto senza riserve che se leggerete devotamente il Libro di Mormon, a prescindere da quante altre volte potete averlo letto, [nel vostro cuore]… entrerà in maggiore misura lo Spirito del Signore… sentirete maggiormente la determinazione di camminare in obbedienza ai Suoi comandamenti e avrete una più sicura testimonianza della realtà vivente del Figlio di Dio» («Il Libro di Mormon», La Stella, ottobre 1988. 7).

Serviti del Libro di Mormon per rispondere alle obiezioni

Molte persone non crederanno a tutto ciò che insegni. Il presidente Ezra Taft Benson ha insegnato in che modo il Libro di Mormon può essere la risorsa principale per rispondere in tali situazioni:

«Dobbiamo usare il Libro di Mormon per controbattere le critiche mosse alla Chiesa…

Tutte le obiezioni, sia che riguardino l’aborto, il matrimonio plurimo, l’osservanza della domenica, fondamentalmente si basano sul quesito se Joseph Smith e i suoi successori furono e sono profeti di Dio che ricevono rivelazioni divine…

My Servant Joseph

Il mio servitore Joseph © 2004 Liz Lemon Swindle. Quest’immagine è riprodotta col permesso della Foundation Arts, American Fork, Utah 84003

L’unico problema che l’obiettore deve risolvere da sé è decidere se il Libro di Mormon è vero… se il Libro di Mormon è vero allora Gesù è il Cristo, Joseph Smith fu il Suo profeta, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è vera e oggi è guidata da un profeta che riceve delle rivelazioni.

Il nostro compito principale è proclamare il Vangelo e farlo con efficacia. Non siamo obbligati a rispondere a ogni obiezione. In ultima analisi ogni uomo dovrà decidere in base alla propria fede e a quel punto dovrà assumere una posizione» (A Witness and a Warning, 4–5; vedere anche La Stella, maggio 1988, 3, 6).

Ad esempio, i simpatizzanti sinceri potrebbero dissentire su ciò che hai insegnato riguardo alla Parola di Saggezza. Aiutali a capire che il punto cruciale è se Joseph Smith abbia parlato come profeta di Dio quando il comandamento è stato rinnovato in questa dispensazione. Potresti dire: «L’avere fede per accettare quest’insegnamento presuppone la certezza che il comandamento è giunto a noi mediante la rivelazione divina data al profeta Joseph Smith. Il modo per sapere se Joseph Smith è un profeta di Dio è quello di leggere e pregare in merito al Libro di Mormon».

I simpatizzanti devono risolvere da soli i dubbi e le obiezioni. Li puoi aiutare se li indirizzi su ciò che rafforzerà la loro fede in Gesù Cristo: leggere il Libro di Mormon e pregare in merito ad esso. Quando rafforzeranno la loro testimonianza della Restaurazione, avranno la forza necessaria per risolvere i dissensi e chiarire i dubbi.

Quando rispondi ai dubbi, ricordati che la nostra comprensione deriva dai profeti moderni, ossia da Joseph Smith e dai suoi successori, che ricevono rivelazione direttamente da Dio. La prima domanda cui deve rispondere un simpatizzante è, pertanto, se Joseph Smith era un profeta. La persona è in grado di rispondere a questa domanda leggendo il Libro di Mormon e pregando a suo riguardo.

Joseph Smith e il Libro di Mormon

Un modo per sapere che Joseph Smith è un profeta di Dio è leggere il Libro di Mormon e pregare a suo riguardo.

Attività: studio personale

Scrivi nel diario di studio in che modo ti serviresti di Joseph Smith e del Libro di Mormon per rispondere alle seguenti obiezioni o dubbi:

Attività: studio personale

  • «Non credo che Dio parli ancora agli uomini».

  • «Credo di poter adorare Dio a modo mio piuttosto che per mezzo di alcune organizzazioni religiose».

  • «Perché devo rinunciare a bere vino a tavola se mi unisco alla vostra chiesa?»

  • «Che bisogno ho della religione?»

In che modo devi usare il Libro di Mormon?

Molti simpatizzanti non leggono il Libro di Mormon o non comprendono ciò che leggono. Coloro che non leggono oppure che non capiscono il Libro di Mormon faranno fatica a ricevere una testimonianza della sua veridicità.

Leggi il Libro di Mormon insieme con i simpatizzanti

Quando leggete insieme, prega che lo Spirito Santo porti testimonianza ai simpatizzanti che il Libro di Mormon è veritiero.

Missionaries

Puoi aiutare i simpatizzanti leggendo con loro il Libro di Mormon. Prega di essere guidato quando scegli dei passi che trattano i loro dubbi e problemi. Puoi leggere con loro nell’ambito della lezione o durante un incontro successivo di sostegno. Puoi anche prendere accordi affinché i membri della Chiesa leggano con i simpatizzanti.

Tra i passi importanti c’è il frontespizio, l’introduzione (con particolare riguardo agli ultimi due paragrafi) e Moroni 10:3–5. Questi passi aiutano i simpatizzanti a capire come ottenere una testimonianza del Libro di Mormon. Incoraggiali a leggere il Libro di Mormon dall’inizio, senza saltare la testimonianza dei tre testimoni, degli otto testimoni e del profeta Joseph Smith.

Leggi ed esamina passi brevi (ad esempio, 1 Nefi 3:7 o Mosia 2:17) e passi più lunghi o capitoli interi (ad esempio, 2 Nefi 31, Alma 7 o 3 Nefi 18).

Quando leggi con i simpatizzanti, fermatevi occasionalmente ed esaminate ciò che avete letto. Quando leggi con loro, fai notare i messaggi chiave o le dottrine importanti da cercare. Condividi le intuizioni, i sentimenti, le testimonianze e le esperienze personali. Aiuta le persone a sentire il potere spirituale del Libro di Mormon. In questo modo puoi insegnare le dottrine vere direttamente dal Libro di Mormon. Continua con questo metodo anche negli incontri seguenti, in modo che le persone cui insegni possano sviluppare la capacità di leggere e pregare per proprio conto.

Insegna i principi e le dottrine servendoti delle parole e delle espressioni dei profeti del Libro di Mormon. Spiega gli antefatti e il contesto dei passi scritturali. Spiega le parole e le espressioni insolite.

«Applica» a te stesso e ai simpatizzanti ciò che avete letto, cercando delle applicazioni rilevanti per te e per i simpatizzanti (vedere 1 Nefi 19:23). «Applicare» significa creare un ponte mentale tra la comprensione della dottrina e la sua osservanza. Per leggere con sincerità, con intento reale, tu e coloro cui insegni dovete essere disposti a mettere in pratica le dottrine, a incorporarle nella vita quotidiana e, se necessario, a pentirvi. Mettendo in pratica le dottrine, saprete con certezza che sono vere. Ad esempio, potresti dire a un simpatizzante:

  • «Nefi, come lei, si trovò ad affrontare un grande problema. Quando però esercitò la fede per ‹andare e fare› ciò che il Signore gli aveva comandato, poté avere successo, (leggete 1 Nefi 3:7). So che Dio preparerà una via affinché lei possa osservare la Parola di Saggezza».

  • «Giovanni, è bene che lei desideri liberarsi dal senso di colpa che prova. Proprio come il Salvatore ha promesso ai Nefiti, se lei si pente, si fa battezzare e riceve lo Spirito Santo, sarà ‹innocente dinanzi al Padre›». (Leggete 3 Nefi 27:16).

Confida nella promessa che si trova in Moroni 10:3–5. Ogni persona che legge questo libro e prega con sincerità in merito ad esso può conoscere con certezza, mediante il potere dello Spirito Santo, che è veritiero. Fai tutto quello che puoi per aiutare i simpatizzanti a:

  • Leggere il Libro di Mormon e meditare sul suo messaggio riguardo a Gesù Cristo.

  • Pregare Dio con fede in Gesù Cristo per ricevere una testimonianza della veridicità del Libro di Mormon e del fatto che Joseph Smith è il profeta della Restaurazione.

  • Pregare con sincerità e intento reale, ossia essere pronti a mettere in pratica la risposta ricevuta da Dio.

Anche tu dovresti regolarmente applicare questa promessa per rafforzare e rinnovare la tua testimonianza del Libro di Mormon. Questa rinnovata testimonianza ti aiuterà a continuare ad avere una fiducia totale nel fatto che chiunque applichi questa promessa riceverà la risposta.

Serviti del Libro di Mormon in ogni aspetto del tuo lavoro

Il Libro di Mormon è uno strumento potente nella conversione. Usalo come lo strumento principale per insegnare il vangelo restaurato.

Ricordati questo:

Ricordati questo:

  • Il Libro di Mormon è la chiave di volta della nostra testimonianza di Cristo e della nostra dottrina.

  • Il Libro di Mormon insegna chiaramente le dottrine che si trovano nelle lezioni missionarie.

  • Serviti del Libro di Mormon per rispondere agli interrogativi che turbano l’anima e per rispondere alle obiezioni mosse contro la Chiesa.

  • Leggi costantemente parti del Libro di Mormon insieme con i simpatizzanti e i nuovi convertiti. Fai tutto quello che puoi per aiutarli a leggere ogni giorno per conto proprio il Libro di Mormon e a mettere in pratica ciò che apprendono.

  • Confida nella promessa del Signore, che ogni persona che legge il Libro di Mormon e prega con sincerità riguardo ad esso conoscerà la sua verità mediante il potere dello Spirito Santo.

Idee per lo studio e l’applicazione

Studio personale

  • Leggi 2 Nefi 2, 9, 30, 31, 32 ed evidenzia tutti i riferimenti a Gesù Cristo. Elenca tutti i diversi nomi e titoli usati per Cristo in questi capitoli. Sottolinea le parole pronunciate da Gesù Cristo. Evidenzia i Suoi attributi e le Sue azioni. Potresti continuare in questo modo leggendo tutto il Libro di Mormon.

  • Scrivi nel diario di studio che cosa hai provato quando hai ricevuto per la prima volta la testimonianza che il Libro di Mormon è veritiero.

  • In DeA 20:17 leggiamo l’espressione «da queste cose sappiamo», che introduce le dottrine insegnate e chiarite nel Libro di Mormon. Leggi DeA 20:15–35 ed elenca le dottrine menzionate. Scegli una dottrina e consulta la Guida alle Scritture per confrontare il tuo elenco con ciò che la Bibbia insegna riguardo a questa dottrina.

  • Confronta il Sermone sul Monte riportato in Matteo 5–7 con il sermone di Cristo presso il tempio, che si trova in 3 Nefi 12–14. Elenca i principi chiari e preziosi restaurati con il Libro di Mormon.

  • Fai un elenco delle domande che i simpatizzanti hanno posto. Cerca i passi del Libro di Mormon che rispondono a queste domande e usali secondo necessità durante l’insegnamento quotidiano.

  • Trova un versetto del Libro di Mormon che abbia cambiato la tua vita. Scrivi nel diario di studio i tuoi sentimenti su questo versetto.

  • Individua tutti i casi contenuti nel Libro di Mormon in cui le parole della preghiera di qualcuno sono scritte. Scrivi nel diario di studio gli elementi che accomunano queste preghiere.

  • Leggi 2 Nefi 33:10–15 e Moroni 10:27–29, 34. Che cosa dirai a Nefi e a Moroni alla sbarra del giudizio sull’uso che fai del Libro di Mormon? Scrivi la tua risposta e stabilisci alcune mete per migliorare.

  • Prendendo spunto dall’introduzione dei capitoli compresi tra Mosia 11 e Mosia 16, scrivi un riassunto di ciò che ha insegnato Abinadi. Leggi i capitoli in questione e amplia il riassunto.

  • Prendendo spunto dall’introduzione dei capitoli compresi tra Mosia 2 e Mosia 5, scrivi un riassunto di ciò che ha insegnato re Beniamino. Leggi i capitoli in questione e amplia il riassunto.

  • Nel leggere tutti i giorni il Libro di Mormon, riporta sul diario di studio i passi che ti colpiscono. Scrivi come li applicherai nella vita.

Studio con il collega

  • Leggete insieme dei passi del Libro di Mormon. Condividete ciò che avete appreso e i sentimenti che avete provato. Portatevi inoltre testimonianza a vicenda.

  • A quale profeta o missionario del Libro di Mormon vorreste assomigliare e perché? Spiega la risposta al collega.

  • Insieme come colleghi leggete Alma 26 e 29. Parlate dei sentimenti che provate riguardo alla vostra missione. Scrivete i vostri sentimenti nel diario di studio.

  • Leggete Alma 37:9 ed esaminate quanto fossero importanti le Scritture per Ammon e i suoi compagni di missione. Cerca i riferimenti che descrivono l’uso che fecero delle Scritture.

  • Leggete insieme Alma 11–14. Uno di voi ricopra il ruolo di Alma o di Amulec e l’altro quello dei diffamatori. Prestate attenzione a come questi missionari abbiano risposto a domande difficili.

  • Leggete la seguente storia vera ed esaminate ciò che imparate sull’importanza e il potere del Libro di Mormon (i nomi sono stati cambiati).

    «Quando invitammo gli Snider a farsi battezzare e confermare, la moglie era pronta, ma il marito disse: ‹Non vi illudete, anziani. Non so se mi farò battezzare mai!› Sebbene il fratello Snider avesse accettato ciò che avevamo insegnato e fosse sempre stato cordiale e amichevole, era profondamente preoccupato di come i suoi parenti avrebbero reagito se si fosse unito a un’altra chiesa.

    Dopo averlo visto lottare interiormente per diverse settimane, io e il mio collega sentimmo di leggere nuovamente 3 Nefi 11 con gli Snider. Non dimenticherò mai ciò che accadde quella sera. Quando aprimmo il Libro di Mormon, il mio collega spiegò: ‹Questo capitolo, come potete ricordare, racconta di quando il Salvatore fece visita al popolo del Libro di Mormon. Qui leggiamo dell’amore del Salvatore per questa gente e di ciò che insegnò loro›. Iniziammo a leggere a turno uno o due versetti. Dopo aver letto il versetto 5, il mio collega si fermò e disse: ‹Sono sempre stato colpito dalla descrizione che si trova qui della voce che udirono. Non era una voce dura, né era una voce forte; nondimeno, nonostante fosse una voce lieve, essa trafiggeva fino al centro coloro che la udivano. Questa voce non fu udita solo con le orecchie, ma parlò al loro cuore›. Osservai gli Snider mentre ascoltavano attentamente il mio collega.

    Dopo aver parlato un po’ della preghiera e dell’ascoltare lo Spirito, toccò a leggere al fratello Snider: ‹Ed ecco, la terza volta essi compresero la voce che udivano; ed essa diceva loro: Ecco il mio Figlio beneamato, nel quale io mi compiaccio, nel quale ho glorificato il mio nome: ascoltatelo›. L’uomo s’interruppe, e rimase assorto a guardare il Libro di Mormon. Poi alzò lo sguardo verso di me e disse: ‹Il Padre celeste era veramente fiero di Suo Figlio, non è vero?› ‹Sì›, risposi. Il fratello Snider, tutto pensieroso, riprese a rivolgere lo sguardo al suo libro e a fissare le pagine aperte. Alla fine affermò: ‹Vorrei che il Padre celeste fosse fiero anche di me. Mi chiedo in che modo mi presenterebbe. Penso che se io… Beh, se voglio che sia fiero di me allora sarà meglio che faccia ciò che desidera da me›. ‹Sì, penso che sarebbe importante›, risposi. ‹Beh›, continuò il fratello Snider, ‹Penso di essermi preoccupato troppo di ciò che pensano tutti gli altri ma di non aver pensato abbastanza a ciò che pensa Dio›. Dopo una breve pausa, l’uomo annuì e con lo sguardo determinato disse: ‹Penso che farei meglio a battezzarmi›. La sua reazione fu tanto inaspettata che io e il mio collega lo guardammo con stupore. Alla fine, il mio collega disse: ‹Sì, questa è la cosa giusta da fare. Infatti, più avanti in questo capitolo il Salvatore insegna…› Mentre il mio collega parlava sentivo un senso di calore nel cuore e di gratitudine per il potere del Libro di Mormon».

In che modo questi missionari hanno usato il Libro di Mormon? In che modo tu e il tuo collega lo userete con più efficacia nel vostro impegno missionario?

Riunioni di distretto e conferenze di zona

  • Esercitati a usare il Libro di Mormon in tutti i modi citati nell’intestazione principale di questo capitolo.

  • Elenca le obiezioni o le domande dei simpatizzanti. Spiegatevi a vicenda in che modo rispondereste alle domande facendo uso del Libro di Mormon.

  • Leggete insieme dei passi del Libro di Mormon. Condividete la conoscenza, i sentimenti e la testimonianza.

  • Esercitati a usare il Libro di Mormon per confermare il messaggio della Restaurazione.

  • Scegli uno dei grandi missionari del Libro di Mormon. Chiedi ai missionari di elencare le caratteristiche di questo missionario ed esaminatele. Invita ogni missionario a stabilire una meta per mettere in pratica una di queste caratteristiche. Ripeti quest’attività con regolarità usando i missionari del Libro di Mormon.

  • Invita i missionari a parlare di esperienze in cui il Libro di Mormon ha aiutato i loro simpatizzanti nel processo di conversione.

  • Chiedi ai missionari di condividere la loro migliore risposta del Libro di Mormon a un interrogativo che turba l’anima.

Presidente di missione

  • Insegnare ai missionari in che modo servirsi del Libro di Mormon per confermare la veridicità del messaggio della Restaurazione.

  • Leggere con i missionari 1 Nefi 1 e confrontarlo con l’esperienza di Joseph Smith.

  • Dare ai missionari una copia nuova del Libro di Mormon in brossura. Fare in modo che la sottolineino con diversi colori:

    • Ogni riferimento a Gesù Cristo (tutti i Suoi nomi o i pronomi che si riferiscano a Lui).

    • Le Sue parole (pronunciate da Lui o dai profeti, quando affermano: «Così dice il Signore»).

    • I Suoi attributi.

    • Le dottrine e i principi contenuti nel Libro di Mormon.

    Chiedere ai missionari di riportare a fondo pagina il conteggio del totale delle sottolineature. Chiedere ai missionari di condividere tra di loro ciò che hanno appreso nelle interviste e nelle riunioni di distretto durante i due o tre mesi dedicati a quest’attività. Si può prendere in considerazione un’attività simile in cui tutti i missionari sottolineano i riferimenti alla fede in Gesù Cristo, al pentimento, al battesimo, al dono dello Spirito Santo, o ai principi fondamentali del Vangelo.

  • Durante le interviste, invitare i missionari a condividere i versetti del Libro di Mormon che hanno cambiato la loro vita.

  • Aiutare i missionari a comprendere in che modo il Libro di Mormon insegna le dottrine delle lezioni missionarie. Ad esempio, per quanto riguarda l’Espiazione, chiedere ai missionari di scrivere in una colonna tutti gli elementi più importanti sull’Espiazione insegnati nel Libro di Mormon, riportando anche i riferimenti. Poi, in una seconda colonna, elencare a fianco gli stessi elementi insegnati nella Bibbia. Lasciare vuota la colonna in corrispondenza di quegli elementi che mancano o non sono insegnati nella Bibbia. Diventerà chiaro ai missionari il motivo per cui il Libro di Mormon è la chiave di volta della nostra dottrina. La stessa attività può essere svolta per le altre dottrine che i missionari insegnano.

  • Individuare degli interrogativi che turbano l’anima pertinenti alle persone che vivono nell’ambito della missione. Invitare i missionari a cercare le risposte nel Libro di Mormon.