Conferenza generale
Abbracciate il futuro con fede
File scaricati
Questa pagina (MP3)
Note a piè di pagina

Hide Footnotes

Tema

Abbracciate il futuro con fede

Il futuro sarà glorioso per coloro che sono preparati e che continuano a prepararsi per essere strumenti nelle mani del Signore.

Questa è stata una serata indimenticabile. Mie care sorelle, sono onorato di essere qui con voi. Negli ultimi mesi siete state spesso nei miei pensieri. Siete una forza di più di otto milioni di sorelle. Non solo avete i numeri, ma anche il potere spirituale per cambiare il mondo. Vi ho osservato fare proprio questo durante questa pandemia.

Alcune di voi si sono ritrovate all’improvviso a dover cercare qualche provvista o un nuovo lavoro. Molte hanno fatto scuola ai figli e hanno assistito i vicini. Alcune hanno riaccolto a casa i missionari prima del previsto, mentre altre hanno trasformato la propria casa in centri di addestramento per i missionari. Avete usato la tecnologia per stare in contatto con familiari e amici, per ministrare a chi si sentiva isolato e per studiare Vieni e seguitami assieme agli altri. Avete trovato nuovi modi per rendere il giorno del Signore una delizia. Inoltre, avete creato mascherine protettive, milioni di mascherine!

Con sentita compassione e amore, il mio cuore va alle molte donne in tutto il mondo i cui cari sono morti. Piangiamo con voi. Preghiamo per voi. Lodiamo tutti coloro che si impegnano instancabilmente per salvaguardare la salute degli altri e preghiamo per loro.

Anche voi, giovani donne, siete state straordinarie. Anche se i social media sono stati inondati dalla contesa, molte di voi hanno trovato modi per incoraggiare gli altri e per condividere la luce del nostro Salvatore.

Sorelle, siete state tutte assolutamente eroiche! Sono meravigliato dalla vostra forza e dalla vostra fede. Avete dimostrato che, in circostanze difficili, voi andate avanti con coraggio. Vi voglio bene e vi assicuro che il Signore vi ama e vede la grande opera che state compiendo. Grazie! Ancora una volta, avete dato prova di essere letteralmente la speranza d’Israele!

Voi incarnate le speranze che il presidente Gordon B. Hinckley aveva per voi quando ha presentato “La famiglia – Un proclama al mondo” venticinque anni fa alla riunione generale della Società di Soccorso del settembre 1995.1 È significativo che egli abbia scelto di presentare questo importante proclama alle sorelle della Chiesa. Così facendo, il presidente Hinckley ha sottolineato l’influenza insostituibile delle donne nel piano del Signore.

Adesso, mi piacerebbe sapere che cosa avete imparato quest’anno. Vi siete avvicinate di più al Signore o vi sentite più lontane da Lui? Come vi hanno fatto sentire gli attuali eventi riguardo al futuro?

Effettivamente il Signore ha parlato dei nostri giorni con espressioni che fanno riflettere. Ha avvertito che ai nostri giorni “il cuore degli uomini [sarebbe venuto] loro meno”2 e che persino gli eletti avrebbero corso il rischio di essere ingannati.3 Egli disse al profeta Joseph Smith che “la pace [sarebbe stata] tolta dalla terra”4 e che sarebbero venute delle calamità sul genere umano.5

Tuttavia, il Signore ha anche dato una visione di quanto questa dispensazione sia straordinaria. Ispirò il profeta Joseph Smith a dichiarare che “l’opera [di] questi ultimi giorni è di [vasta portata]. Le sue glorie sfidano ogni descrizione, la sua grandezza è insuperabile”6.

Ebbene, grandezza potrebbe non essere la parola che scegliereste per descrivere questi ultimi mesi! Quale atteggiamento dobbiamo avere sia verso le profezie cupe che verso le dichiarazioni gloriose riguardanti i nostri giorni? Il Signore ce lo ha detto con una rassicurazione semplice ma stupefacente: “Se siete preparati, voi non temerete”7.

Che promessa! Essa può letteralmente cambiare il modo in cui vediamo il nostro futuro. Di recente, ho sentito una donna con una profonda testimonianza ammettere che la pandemia, assieme a un terremoto nella Valle del Lago Salato, l’aveva aiutata a capire di non essere preparata come pensava. Quando le ho chiesto se si stava riferendo alla sua scorta di cibo o alla sua testimonianza, lei ha sorriso e ha detto: “Sì!”.

Se la preparazione è la nostra chiave per abbracciare questa dispensazione e il nostro futuro con fede, come possiamo prepararci al meglio?

Da decenni i profeti del Signore ci esortano a mettere da parte cibo, acqua e riserve finanziarie per i momenti di necessità. L’attuale pandemia ha ribadito la saggezza di tale consiglio. Vi esorto a prendere misure per essere preparate temporalmente. Tuttavia, sono ancora più preoccupato della vostra preparazione spirituale ed emotiva.

A tal proposito, possiamo imparare molto dal comandante Moroni. Quale capo dell’esercito nefita, egli affrontò forze nemiche che erano più forti, più numerose e più spietate. Pertanto, Moroni preparò il suo popolo in tre modi fondamentali.

Primo, lo aiutò a creare delle aree in cui fossero al sicuro: li chiamò “luoghi di difesa”8. Secondo, egli preparò “la mente del popolo a rimaner fedele al Signore”9. Terzo, egli non smise mai di preparare il suo popolo, fisicamente o spiritualmente.10 Analizziamo questi tre principi.

Principio numero uno: create luoghi di difesa

Moroni fortificò ogni città nefita con terrapieni, fortini e mura.11 Quando marciarono contro di loro, i Lamaniti “furono grandemente stupiti a causa della saggezza dei Nefiti nel preparare i loro luoghi di difesa12.

Similmente, con il tumulto che imperversa attorno a noi, dobbiamo creare dei luoghi in cui noi siamo al sicuro, sia fisicamente sia spiritualmente. Quando diventa un santuario personale di fede — in cui risiede lo Spirito — la vostra casa diventa la prima linea di difesa.

Alla stessa stregua, i pali di Sion sono “un rifugio dalla tempesta”13 perché sono guidati da coloro che detengono le chiavi del sacerdozio ed esercitano l’autorità del sacerdozio. Se continuerete a seguire i consigli di coloro che il Signore ha autorizzato a guidarvi, vi sentirete più al sicuro.

Il tempio — la casa del Signore — è un luogo di sicurezza diverso da tutti gli altri. Lì, voi sorelle siete investite del potere del sacerdozio attraverso le sacre alleanze del sacerdozio che stipulate.14 Lì, la vostra famiglia viene suggellata per l’eternità. Anche quest’anno, in cui l’accesso ai nostri templi è stato gravemente limitato, la vostra investitura vi ha dato costante accesso al potere di Dio quando avete onorato le vostre alleanze con Lui.

Detto in parole semplici, un luogo di difesa è qualunque luogo in cui potete sentire la presenza dello Spirito Santo ed essere guidate da Lui.15 Quando lo Spirito Santo è con voi, potete insegnare la verità, anche quando va contro le opinioni prevalenti. Inoltre, potete meditare su domande sincere relative al Vangelo in un ambiente di rivelazione.

Vi invito, mie care sorelle, a creare una casa che sia un luogo di difesa. Inoltre, vi rinnovo il mio invito ad accrescere la vostra comprensione del potere del sacerdozio e delle alleanze e benedizioni del tempio. Avere dei luoghi di difesa in cui potete ritirarvi vi aiuterà ad abbracciare il futuro con fede.

Principio numero due: preparate la vostra mente a rimanere fedele a Dio

Abbiamo intrapreso un enorme progetto finalizzato a estendere la vita e la capienza del Tempio di Salt Lake.

Alcuni hanno messo in dubbio la necessità di prendere queste misure così straordinarie. Tuttavia, quando la Valle del Lago Salato ha subito un terremoto di magnitudo 5.7 nella prima parte di quest’anno, questo venerabile tempio ha tremato così fortemente che la tromba della statua dell’angelo Moroni è caduta!16

Proprio come le fondamenta fisiche del Tempio di Salt Lake devono essere abbastanza forti da resistere ai disastri naturali, le nostre fondamenta spirituali devono essere solide. Allora, quando i terremoti metaforici scuotono la nostra vita, possiamo rimanere “costanti e fermi” grazie alla nostra fede.17

Il Signore ci ha insegnato come accrescere la nostra fede cercando “l’istruzione, sì, mediante lo studio ed anche mediante la fede”18. Rafforziamo la nostra fede in Gesù Cristo quando ci impegniamo a osservare i Suoi comandamenti e a “[ricordarci] sempre di lui”19. Inoltre, la nostra fede aumenta ogni volta che esercitiamo fede in Lui. Questo è ciò che significa apprendere mediante la fede.

Ad esempio, ogni volta che abbiamo la fede per essere obbedienti alle leggi di Dio — anche quando le opinioni popolari ci sminuiscono — o ogni volta che resistiamo a intrattenimenti o ideologie che celebrano l’inosservanza delle alleanze, stiamo esercitando la nostra fede, cosa che a sua volta accresce la nostra fede.

Inoltre, poche cose accrescono la fede più di un’immersione regolare nel Libro di Mormon. Nessun altro libro testimonia di Gesù Cristo con tale potere e chiarezza. I suoi profeti, ispirati dal Signore, videro i nostri giorni e selezionarono la dottrina e le verità che ci avrebbero aiutato di più. Il Libro di Mormon è la nostra guida di sopravvivenza per gli ultimi giorni.

Naturalmente, la nostra difesa suprema giunge quando ci aggioghiamo al Padre Celeste e a Gesù Cristo! La vita senza Dio è una vita piena di paura. La vita con Dio è una vita piena di pace. È così perché ai fedeli giungono benedizioni spirituali. Ricevere rivelazione personale è una delle più grandi di queste benedizioni.

Il Signore ha promesso che, se lo chiederemo, potremo ricevere “rivelazione su rivelazione”20. Prometto che, se aumenterete la vostra capacità di ricevere rivelazione, il Signore vi benedirà con maggiore guida per la vostra vita e con sconfinati doni dello Spirito.

Principio numero tre: non smettete mai di prepararvi

Anche quando le cose andavano bene, il comandante Moroni continuò a preparare il suo popolo. Non si fermò mai. Non si accontentò mai.

L’avversario non smette mai di attaccare. Dunque, non possiamo mai smettere di prepararci! Più autosufficienti siamo — temporalmente, emotivamente e spiritualmente — più preparati saremo per vanificare gli implacabili assalti di Satana.

Care sorelle, voi avete la capacità di creare luoghi di difesa per voi stesse e per coloro che amate. Inoltre, avete un’investitura divina che vi permette di edificare la fede negli altri in modi efficaci.21 E voi non vi fermate mai. Lo avete dimostrato una volta ancora quest’anno.

Per favore, continuate! La vostra attenzione nel proteggere la vostra casa e nell’instillare la fede nel cuore dei vostri cari mieterà ricompense per generazioni a venire.

Mie care sorelle, abbiamo tantissimo da aspettarci! Il Signore vi ha posto qui adesso perché sapeva che avevate la capacità di trattare le complessità dell’ultima parte di questi ultimi giorni. Sapeva che avreste colto la grandezza della Sua opera e sareste state entusiaste di contribuire a compierla.

Non sto dicendo che i giorni venturi saranno facili, ma vi prometto che il futuro sarà glorioso per coloro che sono preparati e che continuano a prepararsi per essere strumenti nelle mani del Signore.

Mie care sorelle, non limitiamoci a sopportare questo attuale periodo. Abbracciamo il futuro con fede! I momenti turbolenti sono opportunità per fiorire spiritualmente. Sono momenti in cui la nostra influenza può essere molto più forte che nei momenti più calmi.

Prometto che, se creeremo luoghi di difesa, prepareremo la nostra mente a rimanere fedele a Dio e non smetteremo mai di prepararci, Dio ci benedirà. Egli ci libererà, “sì, tanto che [comunicherà] pace alla nostra anima e ci [accorderà] una grande fede, e [farà] sì che [possiamo sperare] nella nostra liberazione in lui”22.

Se vi preparerete ad abbracciare il futuro con fede, queste promesse saranno vostre! Di questo rendo testimonianza, esprimendo il mio amore per voi e la mia fiducia in voi, nel sacro nome di Gesù Cristo. Amen.