Io avevo lottato per superare la pornografia. Perché lui no?
    Note a piè di pagina

    Solo digitale: Giovani Adulti

    Io avevo lottato per superare la pornografia. Perché lui no?

    Quando ho scoperto che il mio ragazzo aveva un problema con la pornografia, ho fatto del mio meglio per aiutarlo a volgersi al Signore per ricevere aiuto.

    L’autrice vive in Guatemala.

    Stavo uscendo con un ragazzo di cui ero follemente innamorata da circa un anno. Pensavo veramente che lo avrei sposato! Tuttavia, non avrei mai pensato che, frequentandolo, mi sarei trovata faccia a faccia con un problema che avevo cercato di superare con tutte le mie forze in passato.

    Mentre mi stavo preparando per partire in missione, sono dovuta andare dal mio vescovo e confessargli che in passato avevo avuto problemi con la pornografia. Dopo essermi pentita e aver rimosso questo peso dal mio spirito, non avrei mai pensato che la pornografia avrebbe toccato di nuovo la mia vita, ma mi sbagliavo.

    Quando ho scoperto che l’uomo che intendevo sposare faceva uso di materiale pornografico, ero ansiosa di aiutarlo e sostenerlo nel superare questa difficoltà. Avevo affrontato il processo di pentimento e l’impegno di vincere la pornografia in passato e sapevo che cosa il Signore poteva fare per Lui. Tuttavia, sembrava che ogni volta che cercavo di guidarlo verso l’aiuto di cui aveva bisogno per superare il suo problema qualcosa andasse storto. Sembrava che non volesse ricevere aiuto. Dopo un po’ di tempo, ho capito che non la pensavamo allo stesso modo riguardo alla pornografia. Sì, eravamo entrambi membri della Chiesa, ma sembrava che gli insegnamenti del Vangelo non avessero lo stesso significato per noi.

    Ero frustrata. Lo amavo, e credevo che se si fosse fatto aiutare avrebbe potuto vincere il suo problema. Mi sentivo anche vulnerabile perché dovevo affrontare lo stesso problema che avevo superato lavorando molto duramente in passato. Una sera decisi di pregare per chiedere al mio Padre nei cieli come andare avanti, perché avevo bisogno di potere per resistere alla tentazione e anche perché volevo sapere come sostenere la persona insieme alla quale contavo di vivere la mia vita.

    Quando alla fine la risposta è arrivata ho provato pace e la consapevolezza di dover parlare con l’uomo che stavo frequentando avendo uno scopo ben preciso in mente. Volevo fargli sapere quali erano le mie aspettative nel frequentare una persona, e cioè arrivare al matrimonio al tempio e crescere dei figli. Volevo sapere se le nostre aspirazioni collimavano e se lui stava muovendo i suoi passi verso il Salvatore. Avevo bisogno di sapere se avessimo dovuto continuare la nostra relazione. Nutrivo grandi speranze al riguardo e credevo che dopo averne parlato le cose si sarebbero sistemate.

    Era un pomeriggio di sole quando ho condiviso con lui i miei sogni e i miei obiettivi riguardo alla mia famiglia futura e al crescere i miei figli nel Vangelo. Con mia sorpresa, dopo avermi ascoltata lui si è irritato con me. Mi sono resa conto che avevamo idee molto diverse riguardo al futuro. Ero distrutta, ma sorprendentemente mi sentivo in pace e sapevo che la mia risposta era di concludere la relazione. Era in una posizione in cui non era disposto a provare a vincere il suo problema con la pornografia o a rivolgersi al Signore per chiedere aiuto e io non potevo aiutarlo se non voleva essere aiutato.

    Per un po’ mi sono chiesta perché, persino dopo aver fatto la cosa giusta e dopo aver fatto tutto ciò che potevo per aiutarlo, il mio cuore si era comunque infranto in mille pezzi. Alla fine, tuttavia, ho versato le mie ultime lacrime per lui e mi sono concentrata sulla pace che ho provato quando ho concluso la relazione. Sapevo che quella risposta veniva dal cielo.

    Sono passati alcuni anni dalla fine della mia relazione con quell’uomo e tuttora lo vedo come la buona persona che è sempre stata. Tuttavia, so che è lui che deve avvicinarsi al Salvatore per ricevere aiuto; io non posso costringerlo. Lui ha il suo arbitrio e io ho il mio. Da quando ho avuto questa esperienza, ho cercato di seguire la voce dello Spirito Santo senza esitazione. So che il Padre Celeste ha un piano per tutti noi e che possiamo confidare nel fatto che, se prendiamo decisioni basate sui suggerimenti dello Spirito, Egli non permetterà mai che veniamo traviati. Egli ci prepara sempre per le cose buone a venire.